Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Ricerche

Vedere ad alta definizione i segnali confusi dell'Alzheimer

 

Sfocato / nitidoScienziati del Virginia Tech Carilion Research Institute hanno scoperto come la classe predominante di prodotti farmaceutici per Alzheimer potrebbe affinare le prestazioni del cervello.

Un fattore ancora più importante della dimensione dello schermo televisivo è la qualità del segnale visualizzato. Avere una proiezione a grandezza naturale di Harry Potter che schiva un bolide in una partita di Quidditch è di scarsa utilità se si perdono i dettagli nella sgranatura.


L'importanza di trasmettere segnali chiari, tuttavia, non è riservata alle onde radio: lo stesso credo vale per gli impulsi elettrici che percorrono un cervello umano. Ora, una nuova ricerca dimostrato che uno dei pochi farmaci approvati per il trattamento dell'Alzheimer aiuta i pazienti chiarendo i segnali che arrivano dal mondo esterno.


La scoperta è stata fatta da un team di ricercatori guidato da Rosalyn Moran, professore assistente al Virginia Tech Carilion Research Institute. Il suo studio indica che gli inibitori della colinesterasi - una classe di farmaci che bloccano la scomposizione del neurotrasmettitore acetilcolina - consentono ai segnali di entrare nel cervello con più precisione e meno rumore di fondo.

"L'aumento dei livelli di acetilcolina sembra trasformare il vecchio segnale TV analogico sfocato in uno nuovo, lucido, ad alta definizione", scrive la Moran, cha ha un incarico di professore assistente al Virginia Tech College of Engineering. "E il farmaco lo fa nelle cortecce sensoriali. Questi sono i cavalli da soma del cervello, i guardiani, non le regioni di elaborazione più sofisticate (come la corteccia prefrontale) dove uno avrebbe potuto aspettarsi che i farmaci avessero l'effetto più evidente".


L'Alzheimer colpisce più di 35 milioni di persone in tutto il mondo; un numero destinato a raddoppiare ogni 20 anni, arrivando a più di 115 milioni di casi nel 2050. Su cinque farmaci approvati dalla Food and Drug Administration per il trattamento della malattia, quattro sono inibitori della colinesterasi. Sebbene sia chiaro che i farmaci aumentano la quantità di acetilcolina nel cervello, non è chiaro come questi migliorano i sintomi dell'Alzheimer. Se gli scienziati capissero i meccanismi e i percorsi responsabili del miglioramento, potrebbero progettare farmaci migliori per combattere la malattia, che costa più di $ 200 miliardi di dollari all'anno, solo negli Stati Uniti.


Nel nuovo studio, la Moran ha reclutato 13 giovani adulti sani e ha dato loro dosi di galantamina, uno degli inibitori della colinesterasi prescritti di solito ai malati di Alzheimer. Mentre i partecipanti ascoltavano una serie di segnali modulanti, eseguendo un compito semplice di concentrazione, sono stati fatti due elettroencefalogrammi (uno con farmaci e uno senza). I ricercatori cercavano le differenze di attività neurale tra i due stati di farmaco in risposta ai cambiamenti sorprendenti nei modelli sonori che i partecipanti stavano ascoltando.


Gli scienziati hanno confrontato i risultati con i modelli computerizzati costruiti su una teoria bayesiana del cervello, nota come Free Energy Principle, una teoria importante che descrive le regole fondamentali della comunicazione neuronale e spiega la creazione di reti complesse. La teoria ipotizza che i neuroni cercano di ridurre l'incertezza, che può essere modellata e calcolata con le dinamiche dell'energia molecolare libera. Collegando decine di migliaia di neuroni che si comportano in questo modo, si ottiene la macchina probabilistica che noi chiamiamo cervello.


La Moran e i suoi colleghi hanno compilato 10 simulazioni al computer sulla base dei diversi effetti che i farmaci potrebbero avere sul cervello. Il modello che si adattava meglio ai risultati ha rivelato che i cicli di basso livello del cervello, nelle prime fasi del processo di creazione di reti neurali, sono quelli che beneficiano dei farmaci e della creazione di segnali più chiari, più precisi.


"Quando le persone prendono questi farmaci si può immaginare che il cervello se ne inonda", dice la Moran. "Ma abbiamo scoperto che i farmaci non hanno effetti ad ampio spettro sull'attività cerebrale. Al contrario funzionano in modo molto mirato nei punti di entrata della corteccia, controllando i segnali che entrano in rete inizialmente".

 

 

 

 


Fonte: Virginia Tech (Virginia Polytechnic Institute and State University), via Newswise. Articolo originale scritto da Ken Kingery.

Riferimento: Rosalyn Moran et al. Free Energy, Precision and Learning: The Role of Cholinergic Neuromodulation. The Journal of Neuroscience, May 8, 2013 (in press).

Pubblicato in Science Daily il 7 Maggio 2013 (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

 

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.