Iscriviti alla newsletter

Scoperto uno scambio sorprendente nel misfolding

Secondo ricercatori della Rice University, lo sforzo di sviluppare un software che svela la complessità del ripiegamento delle proteine sta ripagando con nuove conoscenze su questo fondamentale processo.

Lo studio pubblicato questa settimana nei Proceedings of the National Academy of Sciences dal chimico Peter Wolynes e dal suo team di ricerca della BioScience Research Collaborative della Rice, dovrebbe essere di particolare interesse per coloro che sondano le radici delle malattie degenerative associate all'aggregazione di fibre amiloidi, come Alzheimer, Parkinson e diabete di tipo 2.


Un grafico tridimensionale delle energie all'opera
nel ripiegamento delle proteine in multidominio,
prodotto alla Rice University con il programma
AWSEM-MD, mostra le regioni stabili in blu nella
parte inferiore ("N") della proteina nel suo stato
nativo corretto, e nella parte superiore ( "I") nel suo
stato mal-ripiegato errato. Entrambi gli estremi
sono ugualmente stabili, anche se le proteine "N"
hanno meno energia. Rosso e verde rappresentano
i domini proteici separati; i colori sono mescolati
nella struttura con dominio scambiato (in alto) e
nella struttura di "auto-riconoscimento" (a destra),
che si sono mal ripiegate a causa di forti interazioni
di auto-riconoscimento tra le sequenze di residui
brevi mostrate nelle strisce colorate. I ricercatori
sospettano che le proteine mal ripiegate abbiano un
ruolo importante nella aggregazione delle fibre
amiloidi implicate nelle malattie degenerative.
(Credit: Image by Nicholas Schafer and Weihua
Zheng)


Il software di dinamica molecolare, idoneo a prevedere come si curvano e si avvolgono nelle varie forme funzionali i filamenti dei residui, è stato progettato per seguire l'innovativo "principio di minima frustrazione" di Wolynes e colleghi. Questi residui, i granelli molecolari che costituiscono le proteine, mentre si piegano nel loro stato di origine, seguono il percorso di minor resistenza. Il principio descrive il modo in cui l'evoluzione ha plasmato il percorso che segue una proteina verso la stabilità.


Il software, chiamato AWSEM-MD (Associative memory, Water-mediated Structure and Energy Model) simula i possibili modi in cui si dovrebbero piegare i granelli di una striscia, sulla base delle energie in gioco, fino al livello submolecolare, e predice accuratamente la struttura finale. Due sviluppatori della versione corrente, Weihua Zheng, ricercatore post-dottorato alla Rice, e Nicholas Schafer, studente laureato, sono co-autori del nuovo studio, l'ultimo di una serie sulle dinamiche di piegatura definite da software.


I ricercatori si proponevano di confermare che un processo, visto da sperimentatori e chiamato scambio di dominio, è una delle cause del misfolding [=errata piegatura delle proteine]. I domini sono parti di catene proteiche conservate. A volte un dominio di una catena può incontrare il suo sosia di una catena vicina e impigliarsi con esso tramite interazioni simili a quelle dello stato di piegatura corretta. Il risultato è spesso un dimero - proteine come gemelli siamesi - che non sarà probabilmente in grado di svolgere il compito biologico previsto e può diventare parte di una fibrilla amiloide dannosa. "Gli sperimentatori hanno avuto qualche evidenza forte in laboratorio che la dimerizzazione è una conseguenza della minima frustrazione, un'idea proposta in precedenza dal nostro gruppo su un piano più generale", ha detto Wolynes. "Quindi abbiamo pensato che sarebbe stato bene fare una simulazione per controllarlo".


Il team ha visto effettivamente lo scambio di dominio nei loro modelli di titina cardiaca umana, una proteina muscolare. Ma sono stati sorpresi di vedere qualcosa di inaspettato: la prova che sequenze identiche di catene vicine, composte di 5-7 residui solamente, hanno la spiacevole tendenza di incontrarsi e stare insieme. Hanno trovato istanze che tale "auto-riconoscimento" fa pendere la bilancia delle energie che decide se una proteina si può piegare correttamente. Sostituendo anche solo alcuni residui di un frammento, si elimina l'auto-riconoscimento e si abbassa l'incidenza degli scambi di dominio, dice Wolynes.


"Non eravamo persone che pensavano a questa possibilità", ha detto. "Era stata suggerita da altri, anche se non ci avevo mai creduto, perché non c'è una connessione evidente con il principio della frustrazione minima". Ma le simulazioni mostrano casi dove l'auto-riconoscimento appiccicoso di un segmento in una catena potrebbe influenzare l'energia dei residui della serie e instaurare efficacemente una "frustrazione" che impedisce al resto della proteina di piegarsi del tutto, con il risultato di grande disordine, o entropia.


Anche se i modelli non si collegano direttamente alla formazione di fibrille amiloidi, dice Wolynes, l'aneddotica indica che le malattie da ripiegamento delle proteine hanno una certa correlazione con la febbre che permette all'entropia aggiuntiva di stabilizzare le forme mal ripegate. "I risultati forniscono una nuova spiegazione", dice, "di come una parte disordinata della catena può contribuire alla stabilità di questi stati mal ripiegati ad alta temperatura". "Quando ti dice 'prendi due aspirine e chiamami domattina', il medico ti sta facendo un favore più grande di quello che credi", dice Wolynes.


La scoperta potrebbe aprire la strada alla progettazione di farmaci che inibiscono specifiche interazioni. "Nella simulazione al computer, questo auto-riconoscimento sembra essere impedito da modifiche minime, e questo è quello che vogliamo che facciano gli sperimentatori: modifiche per vedere se diminuisce l'effetto auto-riconoscimento", ha detto. "Le nostre simulazioni forniscono dettagli strutturali di proteine mal ripiegate a livello molecolare, che sono difficili da indagare negli esperimenti", ha detto Zheng. "Queste possono generare ipotesi specifiche da testare".


I ricercatori sperano che il loro lavoro sarà utile sia agli sperimentatori che ad altri ricercatori computazionali sulla piegatura delle proteine. "L'AWSEM è ospitato su Google Code, cosa che richiede tutto codice open-source", dice Schafer. "Quindi è a disposizione di chiunque voglia usarlo. Quello che stiamo vedendo con questi studi è che i valori che otteniamo applicando il principio di frustrazione minima sono appropriati a livello mondiale, non solo per predire le strutture native delle proteine. Può prevedere pure le strutture associate (come i dimeri) e le strutture mal ripiegate. Bisogna sempre stare attenti a utilizzare modelli che 'maneggiano il mazzo' a favore di un determinato risultato atteso", dice. "Ma ciò che è interessante è che il nostro modello non dispone di informazioni a priori su questi specifici tipi di strutture mal ripiegate. Il nostro modello è parametrizzato usando come input solo i dati sperimentali delle strutture piegate correttamente e quindi applicando il principio di frustrazione minima. L'ampia gamma di successi che abbiamo avuto quest'anno ci dice che abbiamo un metodo decente per ricavare i punti di forza delle interazioni".


"Non abbiamo mai veramente pensato a specifici tipi di misfolding o al processo di aggregazione quando abbiamo costruito il nostro modello intorno al principio di frustrazione minima", dice Zheng. "Ma sono tutti a posto".


La versione corrente di AWSEM è stata progettata e programmata per la maggior parte da Garegin Papoian, Professore Associato "Monroe Martin" dell'Università del Maryland, e da Aram Davtyan, studente laureato del suo laboratorio; questa versione si basa sullo sviluppo precedente di Cecilia Clementi, docente "Wiess Career Development" e professore di chimica e di ingegneria chimica e biomolecolare alla Rice, e altri del laboratorio di Wolynes all'Università della California di San Diego e alla University of Illinois di Urbana-Champaign.

 

 

 

 

***********************
Cosa pensi di questo articolo? Ti è stato utile? Hai rilievi, riserve, integrazioni? Conosci casi o ti è successo qualcosa che lo conferma? o lo smentisce? Puoi usare il modulo dei commenti qui sotto per dire la tua opinione. Che è importante e unica.

 

***********************
Fonte: Materiale della Rice University. Articolo originale scritto da Mike Williams.

Riferimento:
Weihua Zheng, Nicholas P. Schafer, and Peter G. Wolynes. Frustration in the energy landscapes of multidomain protein misfolding. PNAS, January 14, 2013 DOI: 10.1073/pnas.1222130110.

Pubblicato in ScienceDaily il 14 Gennaio 2013 - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:




Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.