Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


L'obesità influisce sull'apprendimento? Scoperti effetti deleteri sulla cognizione.

diabetes obesity

Il fallimento dell'istruzione è una preoccupazione globale, che include tassi alti di abbandono, livelli bassi di alfabetizzazione, accesso inadeguato all'istruzione di qualità e disparità nelle opportunità educative. Questo problema è più grave nei paesi in via di sviluppo con meno risorse economiche e investimenti limitati in programmi di istruzione.

Tuttavia, nei paesi sviluppati, queste questioni esistono anche a causa di un accesso disuguale all'istruzione o alla mancanza di supporto sufficiente per gli studenti in difficoltà. In queste comunità, la prevalenza dell'obesità tra bambini, adolescenti e giovani individui sta aumentando a causa di uno stile di vita sedentario e un consumo elevato di fast food (cibo spazzatura) e alimenti altamente trasformati.

È plausibile pensare che chi sia una correlazione tra questi due fenomeni sociali?

 

L'obesità è un grosso problema in tutto il mondo

Centomila anni fa, i cacciatori-raccoglitori, a differenza delle persone di oggi, non erano in grado di consumare abbastanza cibo più volte al giorno. Potevano mangiare quantità limitate di radici, cereali e piccoli animali, specialmente in ambienti impegnativi e condizioni meteorologiche gravi. Il loro corpo doveva essere in grado di conservare più calorie come grassi per fornire energia durante i periodi di scarsità di cibo.

Noi umani moderni abbiamo ereditato geni e sistemi metabolici simili a quelli dei nostri antenati, però consumiamo più pasti al giorno. Conserviamo il tessuto adiposo per tempi che normalmente non arrivano mai; pertanto, l'obesità è diventata un problema nella società di oggi.

L'obesità grava in modo significativo sui sistemi sanitari di oggi. La World Obesity Federation (Federazione Mondiale Obesità) prevede che nel 2020 circa 770 milioni di adulti in tutto il mondo erano obesi. Se non c'è alcuna azione, questo numero dovrebbe superare il miliardo nel 2030.

L'obesità è associata a diverse malattie, che comprendono ipercolesterolemia, ipertensione, malattia coronarica, diabete e alcuni tipi di cancro. Ma spesso si trascura l'impatto dell'obesità sulla funzione cognitiva e sulla memoria: ricerche recenti hanno dimostrato che l'obesità può avere un ruolo significativo nel declino delle funzioni cognitive e della memoria.

 

L'obesità ha effetti deleteri sull'apprendimento e sulla memoria

Molti medici credono che i problemi psichiatrici siano separati dalle malattie fisiche. Questo in genere nasce da vecchie credenze sulla separazione tra corpo e cervello. Però è sbagliato pensare che le malattie legate al corpo non abbiano alcun effetto sulle funzioni cognitive e sulla mente.

La connessione tra metabolismo e memoria è complessa, in particolare in relazione a obesità, diabete e demenza. Secondo uno studio [rif.1], le adipochine rilasciate dal tessuto adiposo (una forma di grasso) degli individui sani hanno impatti fisiologici significativi sulle funzioni cerebrali. Tuttavia, negli individui obesi, le chemochine infiammatorie provenienti dal tessuto adiposo distruggono la plasticità sinaptica e la neurogenesi nell'ippocampo, attraversando la barriera emato-encefalica.

Una ricerca pubblicata nel 2020 ha mostrato che l'obesità è correlata alla compromissione della memoria a breve termine che deriva dall'alterazione del metabolismo degli aminoacidi aromatici da parte del microbioma intestinale [rif.2]. Questo studio ha dimostrato che ci sono differenze nella memoria di lavoro, in quella a breve termine e nelle dimensioni dell'ippocampo e delle regioni frontali del cervello tra individui con e senza obesità.

Ha trovato una correlazione coerente tra i livelli di aminoacidi aromatici, i loro sottoprodotti da rottura, i composti derivati dalle verdure sia nel plasma che nelle feci, e nella memoria di lavoro e a breve termine per un periodo di tempo. Inoltre, i topi hanno registrato un declino dei punteggi di memoria dopo aver ricevuto un trapianto di microbiota da persone obese.

Uno studio eseguito all'Università dell'Alabama di Birmingham ha scoperto che l'obesità influisce negativamente sulla memoria attraverso un meccanismo che coinvolge la disregolazione neuroepigenetica della Sirt1, una proteina coinvolta nella regolazione dell'espressione genica. L'autore ha scoperto che l'obesità cronica modifica l'espressione dei geni legati alla memoria nel cervello attraverso un meccanismo epigenetico che coinvolge la Sirt1 [rif.3].

Tra i meccanismi suggeriti per l'effetto dell'obesità sulla memoria e l'apprendimento, sono stati implicati la disregolazione degli ormoni nel corpo (come insulina e ormoni tiroidei) e l'infiammazione. Questi mediatori infiammatori possono attraversare la barriera emato-encefalica, influenzando la struttura e la funzione di regioni cerebrali specifiche.

Per riassumere, l'evidenza suggerisce che l'obesità può influire negativamente sulla funzione cognitiva e sulla memoria, anche nei bambini il cui cervello si sta ancora sviluppando. La relazione tra obesità e funzione cognitiva coinvolge vari fattori fisiologici e di vita.

È fondamentale che genitori, educatori e professionisti sanitari siano consapevoli delle conseguenze cognitive dell'obesità nei bambini e adottino misure proattive per promuovere abitudini sane e prevenire l'obesità. Ciò include incoraggiare a seguire una dieta equilibrata, fare esercizio fisico regolare e ridurre i comportamenti sedentari.

Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio i meccanismi e i potenziali interventi per affrontare l'impatto dell'obesità sulla funzione cognitiva e sulla memoria. Affrontando l'obesità nei bambini, possiamo migliorare la loro salute fisica e sostenerne sviluppo cognitivo e rendimento scolastico.

 

 

 


Fonte: Hamid Zand PhD, professore di biochimica dell'Università Scienze Mediche di Teheran / Iran

Pubblicato su Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:

  1. D Shalev et al. Metabolism and Memory: Obesity, Diabetes, and Dementia. Biol Psychiatry, 2017, DOI
  2. M Arnoriaga-Rodríguez et al. Obesity Impairs Short-Term and Working ... Cell Metabolism, 2020, DOI
  3. FD Heyward et al. Obesity Weighs down Memory through a Mechanism ... J Neurosci, 2016, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.