Iscriviti alla newsletter

Incorporare fibre nel cervello per capire come nasce l'Alzheimer

Embeddable fiber photo by Ben Murphy for Virginia TechEsempio di fibra incorporabile che userà il team di Jia (Foto: Ben Murphy / Virginia Tech)

Ogni 65 secondi negli USA un individuo sviluppa il morbo di Alzheimer (MA), una forma devastante di demenza che colpisce 6,2 milioni di americani. Sebbene sia stato identificato quasi 120 anni fa, il MA è un disturbo neurologico progressivo senza cura e pochi trattamenti. Inizia con una piccola perdita di memoria che, nel tempo, diventa un declino mentale così grave, da provocare perfino difficoltà a deglutire.

Xiaoting Jia, prof.ssa associata al Dipartimento di ingegneria elettrica e informatica del Virginia Tech, è stata toccata direttamente e crudelmente dal MA che ha devastato la mente di sua nonna, distruggendo i ricordi di una vita lunga e amata.

"Il MA è un problema devastante, ho visto in prima persona quanto brutto può essere", ha detto la Jia. "È per questo che mi coinvolge come ingegnere elettrico. Voglio costruire strumenti e cercare di aiutare i neuroscienziati a risolvere i problemi cerebrali".

È questa connessione personale che rende così pregnante la sovvenzione di breve termine ricevuta dai National Institutes of Health.

 

Costruire una nuova fibra

La Jia, pioniera nel campo delle fibre neurali, ha collaborato con Harald Sontheimer, professore e presidente di neuroscienze all'Università della Virginia, e con il collega esperto di scansione cerebrale Song Hu, professore associato di ingegneria biomedica alla Washington University di St. Louis, per sviluppare un nuovo strumento neurale: una fibra multiuso per il cervello profondo.

Il loro obiettivo? Rallentare o invertire la perdita di memoria.

"Quello che stiamo facendo qui insieme è creare un dispositivo per visualizzare l'accumulo di biomarcatori che sono colpevoli del MA", ha detto Sontheimer. "Di solito non puoi accedere o vedere quella parte del cervello, ma questo dispositivo fornirà l'accesso all'ippocampo, la sede della conservazione e della memoria spaziale".

Il team ha un anno per costruire una fibra poco invasiva a lungo termine, spessa poco più di un capello, per studiare quei biomarcatori, inclusi i depositi spessi di proteine chiamati placche amiloidi nell'ippocampo.

Gli attuali strumenti elettrici e di scansione dei neuroscienziati, come la risonanza magnetica o l'elettroencefalogramma, sono limitati nella risoluzione, sia temporale che spaziale. Alcuni sono anche invasivi come i grandi elettrodi con cui i medici devono 'pescare' qua e là nel tentativo di stimolare elettricamente il cervello profondo.

"Un grosso problema nella ricerca di MA è che ci sono molte disfunzioni nel cervello che hanno a che fare con i cambiamenti neurovascolari", ha detto Hu, "ma non comprendiamo perfettamente come tali cambiamenti influiscono sulla perdita di memoria e sui comportamenti che alla fine deteriorano la vita. Le tecniche convenzionali hanno fornito informazioni importanti sui neuroni e sulla vascolarizzazione, ma c'è un limite nella tecnologia".

La super fibra costruita da Jia si distinguerà da altre tecnologie esistenti grazie alla piattaforma polimerica flessibile. Poco o nessun danno al tessuto cerebrale e il potenziale di lunga durata implicano meno interventi chirurgici complicati e più tempo con la famiglia.

 

Sconfiggere i depositi

"I depositi di amiloide sono la caratteristica principale del MA e iniziano a svilupparsi anni, persino decenni, prima che le persone mostrino sintomi", ha detto la Jia. "È ancora un mistero come iniziano a formarsi i depositi".

Secondo la Jia, non esiste una relazione causale confermata tra MA e depositi, non ancora. Tuttavia, la relazione tra l'accumulo di placche e l'insorgenza dei sintomi è l'obiettivo guida della ricerca del team; ogni ricercatore controlla un componente chiave per creare questa fibra, prima nel suo genere:

  • sulla base delle competenze evidenziate nel suo premio National Science Foundation Faculty Early Career Development, la Jia otterrà termicamente una fibra multifunzionale per la stimolazione elettrica e la consegna di farmaci, lasciando un nucleo vuoto;
  • in quel nucleo entrerà l'endoscopio a doppia modalità di Hu per catturare due diversi tipi di immagini nel cervello;
  • Sontheimer svilupperà l'impianto 'cronico' della fibra combinata e monitorerà la biocompatibilità.

L'obiettivo principale del team è usare l'endoscopio che fornirà immagini per osservare la neuroattività, le fasi iniziali della deposizione di amiloide e il flusso nei vasi sanguigni. Il team userà questi dati per analizzare la relazione perdita memoria-amiloide.

Il secondo obiettivo è inviare impulsi elettrici, e poi farmaci anti-amiloide, nella speranza di ristabilire il flusso sanguigno e l'ossigenazione ai neuroni morti e ripristinare la memoria. Sembra complesso, e lo è, soprattutto perché il team ha solo 12 mesi per sviluppare e testare due prototipi.

"È un obiettivo molto ambizioso fare tutto questo in un anno", ha detto la Jia. "Il cervello è complesso con oltre 80 miliardi di neuroni e siamo ancora indietro nella comprensione di come funziona e come si formano le malattie".

Raggiungere gli obiettivi consentirà al team delle fibre di cercare ulteriori finanziamenti pluriennali dai National Institutes of Health. La speranza finale? I ricercatori vogliono dimostrare che la loro tecnologia ha la possibilità di migliorare la qualità della vita dei milioni di americani colpiti dal MA.

 

 

 


Fonte: Niki Hazuda in Virginia Tech (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.