Iscriviti alla newsletter

Identificate aree cerebrali danneggiate dall'ipertensione, coinvolte in declino mentale e demenza

blood pressure thinkstockphotos 516257748 1

Dei ricercatori hanno identificato per la prima volta regioni specifiche del cervello che sono danneggiate dall'ipertensione e possono contribuire a un declino dei processi mentali e allo sviluppo della demenza. Sappiamo che l'ipertensione è coinvolta nella demenza e nei danni alla funzione cerebrale. Uno studio, pubblicato il 28 marzo 2023 sull'European Heart Journal, mostra come ciò accade.


La ricerca ha raccolto informazioni da una combinazione tra risonanze magnetiche (MRI) cerebrali, analisi genetiche e dati osservativi di migliaia di pazienti, per esaminare l'effetto della pressione alta sulla funzione cognitiva. I ricercatori hanno quindi controllato i loro risultati in un grande gruppo separato di pazienti in Italia.


Tomasz Guzik, professore di medicina cardiovascolare dell'Università di Edimburgo (GB) e della Jagiellonian University di Cracovia (Polonia), che ha guidato la ricerca, ha dichiarato:

“Usando questa combinazione tra scansioni, approcci genetici e osservativi, abbiamo identificato parti specifiche del cervello che sono influenzate dall'aumento della pressione sanguigna, comprese le aree chiamate putamen e regioni specifiche della materia bianca. Abbiamo pensato che queste aree potessero essere quelle in cui l'ipertensione influisce sulla funzione cognitiva, come la perdita di memoria, le capacità di pensiero e la demenza.

"Quando abbiamo controllato i nostri risultati studiando un gruppo di pazienti in Italia che avevano la pressione alta, abbiamo scoperto che le parti del cervello che avevamo identificato erano veramente danneggiate. Speriamo che le nostre scoperte ci permettano di sviluppare nuovi modi per trattare la compromissione cognitiva nelle persone con ipertensione.

"Studiare i geni e le proteine in queste strutture cerebrali potrebbe aiutarci a capire come l'ipertensione influisce sul cervello e provoca problemi cognitivi. Inoltre, osservando queste regioni specifiche del cervello, potremmo prevedere più velocemente chi svilupperà la perdita di memoria e la demenza nel contesto della pressione alta. Ciò potrebbe aiutare la medicina di precisione, così da puntare terapie più intensive per prevenire lo sviluppo di compromissione cognitiva nei pazienti con il rischio più alto".


L'ipertensione è comune ed è presente nel 30% delle persone in tutto il mondo, con un ulteriore 30% che mostra le fasi iniziali della malattia. Studi precedenti hanno dimostrato che influisce sul modo di funzionare del cervello e che può causare cambiamenti a lungo termine. Tuttavia, fino ad ora non si sapeva esattamente come la pressione alta danneggia il cervello e quali regioni specifiche sono interessate.


Nella ricerca cofinanziata dall'European Research Council, dalla British Heart Foundation e dal Ministero della Salute italiano, il prof. Guzik e un team internazionale di ricercatori hanno usato dati di scansione a risonanza magnetica nel cervello di oltre 30.000 partecipanti allo studio UK Biobank, informazioni genetiche di associazione dell'intero genoma (GWAS) della UK Biobank e di altri due gruppi internazionali (COGENT e International Consortium for Blood Pressure) e una tecnica chiamata randomizzazione Mendeliana, per vedere se l'ipertensione era effettivamente la causa dei cambiamenti in parti specifiche del cervello, piuttosto che essere solo associata a questi cambiamenti.


Il prof. Guzik ha affermato:

"La randomizzazione mendeliana è un modo di usare informazioni genetiche per capire come una cosa colpisce un'altra. In particolare, verifica se qualcosa sta potenzialmente causando un certo effetto o se l'effetto è solo una coincidenza. Usa le informazioni genetiche di una persona per vedere se esiste una relazione tra geni che predispongono alla pressione più elevata e gli esiti. Se c'è una relazione, è più probabile che sia la pressione alta a causare l'esito.

"Questo perché i geni vengono tramandati casualmente dai genitori, quindi non sono influenzati da altri fattori che potrebbero confondere i risultati. Nel nostro studio, se un gene che causa la pressione alta è legato anche a determinate strutture cerebrali e alla loro funzione, questo suggerisce che la pressione alta potrebbe davvero causare disfunzione cerebrale in quella posizione, portando a problemi con memoria e pensiero e alla demenza".


I ricercatori hanno scoperto che cambiamenti in 9 aree del cervello erano correlati alla pressione più alta e a una funzione cognitiva peggiore. Queste aree includevano il putamen, che è una struttura rotonda nella base della parte anteriore del cervello, responsabile della regolazione del movimento e dell'influenza di vari tipi di apprendimento.


Altre aree interessate erano la radiazione talamica anteriore, la corona anteriore radiata e l'arto anteriore della capsula interna, che sono regioni della materia bianca che collegano diverse parti del cervello, e consentono la segnalazione tra loro. La radiazione talamica anteriore è coinvolta nelle funzioni esecutive, come la pianificazione di compiti quotidiani semplici e complessi, mentre le altre due regioni sono coinvolte nel processo decisionale e nella gestione delle emozioni.


I cambiamenti in queste aree includevano una riduzione del volume del cervello e della quantità di superficie sulla corteccia cerebrale, modifiche alle connessioni tra diverse parti del cervello e cambiamenti nelle misure dell'attività cerebrale. Il primo autore dello studio, il prof. associato Mateusz Siedlinski, anch'egli ricercatore della Jagiellonian University, ha dichiarato:

“Il nostro studio ha identificato, per la prima volta, punti specifici nel cervello che sono potenzialmente associati causalmente all'ipertensione e al deterioramento cognitivo. Ciò è stato possibile unicamente grazie alla disponibilità di dati della UK Biobank, comprese le immagini MRI del cervello, e grazie alle ricerche precedenti che avevano identificato varianti genetiche che influenzano la struttura e la funzione di oltre 3.000 aree del cervello".


La coautrice dello studio, prof.ssa Joanna Wardlaw, responsabile di Neuroimaging Sciences all'Università di Edimburgo, ha dichiarato:

“È noto da molto tempo che l'ipertensione è un fattore di rischio del declino cognitivo, ma non era chiaro quanto la pressione alta danneggia il cervello. Questo studio mostra che regioni cerebrali specifiche hanno un rischio particolarmente alto di danni dalla pressione sanguigna, il che può aiutare a identificare le persone a rischio di declino cognitivo nelle prime fasi e potenzialmente puntare le terapie in modo più efficace in futuro".


I limiti dello studio includono che i partecipanti allo studio UK Biobank sono principalmente bianchi e di mezza età, quindi potrebbe non essere possibile estrapolare i risultati per gli anziani.

 

 

 


Fonte: European Society of Cardiology (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: M Siedlinski, L Carnevale, X Xu, D Carnevale, E Evangelou, MJ Caulfield, P Maffia, J Wardlaw, NJ Samani, M Tomaszewski, G Lembo, MV Holmes, TJ Guzik. Genetic analyses identify brain structures related to cognitive impairment associated with elevated blood pressure. European Heart Journal, 27 mar 2023, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.