Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Tu e il partner vi finite le frasi a vicenda? È il sistema di memoria condivisa

Old couple at the seaside

La scienza (e probabilmente anche la tua esperienza) mostra che il declino cognitivo è normativo e prevedibile con l'età. Un'area particolare che evidenzia il declino più evidente è la memoria e, più specificamente, la memoria episodica: il tipo di memoria responsabile di ricordare qual è la capitale del Brasile (suggerimento: non è Rio de Janeiro) o dove hai lasciato le chiavi l'altro giorno (scusa, non posso aiutarti lì).

Tuttavia, se tu, come molti altri, sei tentato di dire "è tutto un declino da qui", non disperare. Nuovi studi ci hanno portato alcune buone notizie. Almeno per quelli di noi che stanno invecchiando in coppia. Nel tempo, le coppie da lungo tempo sembrano sviluppare un sistema di memoria comune che facilita l'accesso individuale alla conoscenza condivisa. In altre parole, anche se la memoria episodica intra-personale può declinare, la matrice di memoria inter-personale sembra crescere.

 

Il sistema di memoria transattiva (TMS)

Negli anni '80, dei ricercatori (es.: Wegner et al., 1985, 1987) hanno riconosciuto che quando invecchiamo in un sistema sociale, ad esempio con amici e famiglia, mettiamo insieme le risorse cognitive del gruppo. Questo è definito 'sistema di memoria transattiva' (TMS). In tale sistema, una persona può estrarre dalle conoscenze e dalle risorse comuni, facilitando il proprio funzionamento individuale.

Ad esempio, potresti non essere in grado di far ripartire un'auto o dire "Ho bisogno del bagno" in tedesco, ma sai che hai un amico intimo o un parente che può farlo. Finché sei consapevole delle sue conoscenze e abilità, puoi usarle. È come se le persone nella nostra tribù fossero anche risorse a cui abbiamo accesso immediato.

 

Ricerca sulle coppie

In uno studio recente (Bernier, Harris, Morris, Savage, 2018), i ricercatori hanno trovato prove chiare che le coppie da lungo tempo sviluppano sistemi di memoria interconnessi, che facilitano il richiamo del singolo individuo. Gli autori hanno studiato 39 coppie che erano sposate da 13 a 65 anni (media di 49 anni di matrimonio) dando loro tre compiti di memoria separati: ricordare un elenco di parole, elencare tutti i paesi dell'Europa ed elencare i nomi dei loro reciproci amici.

I risultati hanno dimostrato che le coppie sono andate molto meglio quando ricordavano insieme, soprattutto quando aumentava la rilevanza personale dei compiti. Questi effetti sono stati ancora più pronunciati quando le persone della coppia hanno mostrato capacità personali discrepanti o, in altre parole, si completavano a vicenda.

Uno dei motivi di questo fenomeno potrebbe essere che le coppie tendono a sviluppare stili specifici di conversazione, che quindi facilitano il richiamo. I nostri partner sanno letteralmente come darci suggerimenti che sono personalmente significativi e quindi suscitano i ricordi che cerchiamo (Hyden, 2011).

Inoltre, ricerche recenti hanno fornito supporto alla teoria secondo cui nei matrimoni a lungo termine, gli individui hanno letteralmente un impatto sulle sinapsi cerebrali reciproche. Usando la risonanza magnetica funzionale, Shi et al. (2019) hanno dimostrato che i partecipanti al loro studio - coppie che vivevano insieme da oltre 30 anni - avevano somiglianze speciali significative in alcune regioni cerebrali. Inoltre, maggiore era la durata del matrimonio, più "il matrimonio a lungo termine modellava l'organizzazione della rete cerebrale".

Ricordi quel pensiero "tutto in declino da qui"? Si scopre che la memoria episodica è esattamente dove brilla di più il sistema di memoria condiviso nelle coppie da lungo tempo.

 

Vantaggi e differenze di genere

Quindi, chi trae maggiori benefici da un sistema di memoria condivisa? Harris et al. (2022) hanno scoperto che la cosiddetta 'facilitazione collaborativa' delle coppie dipende da strategie di comunicazione efficaci. Ciò è coerente con una ricerca precedente, in cui gli autori (Harris, Barnier e Sutton, 2014) hanno sottolineato che l'impatto facilitativo del ricordo congiunto è più alto nelle coppie che segnalano una migliore intimità.

In altre parole, le coppie che usano efficacemente le strategie di comunicazione, che si appoggiano l'uno sull'altro e si conoscono meglio, tendono a trarre più benefici.

La coppia da lungo tempo sembra avere anche altri benefici cognitivi. Di recente, è stato scoperto che le coppie sposate hanno un rischio significativamente più basso di sviluppare la demenza (Sommerland et al., 2017). È interessante notare tuttavia che, quando si tratta di appoggiarsi uno sull'altro, nelle coppie eterosessuali, sembra che gli uomini tendano a fare affidamento molto di più sul coniuge rispetto alle donne, e ancora di più con il crescere dell'età (Harris et al., 2022).

Inoltre, gli uomini sembrano anche rivolgersi alla loro moglie più frequentemente quando si tratta di usare risorse esterne e reti mantenute dalla loro moglie (non solo conoscenze interne). Questa scoperta, in particolare, è coerente con la ricerca esistente sulla disuguaglianza di carico cognitivo e lavoro quotidiano nelle relazioni eterosessuali (Ahn, Haines e Mason, 2017).

 

 

 


Fonte: Valentina Stoycheva PhD in Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:

  1. AJ Barnier et al. Collaborative Facilitation in Older Couples: Successful Joint Remembering Across Memory Tasks. Front Psychol., 2018, DOI
  2. LC Hydén. Narrative collaboration and scaffolding in dementia. J. Aging Stud., 2011, DOI
  3. L Shi et al. Neural evidence for long-term marriage shaping the functional brain network organization between couples. Neuroimage., 2019, DOI
  4. CB Harris et al. Couples as socially distributed cognitive systems: Remembering in everyday social and material contexts. Memory Studies, 2014, DOI
  5. A Sommerlad et al. Marriage and risk of dementia: systematic review and meta-analysis of observational studies. J. Neurol. Neurosurg. Psychiatry, 2017, DOI
  6. C Harris et al. Ageing together: Interdependence in the memory compensation strategies of long-married older couples. Front. Psychol., 2022, DOI
  7. JN Ahn et al. Gender stereotypes and the coordination of mnemonic work within heterosexual couples: romantic partners manage their daily to-dos. Sex Roles, 2017, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.