Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Per prevenire l'Alzheimer, le donne rispondono meglio degli uomini

Exercise to prevent Alzheimer

Dopo l'età, il fattore di rischio più significativo per il morbo di Alzheimer (MA) è il sesso: i due terzi dei pazienti con MA sono donne. In effetti, anche tenendo conto dei tassi di mortalità dipendente dal genere, l'età alla morte e le differenze nella durata della vita, le donne hanno ancora il doppio del rischio di incidenza.


Uno studio guidato dal neurologo ricercatore Richard S. Isaacson MD della Florida Atlantic University, e dai collaboratori della NewYork-Presbyterian/Weill Cornell Medicine, è il primo ad esaminare se il sesso influisce significativamente sugli esiti cognitivi nelle persone che si sottopongono a interventi clinici individualizzati e multi-dominio.


Lo studio ha anche determinato se il sesso influenza anche il cambiamento nel rischio di sviluppare malattie cardiovascolari e MA, insieme ai marcatori nel sangue di rischio di MA. Altri studi si erano concentrati sul ruolo degli ormoni e dei fattori di rischio specifici del sesso nell'esaminare le differenze nel rischio di MA, ma nessuno ha esplorato se questi interventi comportano differenze nella pratica clinica del mondo reale.


Lo studio è un'analisi dell'esperimento Comparative Effectiveness Dementia & Alzheimer’s Registry (CEDAR), lanciato alla Weill Medicine nel 2015 e guidato da Isaacson, che ha già dimostrato che interventi individualizzati e multi-dominio hanno migliorato la cognizione e ridotto il rischio di MA sia nelle donne che negli uomini.


Nell'analisi dei sottogruppi, i ricercatori hanno valutato l'efficacia differenziale dell'approccio clinico stesso quando si considera il sesso nei partecipanti ad alta osservanza (80 individui) nella coorte di studio originale (154 individui). All'interno di questa coorte, come nello studio originale, i partecipanti sono stati classificati per diagnosi di base: quelli con cognizione normale, declino cognitivo soggettivo e MA preclinico sono stati classificati come 'prevenzione', mentre quelli con lieve deterioramento cognitivo dovuto a MA e con MA lieve sono stati classificati come 'trattamento precoce'.


I risultati dello studio, pubblicato sul Journal of the Prevention of Alzheimer's Disease, hanno mostrato che l'assistenza alla riduzione del rischio in un ambiente di Clinica di Prevenzione dell'Alzheimer ha portato a miglioramenti della cognizione sia nelle donne che negli uomini senza differenze sessuali. Tuttavia, nel gruppo 'prevenzione', le donne hanno mostrato miglioramenti maggiori nel punteggio di rischio Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis (MESA) rispetto agli uomini.


Le donne nel gruppo 'trattamento precoce' hanno mostrato miglioramenti maggiori anche nei tre punteggi di rischio CV Risk Factors, Aging and Incidence of Dementia (CAIDE) e MESA-RS. Il CAIDE è un indice di rischio validato che calcola il rischio di demenza in età avanzata in base a fattori di rischio vascolare di mezza età, come l'indice di massa corporea, la pressione arteriosa, il colesterolo e lo stato del fumo, mentre il MESA stima il rischio di incidenza delle malattie cardiovascolari nei dieci anni futuri usando fattori di rischio tradizionali.


Richard Isaacson, autore senior e direttore del Center for Brain Health e della Clinica di Prevenzione dell'Alzheimer della FAU, che ha condotto lo studio mentre era alla Weill Cornell Medicine and NewYork-Presbyterian, ha dichiarato:

“Anche se l'assistenza in una Clinica di Prevenzione dell'Alzheimer è ugualmente efficace nel migliorare la funzione cognitiva nelle donne e negli uomini, i nostri interventi tagliati su misura hanno portato a maggiori miglioramenti nelle donne rispetto agli uomini in tutte le diverse scale di rischio di MA e delle malattie cardiovascolari, come pure nei biomarcatori di rischio nel sangue come glicemia, colesterolo LDL e nel test del diabete HbA1C.

"I nostri risultati sono importanti perché le donne sono influenzate in modo sproporzionato dal MA e i modelli di rischio attribuibili alla popolazione suggeriscono che gestire i fattori di rischio può prevenire fino a un terzo dei casi di demenza, evidenziando l'immenso potenziale che risiede nell'affrontare i fattori di rischio modificabili".


Dopo aver avuto valutazioni cliniche di base, che includevano storia clinica dettagliata, esame fisico, antropometria, biomarcatori del sangue, genotipizzazione della apolipoproteina E-ε4 e valutazione cognitiva, i pazienti nello studio CEDAR hanno ricevuto raccomandazioni di intervento individualizzate e multi-dominio, informate da questi dati clinici e biomarcatori.


Le categorie di raccomandazioni includevano consulenza genetica / informazione al paziente, approcci farmacologici individualizzati (farmaci/vitamine/integratori), approcci non farmacologici (consulenza per l'esercizio, consulenza dietetica, riduzione del rischio vascolare, igiene del sonno, coinvolgimento cognitivo, riduzione dello stress e cure mediche generali) e altri interventi basati su evidenze.


“I nostri ultimi risultati suggeriscono che l'approccio di gestione individualizzato impiegato dallo studio CEDAR in una clinica del mondo reale può offrire benefici cognitivi uguali sia alle donne che agli uomini, nonché una migliore mitigazione del rischio calcolato di MA e di malattie cardiovascolari rispetto agli uomini", ha dichiarato Isaacson. "Il nostro lavoro evidenzia anche la necessità di studi più ampi centrati sulle differenze sessuali nelle traiettorie cognitive legate al MA, poiché il corpo esistente di conoscenza manca di prove conclusive su questo problema".


Isaacson e i collaboratori stanno pianificando coorti più grandi per definire ulteriormente le differenze sessuali nella riduzione del rischio di MA nella pratica clinica e sperano di lanciare presto uno studio internazionale multi-sito per trarre conclusioni più definitive.

 

 

 


Fonte: Gisele Galoustian in Florida Atlantic University (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: N. Saif, ...[+14], R.S. Isaacson. Sex-Driven Differences in the Effectiveness of Individualized Clinical Management of Alzheimer’s Disease Risk. The Journal Of Prevention of Alzheimer's Disease, 2022, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.