Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Identificati nuovi tipi di cellule e interazioni nei vasi sanguigni del cervello

arteriovenous malformation avm

Con un lavoro che migliorerà lo studio di malattie tanto disparate come ictus e demenza, ricercatori della Università della California di San Francisco hanno catalogato tutte le cellule che formano i vasi sanguigni del cervello umano, insieme alla loro posizione e ai geni trascritti in ciascuna.


L'atlante caratterizza più di 40 tipi di cellule finora sconosciute, compresa una popolazione di cellule immunitarie la cui comunicazione con le cellule vascolari del cervello contribuisce al sanguinamento in un ictus emorragico. Questa forma devastante di ictus rappresenta il 10-15% di tutti gli ictus negli Stati Uniti, per lo più tra i giovani. Circa la metà degli ictus emorragici sono fatali.


I risultati serviranno da fondamento per nuove ricerche sulla vascolarizzazione del cervello a livello globale, come hanno detto gli scienziati:

"Questa ricerca ci offre la mappa e l'elenco dei bersagli per iniziare a sviluppare nuove terapie che potrebbero cambiare il modo in cui trattiamo molte malattie cerebrovascolari", ha affermato Ethan Winkler MD/PhD, neurochirurgo, ricercatore dell'UCSF e primo coautore dello studio, apparso il 27 gennaio su Science.

 

Grovigli nella vascolarizzazione del cervello

Il gruppo, guidato da Adib Abla MD, professore associato di chirurgia neurologica e Daniel Lim MD/PhD, professore di chirurgia neurologica, entrambi dell'UCSF, insieme a Tomasz Nowakowski PhD, ha analizzato le cellule nelle malformazioni arteriovenose (AVM), quei grovigli di arterie poco formate nel cervello che sono spesso fonte di ictus emorragico.


Ha confrontato gli AVM con campioni di vascolarizzazione cerebrale normale di 5 volontari che si stavano già sottoponendo a chirurgia del cervello per l'epilessia. La UCSF, classificata al primo posto nella neurochirurgia dall'U.S. News and World Report, è un centro nazionale leader per la chirurgia e la cura delle AVM cerebrali.


Alcuni dei 44 campioni di tessuto AVM, acquisiti durante i delicati interventi chirurgici eseguiti da Abla, capo della chirurgia neurologica, erano stati rimossi dal cervello del paziente ancora integro, e altri campioni sono stati rimossi solo dopo che aveva iniziato a sanguinare. I 3 tipi di tessuto (normale, AVM integro e AVM dopo sanguinamento) hanno permesso ai ricercatori di ottenere un quadro più completo delle differenze tra il modo in cui le cellule funzionano normalmente e in diversi stati di malattia.


In collaborazione con il Cerebrovascular Research Center, il team ha usato il sequenziamento dell'mRNA a cellula singola su oltre 180.000 cellule per determinare quali geni erano espressi nei campioni diversi e hanno abbinato l'espressione genica con la posizione della cellula. Chang Kim, dottorando di bioinformatica dell'UCSF e altro primo autore dello studio, ha poi eseguito analisi al computer, confrontando l'espressione genica nelle cellule normali con quella delle cellule malate.

 

Una sorpresa di cellule immunitarie

I risultati hanno rivelato non solo vari tipi nuovi di cellule, ma anche una popolazione di cellule immunitarie che sembrano comunicare con le cellule muscolari lisce nelle arterie malate e le indeboliscono, provocando di conseguenza l'ictus. Gli scienziati hanno sospettato che il sistema immunitario sia attivato da malformazioni come le AVM. Novakowski ha detto:

"Senza questo studio, non saremmo stati in grado di individuare questa popolazione di cellule molto specifiche nel sangue che potrebbero guidare in modo cruciale la progressione della malattia.

"Identificare queste cellule immunitarie specifiche cambia completamente il modo in cui i ricercatori possono pensare di trattare questo tipo di malattia vascolare. Se le cellule circolano nel sangue, potrebbe essere possibile ridurre il rischio di ictus modulando il sistema immunitario. Questo apre un potenziale terapeutico enorme".


Quel potenziale si estende oltre l'ictus. La mappa può aiutare a indagare su qualsiasi malattia neurovascolare, tra cui una delle più comuni: la demenza. Lim ha detto:

"Molte forme di demenza, tra cui l'Alzheimer, sembrano avere un fondamento vascolare. Abbiamo bisogno di un atlante come questo per capire meglio come i cambiamenti nella vascolarizzazione possono contribuire alla perdita di cognizione e memoria".

"Questo lavoro è stata davvero una bella collaborazione tra chirurgo-scienziati e biologi molecolari, avvenuta in un luogo con accesso incredibile a campioni clinici. Anche se molte istituzioni non hanno accesso a tutte queste risorse critiche, potranno accedere ai dati di questo studio".


Nowakowski ritiene che queste informazioni consentiranno ai ricercatori in tutto il mondo di eseguire analisi molto meno costose su un gran numero di pazienti, che è l'unico modo per ottenere un quadro più completo di come funzionano le malattie vascolari.

"Capire la malattia cerebrovascolare a livello cellulare e molecolare porterà il lavoro di molti ricercatori verso nuove direzioni", ha detto Lim.

 

Una 'tavola periodica dei tipi di cellule'

Lo studio del gruppo contribuisce allo Human Cell Atlas (atlante delle cellule umane), uno sforzo internazionale per creare mappe cellulari di riferimento per tutto il corpo.


Nowakowski chiama questo atlante 'tavola periodica dei tipi di cellule'. Proprio come la tavola periodica chimica organizza gli elementi in una struttura che consente ai chimici di disegnare relazioni tra loro basate su dove appaiono nella tavola, gli atlanti delle cellule umane rivelano le posizioni delle cellule nel corpo e le interazioni risultanti tra loro.


C'è molto lavoro in atto in tutto il mondo per generare questi atlanti per diversi organi e tessuti, ma molti mappano solo le posizioni geografiche delle cellule. Il confronto tra cellule normali e anormali porta questa ricerca a un livello più alto, fornendo una guida estremamente raffinata per lo sviluppo di farmaci.


"Il nostro studio dimostra davvero come può essere usato un atlante cellulare"
, ha detto Nowakowski. "Con la nostra 'tavola periodica' come riferimento, possiamo iniziare a chiederci quali cellule potrebbero deteriorarsi nella malattia e puntarle con molta precisione per terapia".

 

 

 


Fonte: Robin Marks in University of California - San Francisco (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Ethan Winkler, Chang Kim, Jayden Ross, Joseph Garcia, Eugene Gil, Irene Oh, Lindsay Chen, David Wu, Joshua Catapano, Kunal Raygor, Kazim Narsinh, Helen Kim, Shantel Weinsheimer, Daniel Cooke, Brian Walcott, Michael Lawton, Nalin Gupta, Berislav Zlokovic, Edward Chang, Adib Abla, Daniel Lim, Tomasz Nowakowski. A single-cell atlas of the normal and malformed human brain vasculature. Science, 2022, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.