Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Ascoltare la musica preferita migliora la funzione del cervello nei pazienti con Alzheimer

old lady listening to music

L'ascolto ripetuto di musica personalmente significativa induce la plasticità benefica del cervello nei pazienti con lieve deterioramento cognitivo o con morbo di Alzheimer (MA) iniziale, secondo un nuovo studio eseguito da ricercatori dell'Università di Toronto e dell'Unity Health Toronto.


I cambiamenti dei percorsi neurali del cervello si sono correlati con migliori prestazioni della memoria sui test neuropsicologici, in appoggio al potenziale clinico degli interventi personalizzati, basati sulla musica, per le persone con demenza.


Michael Thaut, autore senior dello studio multi-modale pubblicato sul Journal of Alzheimer’s Disease, direttore del laboratorio di ricerca su musica e scienze sanitarie dell'università e professore nelle facoltà di musica e di medicina, afferma:

"Abbiamo nuove prove dal cervello che la musica autobiograficamente saliente (cioè quella con un significato speciale per la persona, come la canzone con cui ha ballato al matrimonio) stimola la connettività neurale in modi che aiutano a mantenere livelli più elevati di funzionamento" .

"In genere, è molto difficile provare cambiamenti cerebrali positivi nei pazienti con MA. Questi risultati preliminari, ma incoraggianti, mostrano il miglioramento dell'integrità del cervello, aprendo la porta a ulteriori ricerche sulle applicazioni terapeutiche della musica per le persone con demenza, musicisti e non musicisti".


I ricercatori hanno registrato cambiamenti strutturali e funzionali nei percorsi neurali dei partecipanti allo studio, in particolare nella corteccia prefrontale, il centro di controllo del cervello in cui avvengono processi cognitivi profondi. I ricercatori hanno dimostrato che l'esposizione del cervello dei pazienti con declino cognitivo precoce alla musica saliente attiva automaticamente  una rete neurale distinta - una rete musicale - composta da diverse regioni cerebrali che hanno mostrato differenze nell'attivazione dopo un periodo di ascolto quotidiano di musica.


Hanno anche osservato differenze nei collegamenti del cervello e nella materia bianca, fornendo ulteriori prove della neuroplasticità.


Corinne Fischer, prima autrice, prof.ssa associata nel Dipartimento di Psichiatria nella Facoltà di Medicina e direttrice di psichiatria geriatrica all'ospedale St. Michael, Unity Health Toronto, afferma:

"Gli interventi con la musica possono essere un intervento fattibile, conveniente e facilmente accessibile per chi ha un declino cognitivo in fase precoce.

"I trattamenti esistenti per il MA hanno mostrato benefici limitati fino ad oggi. Sebbene siano necessari studi controllati più grandi per confermare i benefici clinici, i nostri risultati mostrano che un approccio personalizzato a casa propria di ascolto della musica può essere utile e avere effetti duraturi sul cervello".


Per lo studio, 14 partecipanti - otto non musicisti e sei musicisti - hanno ascoltato una lista di brani musicali autobiograficamente rilevanti e familiari per un'ora al giorno per 3 settimane. I partecipanti hanno avuto la risonanza magnetica strutturale e basata su attività prima e dopo il periodo di ascolto per determinare le modifiche alla funzione e alla struttura del cervello.


Durante queste scansioni, hanno ascoltato brani di musica conosciuti da tempo e nuovi. La musica nuova, ascoltata per un'ora prima della scansione, era simile nello stile e tuttavia non aveva alcun significato personale per gli ascoltatori.


Quando i partecipanti hanno ascoltato la nuova musica, l'attività cerebrale si è verificata principalmente nella corteccia uditiva. Tuttavia, quando i partecipanti hanno ascoltato musica conosciuta da tempo, c'è stata un'attivazione significativa nella rete codificata profondamente della corteccia prefrontale, una chiara indicazione del coinvolgimento cognitivo esecutivo.


C'era anche un forte coinvolgimento nelle regioni subcorticali del cervello, aree più vecchie colpite solo marginalmente dalla patologia del MA.


I ricercatori hanno riportato differenze sottili ma distinte nei cambiamenti cerebrali strutturali e funzionali associati all'ascolto musicale nei musicisti rispetto ai non-musicisti, anche se sono necessari ulteriori studi in campioni più grandi per verificare questi risultati. L'esposizione ripetuta alla musica con salienza autobiografica ha migliorato la cognizione in tutti i partecipanti, indipendentemente dall'essere musicista.


"Che tu sia musicista da una vita o che non abbia mai suonato uno strumento, la musica è una chiave di accesso alla tua memoria, la tua corteccia prefrontale"
, dice Thaut. "È semplice: continua ad ascoltare la musica che ti piace da sempre. Le tue canzoni preferite di tutti i tempi, quei pezzi particolarmente significativi per te. Rendi quella la tua palestra del cervello".


Questo studio si basa su un lavoro precedente con lo stesso gruppo di partecipanti che aveva identificato per la prima volta i meccanismi cerebrali che codificano e conservano i ricordi musicali nelle persone con declino cognitivo iniziale.


Per il seguito, i ricercatori pianificano di replicare lo studio in un campione più ampio e istituire una forte condizione di controllo per indagare sul ruolo dell'essere musicisti nella moderazione delle risposte del cervello, e capire se è la musica o il contenuto autobiografico che induce cambiamenti nella plasticità.

 

 

 


Fonte: Josslyn Johnstone in University of Toronto (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Corinne Fischer, Nathan Churchill, Melissa Leggieri, Veronica Vuong, Michael Tau, Luis Fornazzari, Michael Thaut, Tom Schweizer. Long-Known Music Exposure Effects on Brain Imaging and Cognition in Early-Stage Cognitive Decline: A Pilot Study. Journal of Alzheimer's Disease, 2021, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.