Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Libri e manuali

Criteri Beers per l'uso di farmaci potenzialmente inappropriati per gli anziani

Una vasta gamma di farmaci, alcuni relativamente nuovi e altri disponibili da tempo, se non prescritti con cautela, possono causare gravi effetti collaterali e altri eventi avversi nelle persone oltre i 65 anni, secondo i nuovi criteri aggiornati Beers dell'American Geriatrics Society per l'uso di farmaci potenzialmente inappropriati negli anziani.

I criteri, la cui ultima revisione risale al 2003, appaiono nella edizione anticipata online del Journal of Geriatrics Society, e sono disponibili sul sito dell'organizzazione, insieme a materiali di formazione professionale e per il pubblico.


Penso che ci possano essere delle sorprese se qualcuno dedica del tempo a leggere tali informazioni.

File originale Inglese File con traduzione automatica Google
Traduzione professionale
AGS Beers Criteria Summary - For Patients & Caregivers
Sommario Criteri Beers AGS - Per pazienti e operatori sanitari Disponibile su richiesta con offerta all'Associazione Alzheimer onlus
Ten Medications Older Adults Should Avoid or Use with Caution
Dieci Farmaci che gli anziani dovrebbero evitare o usare con cautela
Criteria & Evidence Tables
Criteri e tabelle in evidenza
Beers Criteria Pocket Card Formato tascabile Criteri Beers

 

Identificando i farmaci che sono potenzialmente dannosi per gli anziani, i criteri Beers AGS 2012 possono aiutare i medici a prescriverli in modo più sicuro per i pazienti anziani. Più del 40% delle persone oltre 65 anni prende cinque o più farmaci secondo uno studio del 2008 pubblicato sul Journal of American Medical Association (JAMA) e ogni anno più di un terzo di essi subiscono un effetto collaterale del farmaco o altri eventi negativi da farmaci (Adverse Drug Event - ADE).


Stime da studi pubblicati su JAMA (2003) e sull'American Journal of Medicine (2005) concludono che sono prevenibili il 27% di ADE nei contesti di assistenza primaria e il 42% nelle strutture di assistenza a lungo termine. Una Ricerca del Medical Expenditure Panel nel 2000-2001 stima in circa 7,2 miliardi di dollari la spesa sanitaria connessa all'uso di farmaci potenzialmente inappropriati.


"Gli anziani corrono un rischio particolarmente alto di ADE, in parte perché i cambiamenti fisiologici legati all'età e i problemi di salute multipli possono renderli più vulnerabili a tali reazioni",
dice Jennie Chin Hansen, amministratore delegato della American Geriatrics Society (AGS). Ad esempio, una categoria comunemente usata di antidolorifici nota come anti-infiammatori non steroidei (FANS) può peggiorare l'insufficienza cardiaca nei pazienti con questa condizione. Gli anziani hanno un maggior rischio di ADE, perché molti prendono più farmaci, che possono interagire tra loro, causando pericolose "interazioni farmaco-farmaco" potenziali.


Il compianto Mark H. Beers, MD, geriatra e direttore di The Merck Manuals e del Merck Manual of Geriatrics, ha pubblicato la prima volta i criteri Beers nel 1991. Nel 2011, l'AGS ha convocato un comitato di esperti in geriatria e farmacoterapia per rivedere ed ampliare i criteri, sulla base delle ricerche più recenti. La società prevede di aggiornare l'AGS Beers Criteria ogni tre anni.


53 farmaci e classi di farmaci sono tra quelli indicati come potenzialmente problematici nei AGS 2012 Beers Criteria, che raggruppa i farmaci che possono essere nocivi per gli anziani in tre categorie:

  1. La prima categoria comprende 34 farmaci che sono potenzialmente inappropriati perché presentano rischi elevati di effetti collaterali o perchè possono avere un'efficacia limitata negli anziani, e poiché sono disponibili trattamenti alternativi. Tra le nuove voci l' "insulina a scala scorrevole".
  2. La seconda categoria comprende 14 farmaci che sono potenzialmente inappropriati per gli anziani con determinate malattie, fattori di rischio, o disturbi, perché possono aggravare queste condizioni. Tra i nuovi inserimenti in questa categoria ci sono gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, che possono aumentare i rischi di caduta in alcuni tra i più anziani.
  3. Una terza, nuova, categoria aggiunta ai criteri Beers comprende 14 farmaci da utilizzare con cautela negli anziani. Questi farmaci possono essere associati a più rischi che benefici nelle persone anziane in generale, ma comunque possono essere la scelta migliore per un particolare individuo se somministrati con cautela. Sono elencati i vasodilatatori perchè possono aumentare gli episodi di sincope negli anziani con una storia di questa condizione, e contribuire a maggiori rischi di caduta. "I criteri Beers da soli non dovrebbero mai imporre la prescrizione, né devono essere utilizzati in modo punitivo. Essi sono destinati a informare decisioni prescrittive riflessive", aggiunge Todd Semla, PharmD, MS, co-presidente del comitato convocato dall'AGS per aggiornare ed espandere i criteri.

 

I criteri Beers influenzano anche la ricerca, la formazione degli operatori sanitari, le misure di qualità, e la politica sanitaria. Il Comitato Nazionale per l'assicurazione della Qualità (NCQA) e l'Alleanza di Qualità Farmaceutica (PQA) hanno utilizzato i criteri di Beers nello sviluppo di misure di qualità fondamentali in materia di farmacoterapia e il Centers for Medicare e Medicaid Services (CMS) ha integrato i criteri nella valutazione della conformità delle case di riposo ai regolamenti relativi ai farmaci.


L'AGS ha ricevuto finanziamenti dalla A. John Hartford Foundation di New York e dalla Robert Wood Johnson Foundation per contribuire a sostenere lo sviluppo e la diffusione dei criteri per un pubblico più ampio possibile di medici.

 

 

 

 

 


Cosa pensi di questo articolo? Ti è stato utile? Hai rilievi, riserve, integrazioni? Conosci casi o ti è successo qualcosa che lo conferma? o lo smentisce? Puoi usare il modulo dei commenti qui sotto per dire la tua opinione. Che è importante e unica.

 


Pubblicato da Bob DeMarco in Alzheimer's Reading Room il 29 Aprile 2012 - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:




Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.