Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Le immagini possono aiutare i malati di demenza a restare collegati alla vita

autobiographical memory watching photo

Per la maggior parte delle persone, la vista è il senso più cruciale. Circa il 50% di tutte le informazioni si presenta sotto forma di immagini che arrivano al nostro cervello attraverso gli occhi. Quando sviluppiamo una demenza grave, e la nostra capacità di uscire e nel mondo reale è limitata, le immagini possono avere un ruolo vitale nel farci sentire ancora coinvolti con la vita.

Allo stesso modo, alcune immagini possono portare a disimpegno e ritiro, e altre ad ansia o angoscia. Se vogliamo usare le immagini con successo con le persone nelle fasi avanzate della demenza, dobbiamo capirne di più.

 

Fotografie di famiglia

Queste sono usate comunemente quando le persone sviluppano la demenza. I parenti e i caregiver le usano spesso per aiutare la persona a ricordare eventi o persone che erano importanti per lei. Tuttavia, i problemi delle fasi medie/avanzate della demenza possono creare difficoltà con il riconoscimento e l'interpretazione di molte fotografie familiari. Anche una foto di matrimonio può diventare solo un'altra immagine irrilevante per qualcuno che non ricorda di essersi sposato.

 

Punti di riferimento locali

Le vecchie scene di strada o fotografie dei punti locali caratteristici sono usate da molte case di cura. Questo tipo di immagine può essere molto efficace per creare un punto di conversazione tra quelli con demenza iniziale, finché i ricordi rimangono intatti e finché si possono verbalizzare.

Tuttavia, questo tipo di immagine sarà meno significativo per coloro che sono nelle fasi successive della demenza, che possono trovare la complessità delle immagini troppo impegnativa, o che non riescono più a ricordare o verbalizzare le loro storie. Nelle fasi successive, la gente ha bisogno di avere una connessione emotiva molto più forte e personale con un'immagine.

 

Quali altre immagini hanno significato?

Se hai passato la tua vita lavorativa producendo formaggio, o hai un album fotografico speciale d'infanzia, un poster del tuo idolo quando eri adolescente, o un disco di musica preferita, allora è probabile che queste saranno sempre immagini che hanno un significato molto speciale e personale. Tale significato non sarà condiviso dagli estranei ma può essere compreso da familiari o amici. La difficoltà sta nel sapere quali immagini potrebbero avere significato per qualcuno e individuare il tipo giusto di immagini da usare.

 

Storie di cattive notizie

Il foto-giornalismo ha creato eventi che non avevamo mai sperimentato realmente e ci siamo abituati a vedere i disastri in luoghi lontani che si dipanavano davanti ai nostri occhi. Foto di guerra, torri gemelle che cadono, tsunami; una infima percentuale di noi ha effettivamente assistito a uno di questi terribili eventi, ma attraverso l'immaginario visivo, tutti sentiamo di avere una connessione personale con questi eventi. Le notizie di eventi negativi sono diventate parte della nostra esperienza di vita in un modo che non avrebbero mai potuto essere senza foto.

Ma quando abbiamo la demenza, l'incapacità di differenziare tra immagine e realtà e l'incapacità di rivalutare efficacemente l'ansia e le emozioni negative create dall'immagine, possono portare alcune immagini apparentemente innocenti a creare angoscia.

Un dipinto di bambini che sguazzano nell'acqua può creare ansia in una persona con demenza, se l'acqua sembra troppo minacciosa o profonda e se non c'è un adulto in giro a proteggerli dal pericolo di annegare. Le emozioni che la foto crea possono essere quelle che si sentirebbero se questa fosse una situazione reale, e se la persona ha la demenza potrebbe non essere in grado di capire che è "solo un dipinto".

 

Immagini di informazioni

Le immagini possono aiutarci a rendere più facile la nostra vita quotidiana. Una mappa della metropolitana, una simulazione al computer di come potrebbe apparire la nostra nuova cucina, mappe stradali che usiamo per andare da A a B e uno schema che ci aiuta a mettere insieme un mobile da assemblare.

Le immagini informative possono avere un significato personale più profondo, e potrebbe mantenerlo anche quando qualcuno ha una demenza grave; non dovremmo ignorare questa possibilità per connetterci con lui.

Un uomo che come lavoro faceva il meccanico può gradire dell'illustrazione tecnica di un motore, un appassionato camminatore di montagna può trovare interessanti le mappe cartografiche e una ex sarta potrebbe ancora godersi gli schemi di cucito.

 

Suggerimenti per i caregiver di persone con demenza

  • Pensa a come l'arte può coinvolgere le persone con e senza demenza a livello emotivo.
  • Riconosci che la demenza interferisce con la straordinaria capacità del cervello di comprendere e interpretare le immagini bidimensionali.
  • Trova modi per comunicare attraverso le immagini, che possono avere una rilevanza particolare.

 

 

 


Fonte: Deborah Stone, scrittrice ed esperta di assistenza agli anziani.

Pubblicato su Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.