Iscriviti alla newsletter

Senso di colpa e dolore: mettere una persona cara in una struttura di assistenza

grief early onset dementia

Una delle cose più difficili con cui ho mai avuto a che fare è dire a mia madre che la stavamo trasferendo in una casa di cura.


Per tutta la mia vita, mia madre mi aveva detto molto chiaramente che non avrebbe mai voluto “finire” in una casa di cura. Le avevo promesso che non avrei lasciato che questo accadesse e che poteva stare con noi fino alla morte.


A 95 anni mia madre è caduta, e dopo il ricovero in ospedale ha avuto un rapido declino. Ci siamo allertati in diverse occasioni quando i medici ci hanno detto che la sua morte era imminente. Quando nulla poteva più essere fatto, l'abbiamo portata a casa a morire.


Dopo diversi mesi, le cose sono peggiorate progressivamente e le infermiere hanno ritenuto che i suoi bisogni fisici potevano essere gestiti meglio in una casa di cura. Sono subito scoppiata in lacrime e il senso di colpa è arrivato. Sapevo che era la cosa giusta da fare, ma come avrei potuto fare questo a mia madre? Mi ci sono voluti giorni per trovare il coraggio di dirglielo. A quel punto, mia madre era in un tale stato di declino che non sono sicura di quanto fosse consapevole di ciò che stava accadendo intorno a lei; ma questo non ha diminuito la mia colpa.


La mia storia non è rara, né lo è il senso di colpa che sentivo. Purtroppo, il senso di colpa è una parte del caregiving, soprattutto quando si deve prendere una decisione che sappiamo essere contro la volontà della persona cara. Una volta in una casa di cura, il nostro dolore è spesso aggravato dalle suppliche dei nostri cari di essere riportati a casa. Ogni visita può diventare un incubo di dolore e sofferenza per entrambi.


Prendersi cura di una persona che sta morendo può essere un compito titanico. Essere un caregiver per un genitore anziano, lavorando a tempo pieno, e crescere una famiglia sono compiti quasi impossibili tra cui destreggiarsi. Anche se non si lavora fuori casa, è comunque una sfida scoraggiante soddisfare tutte le esigenze che nascono.


Anche assumere uno o più caregiver per alleviare la situazione può essere irto di una propria serie di problemi, che possono essere più stressanti che farlo da soli. In più c'è la spesa relativa, che non molti possono permettersi.


Riconoscendo l'enormità dei compiti di fronte a noi, tutto ciò che possiamo fare è provare al nostro meglio. Non possiamo fare tutto, anche se possiamo provare. Ci sentiamo troppo responsabili, fuori controllo, e impotenti allo stesso tempo. Il risultato è il burnout [esaurimento psico-fisico] e il risentimento del caregiver. Anche se potessimo fare tutto, troveremmo ancora qualcosa per cui sentirci in colpa.


Fa semplicemente parte del gioco. Tutti facciamo promesse con le migliori intenzioni, ma gli eventi e le situazioni cambiano e non siamo in grado di mantenere la parola data. Sentiamo di aver fallito. Ci rimproveriamo e ci incolpiamo per essere umani e per tutte quelle cose che “avremmo dovuto” o “avremmo potuto" fare.


Per la maggior parte di noi, il senso di colpa che sentiamo è ingiustificato. Dobbiamo ricordare che, anche se ci sentiamo in colpa, non significa che lo siamo. Siamo di fronte a decisioni che non ci piacciono o che vogliamo fare, ma dobbiamo fare quanto è nel migliore interesse di tutti i soggetti coinvolti.


Oltre al senso di colpa, c'è una miriade di altre emozioni con cui viviamo in questo momento: angoscia, preoccupazione, tristezza, rabbia, frustrazione e risentimento, per citarne alcune. Piangiamo molto e diventiamo irascibili. Sperimentiamo tutti questi sentimenti anche prima che il nostro caro sia morto. Cosa dobbiamo fare? Di seguito ci sono alcuni suggerimenti che possono essere utili:

  • Riconosci che ti senti in colpa e accetta che sentirsi in colpa è una parte normale del processo di morte per un caregiver.
  • Riconosci che sei solo un essere umano e non un supereroe che può fare tutto.
  • Fai attenzione a quello che prometti al tuo caro [se e quando è cosciente].
  • Sii più gentile con te stesso. Soddisfa alcuni dei tuoi bisogni per cambiare. Prenditi il tempo per nutrire e rifornire te stesso.
  • Scrivi i tuoi pensieri e sentimenti.
  • Parla con amici, familiari o altri caregiver.
  • Parla con la persona cara come se fosse seduta di fronte a te in una stanza. Dille della tua lotta con il senso di colpa e immagina cosa direbbe. La maggior parte dei nostri genitori o coniugi non vorrebbe che noi avessimo così tanto dolore e angoscia.
  • Se il problema persiste, cerca un professionista della salute mentale. Portare in giro la colpa può avere conseguenze negative per la tua salute fisica ed emotiva.
  • Considera questo: spesso, è più facile dare la colpa a noi stessi piuttosto che arrabbiarsi con gli altri o con la situazione. In qualche modo ci fa sentire più in controllo. Forse c'è rabbia alla base del tuo senso di colpa?
  • Perdona te stesso. Stai facendo il meglio che puoi.

 

 

 


Fonte: Marilyn Mendoza PhD, istruttrice clinica nel reparto di psichiatria del Tulane University Medical Center.

Pubblicato su Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.