Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Questi 5 cibi migliorano la salute: ma solo se mangiati in quantità ... industriale

mirtilli

Il cibo ci fornisce i nutrienti di cui abbiamo bisogno per sopravvivere, e sappiamo che una dieta equilibrata contribuisce alla buona salute. Oltre a questo, molte persone cercano cibi diversi come 'medicina', sperando che mangiare certe cose possa prevenire o trattare particolari condizioni.


È vero che molti alimenti contengono 'composti bioattivi', sostanze chimiche che agiscono nel corpo in modi che potrebbero promuovere una buona salute. Questi sono stati studiati nella prevenzione del cancro, nelle malattie cardiache e in altre condizioni.


Ma l'idea del cibo come medicina, sebbene attraente, è facilmente ipervenduta nei titoli. Le storie tendono ad essere basate su studi fatti in laboratorio, testando estratti concentrati degli alimenti. L'effetto riscontrato nelle persone reali che mangiano il cibo reale sarà diverso dagli effetti in una capsula di Petri.


Se fai i conti, scoprirai che hai davvero bisogno di mangiare enormi quantità di cibi particolari per ottenere una dose attiva dell'elemento desiderato. In alcuni casi, questo potrebbe mettere in pericolo la tua salute, piuttosto che proteggerla.


Questi quattro alimenti (e una bevanda) hanno la pretesa più comune di guarigione, che non sempre si può avverare.

 

Cannella

Si dice che la cannella, che contiene un composto chiamato cinnamaldeide, favorisce la perdita di peso e regola l'appetito. C'è evidenza che la cinnamaldeide può ridurre il colesterolo nelle persone con diabete. Ma questo si basa su studi della sostanza chimica in grandi dosi - non nel mangiare la spezia stessa.

Questi studi hanno dato alle persone 1-6g di cinnamaldeide al giorno. La cannella contiene circa l'8% di cinnamaldeide in peso, quindi dovresti mangiare almeno 13 grammi di cannella (circa mezzo barattolo da supermercato) al giorno. Molto più di quella che puoi aggiungere alla tua colazione del mattino.

 

Vino rosso

I titoli sui benefici per la salute del vino rosso sono di solito dovuti a una sostanza chimica nella buccia chiamata resveratrolo. Il resveratrolo è un polifenolo, una famiglia di sostanze chimiche con proprietà antiossidanti. Si è affermato che il resveratrolo protegge le nostre cellule dai danni e riduce il rischio di una serie di condizioni come il cancro, il diabete di tipo 2, l'Alzheimer e le malattie cardiache.

Esistono prove limitate del fatto che il resveratrolo ha benefici nei modelli animali, però gli studi condotti sugli esseri umani non hanno mostrato un effetto simile.

Varia a seconda del vino, ma il vino rosso contiene circa 3 microgrammi (circa 3 milionesimi di grammo) di resveratrolo per bottiglia. Gli studi che hanno dimostrato un beneficio del resveratrolo usano almeno 0,1 grammi al giorno (cioè 100.000 microgrammi).

Per ottenere quella quantità di resveratrolo, dovresti bere circa 200 bottiglie di vino al giorno. Probabilmente siamo tutti d'accordo che non sarebbe molto salutare.

 

Mirtilli

I mirtilli, come il vino rosso, sono una fonte di resveratrolo, ma a pochi microgrammi per bacca dovresti mangiare più di 10.000 bacche al giorno per ottenere la dose attiva.

I mirtilli contengono anche composti chiamati antociani, che possono migliorare alcuni indicatori di malattie cardiache. Ma per ottenere una dose attiva lì devi puntare a 150-300 mirtilli al giorno. Più ragionevole del vino, ma ancora un bel po' di frutta, oltretutto costosa.

 

Cioccolato

La notizia che il cioccolato fondente abbassa la pressione sanguigna è sempre ben accolta. La teobromina, una sostanza chimica presente nel cioccolato, ha dimostrato di abbassare la pressione del sangue in dosi di circa 1 grammo del composto attivo, ma non a dosi più basse. A seconda del cioccolato, dovresti mangiare 100g di cioccolato fondente prima di aver raggiunto questa dose.

Il cioccolato è un cibo discrezionale ('cibo spazzatura'). Il servizio raccomandato per gli alimenti discrezionali non è superiore a 600 kilojoule al giorno che sono 25g di cioccolato. Mangiare 100g di cioccolato equivale a più di 2.000 kJ.

Il consumo eccessivo di kilojoule porta ad un aumento di peso, e il sovrappeso aumenta il rischio di malattie cardiache e ictus. Quindi questi rischi probabilmente annullerebbero i benefici del consumo di cioccolato per abbassare la pressione sanguigna.

 

Curcuma

La curcuma è una delle spezie preferite. Va bene nel curry, e recentemente abbiamo visto il clamore intorno al latte alla curcuma. Appaiono regolarmente storie sul suo potere curativo, normalmente basato sulla curcumina.

La curcumina fa parte di un gruppo di composti, chiamati curcuminoidi, che potrebbero avere alcuni benefici per la salute, come la riduzione dell'infiammazione. L'infiammazione ci aiuta a combattere le infezioni e a rispondere alle ferite, ma un'eccessiva infiammazione è un problema in malattie come l'artrite [e l'Alzheimer] e potrebbe essere collegata ad altre condizioni come la cardiopatia o l'ictus.

Gli studi umani sulla curcumina sono stati inconcludenti, ma la maggior parte utilizza integratori di curcumina in dosi molto elevate, da 1 a 12 grammi al giorno. La curcuma ha circa il 3% di curcumina, quindi per ogni grammo di curcuma si assumono solo 0,03 g di curcumina. Ciò significa che dovresti mangiare più di 30g di curcuma per ottenere la dose minima attiva di curcumina.

È importante sottolineare che la curcumina nella curcuma non è molto biodisponibile. Ciò significa che assorbiamo solo il 25% circa di ciò che mangiamo, quindi in realtà potresti dover mangiare bene oltre 100 g di curcuma, ogni giorno, per ottenere una dose ragionevole di curcumina. È un sacco di curry.

 

 

Cosa mangiare allora?

Tutti noi vogliamo che il cibo ci guarisca, ma concentrarsi sui singoli alimenti e mangiarne a mucchi non è la risposta. Invece, una dieta equilibrata e diversificata ha alimenti che hanno ciascuno una gamma di nutrienti e composti bioattivi diversi. Non farti distrarre dalle soluzioni rapide; opta invece per una varietà di cibi.

 

 

 


Fonte: Emma Beckett (ricercatrice postdottorato Università di Newcastle) e Gideon Meyerowitz-Katz (Dottorando in Epidemiologia)

Pubblicato in The Conversation (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.