Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Gli approcci multimodali possono ridurre il rischio di Alzheimer

Change your lifestyle bicycle pic

Questo è il secondo post sui trattamenti complementari e alternativi della demenza. Il post precedente ha esaminato le prove per la dieta nel ridurre il rischio di morbo di Alzheimer (MA). Questo post inizia con una breve revisione dei limiti dei trattamenti farmacologici disponibili, quindi esamina i risultati di approcci multimodali tesi a ridurre l'infiammazione e i fattori di rischio metabolici che aumentano il rischio di MA e ottimizzare i fattori di stile di vita che riducono il rischio.

 

Limiti dei trattamenti farmacologici

I trattamenti farmacologici attualmente disponibili per il MA inibiscono l'enzima che scompone l'acetilcolina, aumentando i livelli disponibili del neurotrasmettitore che è fondamentale per l'apprendimento e la memoria. Risultati iniziali promettenti sulla tacrina, il primo inibitore disponibile dell'acetilcolinesterasi, sono stati compensati da risultati di epatotossicità significativa.


Gli inibitori dell'acetilcolinesterasi di 2a generazione (donepezil, rivastigmina e galantamina) non sono più efficaci della tacrina ma richiedono dosaggi meno frequenti e hanno meno problemi di sicurezza. Queste preoccupazioni hanno portato alla sospensione della tacrina nel 2013.


Altri farmaci che sono stati studiati per possibili benefici cognitivi nella demenza includono gli inibitori delle monoaminossidasi (IMAO), la terapia sostitutiva con estrogeni (cioè nelle donne in postmenopausa con deficit cognitivo), il naloxone e vari neuropeptidi, compresa la vasopressina e la somatostatina (Zandi et al. ., 2005).


Nuovi trattamenti biomedici occidentali promettenti del MA attualmente in fase di studio clinico includono un vaccino che può immunizzare gli individui dalla formazione di amiloide-beta, gli inibitori della secretasi, gli agenti anti-infiammatori e le statine (Herline 2018; Cao 2018). I risultati degli studi sulle statine nella demenza sono stati incoerenti. Tuttavia, una meta-analisi del 2018 di 31 studi che hanno soddisfatto i criteri di inclusione per dimensioni e rigore ha rilevato che l'uso regolare di statine è associato a una significativa riduzione del rischio di sviluppare la demenza (Zhang 2018).

 

Interventi multimodali per ottimizzare i fattori di stile di vita

Risultati positivi di studi sul ruolo preventivo della dieta nella demenza sono confusi dal fatto che individui con abitudini alimentari sane si impegnano anche in altri comportamenti che riducono il rischio di MA, ad esempio, esercitandosi regolarmente e moderando il consumo di alcol (Barberger-Gateau, Letenneur, Deschamps, Peres, Dartigues e Renaud, 2002). Questi risultati hanno portato a studi su interventi che ottimizzano i fattori dello stile di vita con l'obiettivo di prevenire il MA o rallentare il suo tasso di progressione.


Un terzo dei casi di MA è probabilmente causato da fattori di stile di vita modificabili, suggerendo che interventi multimodali che affrontano molti fattori possono avere importanti benefici preventivi. I fattori di stile di vita modificabili includono bassa istruzione, ipertensione, diabete, obesità, fumo, sedentarietà e umore depresso.


Solo un ampio studio multicentrico ha esaminato gli interventi multimodali volti a prevenire il MA negli anziani a rischio (Ngandu 2015). Gli autori hanno trovato miglioramenti significativi rispetto al gruppo di controllo nella cognizione generale, nella velocità di elaborazione e nel funzionamento esecutivo nel gruppo di trattamento.


Studi recenti di casi sono stati pubblicati su un notevole miglioramento di individui con diagnosi di MA precoce che aderiscono a cambiamenti multimodali di stile di vita (Bredesen 2014) volti a migliorare le prestazioni cognitive e ridurre i fattori di rischio metabolici associati all'infiammazione.


Questi risultati mostrano che, in almeno alcuni casi, i sintomi del MA precoce possono essere invertiti entro 6 mesi dopo l'inizio di un regime di vita completo (Bredesen 2014). L'obiettivo di questo approccio è di normalizzare più parametri metabolici correlati all'infiammazione nel corpo, interrompendo così i processi patologici che alla fine portano al MA.


Il protocollo, chiamato 'potenziamento metabolico per la neurodegenerazione' (MEND, metabolic enhancement for neurodegeneration), comporta esami completi di laboratorio che possono includere studi sierologici su marcatori infiammatori, scansioni cerebrali funzionali, analisi genetica del rischio e test cognitivi. In seguito sono raccomandati cambiamenti personalizzati di stile di vita e strategie nutrizionali per correggere i fattori causali sottostanti del declino cognitivo identificato nello screening.


Molti individui con MA precoce (compresi alcuni individui con il gene ApoE4 che presentano un rischio molto elevato di sviluppare una forma grave precoce di MA) che aderiscono al protocollo MEND riferiscono un miglioramento delle prestazioni cognitive per diversi anni e non soddisfano più i criteri per una diagnosi di MA.


Sono necessari ampi studi prospettici controllati per confermare questi risultati drammatici, chiarire il contributo relativo dei diversi cambiamenti dello stile di vita e dei fattori metabolici al miglioramento clinico.

 

Linea di fondo

La maggior parte dei trattamenti farmacologici disponibili per il MA sono limitati nell'efficacia, tuttavia le statine possono ridurre significativamente il rischio.


I risultati della ricerca preliminare suggeriscono che gli interventi multimodali volti a ridurre l'infiammazione (compresi i cambiamenti di dieta, esercizio fisico regolare, gestione aggressiva di problemi di salute come ipertensione e diabete e normalizzazione dei fattori metabolici associati ad un aumento del rischio di MA) possono ridurre significativamente il rischio di sviluppare il morbo, ritardare la sua insorgenza o rallentare il suo tasso di progressione.


Sono necessari studi prospettici a lungo termine per confermare questi risultati e chiarire il contributo relativo dei cambiamenti in specifici fattori dello stile di vita per ridurre il rischio di MA.

 

 

 


Fonte: James Lake MD, visiting assistant professor di medicina all'Università dell'Arizona, lavora per trasformare la cura della salute mentale attraverso l'uso basato su prove di terapie alternative.

Pubblicato su Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.