Associazione Alzheimer ONLUS logo

Esperienze e opinioni

Solitudine: la nuova epidemia negli Stati Uniti

Loneliness

MDLinx, un servizio di informazione per i medici, riferisce: "L'epidemia più recente in America [, la solitudine,] colpisce ora fino al 47% degli adulti, il doppio rispetto a pochi decenni fa" (1).


Questi dati sconcertanti hanno rilevanza a causa della sua correlazione con l'aumento del rischio di mortalità precoce, tassi di rischio simili a quelli per l'obesità e il fumo di 15 sigarette al giorno. Inoltre, i risultati si riferiscono a rischi per la salute avversi come la pressione arteriosa sistolica, l'indice di massa corporea e i livelli di colesterolo lipoproteico ad alta densità. Anche la depressione e il suicidio sono citati.


Vivek H. Murthy MD, ex US Surgeon General, nel 2017 ha parlato di solitudine e benessere emotivo come principali preoccupazioni per la salute pubblica (2, 3). Le connessioni sociali sono essenziali. Il posto di lavoro, ad esempio, è un'arena significativa per le relazioni quotidiane poiché è dove la maggior parte degli adulti che lavorano trascorre gran parte della giornata.


Cigna e Ipsos (4) hanno intervistato 20.000  statunitensi adulti over-18 e quasi la metà ha riferito di sentirsi sola (40%) o esclusa (47%). Uno su quattro (27%) sente di non essere capito. Due su cinque (43%) sentono che le relazioni non sono significative e si sentono isolate (43%). La generazione Z (quelli nati dopo circa il '95) si è rivelata la generazione più solitaria. E i social media da soli non sono un predittore di solitudine. In tutti i risultati, è fondamentale la mancanza di una connessione umana significativa.


Quelli che si sentono soli a qualsiasi età sentono che gli altri non li ascoltano, non li prendono sul serio, non hanno contatto visivo e li escludono esplicitamente o implicitamente. Questa percezione, che rifletta o meno la realtà, rafforza la sensazione di essere scollegati, respinti e scomodamente isolati.


C'è una differenza tra la solitudine angosciante e un senso sano di solitudine. Inoltre, è possibile coltivare una mentalità di resilienza, comprese le strategie che prevengono sentimenti solitari, e costruire forze sociali che migliorano le capacità cognitive ed emotive della vita. Arricchire queste forze a qualsiasi età neutralizza la solitudine, l'isolamento e favorisce una maggiore sicurezza in se stessi, sia da soli che con gli altri.

 

Cos'è la solitudine?

La solitudine è accompagnata da sofferenza emotiva: il dolore di sentirsi separati e sconnessi. La solitudine come isolamento è un senso profondamente conflittuale della paura che gli attaccamenti inestricabili percepiti con gli altri vengano respinti e fatti a pezzi o siano assenti. La solitudine riflette uno stato di attaccamento insicuro e 'un legame sfidato'.


Questi sono i timori comuni di perdita di tutte le persone. È il senso inquietante di incompletezza imminente, insicurezza e mancare del terreno sotto i piedi. La persona sola può sentirsi inferiore ad altri percepiti come non soli. La solitudine emana dalla tendenza intrinseca e predefinita della mente a una divisione irreparabile in due.


Sotto alla solitudine ci sono sentimenti profondamente radicati, i principali dei quali sono l'invidia, l'avidità e la gelosia, in un modo molto sfumato. I sentimenti solitari di incompletezza possono far sentire una persona coscientemente inferiore. I timori coscienti di perdita sono evidenti nella gelosia. Mentre questa breve discussione sulla solitudine non può dettagliare queste sottigliezze psicodinamiche, alcune idee chiave sono intriganti perché sembrano attribuire la causa a forze esterne a se stessi.


La serie di post 'Envy This' (invidia questo) ha pescato dal lavoro seminale della psicanalista britannica Melanie Klein (1882-1960) e dai suoi voluminosi lavori sulle radici inconsce dell'invidia. Questi contributi sono audaci e considerati da alcuni come controversi perché sono innovativi e non convenzionali. La tesi gira attorno a modelli subliminali di superiorità e inferiorità che sono proiettati emotivamente nelle relazioni interpersonali segnate dal conflitto. L'enfasi è sulle mentalità che sono deviate in modo non cosciente e possono essere resistenti alla correzione per mezzo di logica e ragione.


Sebbene il processo psicodinamico implicato rimanga profondamente non conscio, esso agisce negando i sentimenti di inferiorità, negando e cancellando ogni accenno di superiorità percepita negli altri. L'invidia non consapevole genera una gelosia e un'avidità più consapevoli. Queste emozioni si manifestano con sentimenti di esclusione da un bene superiore trattenuto o non ottenibile. Sorgono impulsi avidi per ripristinare ciò che è stato perso anche se non è l'oggetto originale perso.


Le manifestazioni irrazionali dell'invidia inconscia (es.: "Io sono inferiore perché gli altri ne hanno sempre di più") e dell'avidità consapevole (es.: "Ho disperatamente bisogno di più di quanto ho") nella vita di tutti i giorni possono essere le cause scatenanti più comuni della solitudine. Sono le articolazioni emotive di una sensazione di assenza (es.: inferiorità e paura della perdita), sentimenti silenziati solo dalla ricerca dell'acquisitività. La solitudine si traduce nella ricerca febbrile di aggrapparsi alle persone e di ottenere oggetti materiali. Il dolore della solitudine è la sensazione che la vita sia un'emergenza che necessita di connessioni immediate che formano azioni a tutti i costi.


L'avidità è più simile ai sentimenti legati alla gelosia. Caratterizzata da inquietanti sentimenti di mordente insoddisfazione di non aver mai abbastanza, ma con la speranza di rendere l'avidità più benigna dell'invidia senza speranza. La gelosia è un'appassionata sensazione di delusione ed esclusione. La gelosia, a differenza dell'invidia, è basata su sentimenti affettuosi, che vogliono il calore delle connessioni amorevoli, ma usando modi auto-sabotatori per raggiungerle.


Invidia, avidità e gelosia possono scatenarsi quando si sperimenta la condiscendenza degli altri. Sperimentare la sensazione di essere inferiori è retrocedere ad essere un 'estraneo'. Questa alienazione emerge dal mix di disprezzo e frustrazione che si aggroviglia nel sentirsi respinti e privi di valore.


Lo stato di dolorosa solitudine è spesso accompagnato da percezioni eccessivamente dirette verso persone e oggetti al di fuori di se stessi. Ciò riflette i tentativi spesso osservati della persona solitaria di comportarsi come se tutti i suoi bisogni potessero essere e dovessero essere soddisfatti solo dall'ambiente esterno piuttosto che da un equilibrio derivante da risorse interne più approfondite.


Poiché la solitudine è una sensazione di essere isolati, non connessi, insicuri, estraniati, alienati e vuoti, viene automaticamente suscitata la difesa naturale dell'aggrapparsi e dell'afferrarsi. Le persone lo sperimentano come una serie infinita di accordi ripetitivi e temporanei di adesione ad un altro o, per esempio, aggrappandosi a beni inanimati come denaro, proprietà, videogiochi, giocattoli, potere e controllo sugli altri, o afferrando un'ideologia non-più-adattativa.

 

Essere da soli

Il concetto di essere da soli è al centro dei sistemi meditativi sia orientali che occidentali. A differenza della solitudine, la sua prospettiva è positiva, un valore con merito e significato pratico.


Essere da soli (sanscrito: Kevalam, Kaivalya) è diverso dalla solitudine. Le prospettive orientali e di molte consapevolezze considerano l'essere da soli come uno stato sano, più un modo di pensare che un numero reale di amici. È caratterizzato da sentimenti di fiducia, sicurezza e completezza relativa. Essere soli con i propri pensieri e sentimenti può aprire l'equanimità interiore liberando una gamma di esperienze da un'auto-riflessione quieta al coinvolgimento fluente nel gioco, nel lavoro, o semplicemente «essere» in mezzo agli altri.


Una bella esposizione si trova nel millenario Kaivalya Upanishad Hindu, all'interno dell'Atharva-Veda (5). La filosofia occidentale e molti orientamenti di fede sottolineano anche una fiducia essenziale nel proprio nucleo interiore. Gli orientamenti spirituali lo hanno arricchito con la grazia e l'ineffabile potenziamento che descrivono scritture religiose millenarie.


Una psicoterapia efficace, intesa nelle prospettive psicologiche e psichiatriche, crea le condizioni in cui diminuiscono i processi di scissione / alienazione e migliorano l'auto integrazione. I sentimenti di solitudine sono ristrutturati e si instaura un maggiore senso di conforto con se stessi. Ciò implica un'accettazione esplicita del momento presente - l'«ora» del presente esperienziale. Sta riportando il silenzio dell'equanimità dentro la propria esperienza.


Essere da soli in questo senso include l'essere in relazione con gli altri, ma non fusi emotivamente. Questo stato di interdipendenza può apparire paradossale perché descrive l'esperienza del proprio essere contemporaneamente sia come singolo individuo sia come parte integrante della propria famiglia e contesto sociale. La solitudine interdipendente sana è uno stato psicologico di silenzio comunicativo interiore. Questo stato consapevole è di equanimità, assenza della dicotomia inferiore-superiore. Inoltre, l'essere da soli in modo sano non è turbato dal timore di perdita.


Questa visione dell'essere da soli si manifesta differentemente in ogni epoca cronologica e in diversi stadi di sviluppo. Gradi di salubre stare da soli possono essere presenti nei bambini sani da soli nel gioco e anche nella presenza sicura di un genitore che si prende cura di loro. Nella maturità, tuttavia, la pienezza di essere empaticamente "soli in presenza degli altri" può fiorire in modo più coscientemente esperto in vari contesti, di cui l'ambiente di lavoro è significativo.

 

Miglioramento della resilienza per la solitudine basato sull'evidenza

Psicologi, psichiatri e sociologi sanno da decenni di lavoro clinico che l'impegno sia intellettuale che sociale aiuta a prevenire la solitudine. Ora, gli studi dimostrano che la componente sociale associata al declino cognitivo nei pazienti con Alzheimer può essere migliorata. Sono in corso solidi studi di intervento con i giovani, sebbene possano essere applicati i risultati dei soggetti più anziani. Il fattore cruciale sono le relazioni sociali di alta qualità, non solo in grande quantità, con autenticità e significatività approfondite.


Ad esempio, in un ampio studio prospettico di quattro anni, l'aumento della solitudine di anziani cognitivamente intatti ha raddoppiato il rischio di Alzheimer (6). Lo studio di ricerca PAQUID (7) ha mostrato una riduzione del 53% nel rischio di Alzheimer in quelli con una rete sociale sicura. Un numero del 2017 dell'International Journal of Geriatric Psychiatry ha discusso un rilevante studio longitudinale di coorte. I risultati hanno mostrato che l'attività sociale si associa positivamente con una diminuzione dei sentimenti di declino cognitivo soggettivo, una scoperta prodromica riconosciuta nel lieve deterioramento cognitivo (MCI) e nell'Alzheimer (8).


Gli interventi basati sulla consapevolezza forniscono miglioramenti soggettivi e fisiologicamente dimostrabili dell'attenzione, del benessere e della modulazione dei processi infiammatori nei professionisti anziani (9).


La solitudine è prevalente ma gestibile. La gestione include identificare la sua presenza, definire i suoi parametri e usare tutte le misure disponibili per prevenire e modificare i suoi effetti angoscianti.


Questa breve revisione ha evidenziato l'impegno sociale e la consapevolezza. Anche la nutrizione, l'esercizio fisico e gli interessi cognitivi attivi hanno ruoli significativi di prevenzione e modulazione. La salute è un equilibrio tra benessere fisico, emotivo e sociale. Questi forniscono una piattaforma di risorse interiori che rendono comodo essere soli sia con se stessi che impegnati in relazioni significative con gli altri, a qualsiasi età.

 

 

 


Fonte: Frank John Ninivaggi MD/FAPA, medico associato allo Yale-New Haven Hospital, assistente professore clinico di Psichiatria Infantile alla Yale University.

Pubblicato su Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Referenze:

  1. MDLinx (January 2019).
  2. Washington Post (2017).
  3. Harvard Business Review (2017).
  4. Cigna & Ipsos (2018).
  5. Whitney, W.D., & Lanman, C.R. (1996). Atharva Veda Samhita: Translation with critical and exegetical commentary. Delhi: Motilal Banarsidass. (Original work published 1905).
  6. Wilson, R.S., Krueger, K.R., Arnold, S.E. et al. (2007). Loneliness and risk of Alzheimer disease. Archives of General Psychiatry, 64 (2): 234-240.
  7. Amieva, H., Stoykova, R., Matharan, F. et al. (2010). What aspects of social network are protective for dementia? Not the quantity but the quality of social interactions is protective up to 15 years later. Psychosomatic Medicine, 72 (9):905-911.
  8. Kuiper, J.S., Oude, Voshaar R.C., Zuidema, S.U. et al. (2017). The relationship between social functioning and subjective memory complaints in older persons: a population-based longitudinal cohort study. International Journal of Geriatric Psychiatry, 32 (10): 1059-1071.
  9. Fountain-Zaragoza, S., & Prakash, R.S. (2017). Mindfulness training for healthy aging: impact on attention, well-being, and inflammation. Frontiers in Aging Neuroscience, 9:11.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Pressione bassa potrebbe essere uno dei colpevoli della demenza

2.10.2019

Invecchiando, le persone spesso hanno un declino della funzione cerebrale e spesso si pr...

Ricetta per una vita felice: ingredienti ordinari possono creare lo straordina…

9.09.2019

Se potessi porre ad ogni essere umano sulla Terra una domanda - qual è la ricetta per u...

I dieci psicobiotici di cui hai bisogno per un cervello felice

9.09.2019

Psicobiotici? Cosa sono gli psicobiotici?? Bene, cosa penseresti se io dicessi che la tu...

La nostra identità è definita dal nostro carattere morale

24.06.2019

Ti sei mai chiesto cos'è che ti rende te stesso? Se tutti i tuoi ricordi dovessero svan...

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie n...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massach...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...