Iscriviti alla newsletter

Quali sono i fattori di rischio per l'Alzheimer e la demenza?

group of people forming an arrow

Non sorprende che la vecchiaia abbia la più grande influenza sul fatto che tu abbia l'Alzheimer, ma potresti sollevare un sopracciglio su ciò che può sembrare una pergamena senza fine di altri potenziali fattori di rischio per la mortale malattia del cervello.


Dopotutto, studi recenti hanno associato un aumento del rischio di demenza al respiro di aria inquinata, al bere una bevanda dietetica ogni giorno, al sottoporsi ad anestesia, ad essere 'sonnolenti' nel pomeriggio e, se sei una donna, ad avere molti bambini o non averne abbastanza, a seconda di quale serie di risultati credi.


Per coloro che hanno voglia di alzare le braccia in segno di sconfitta, "è importante ricordare che i fattori di rischio sono proprio questo: fattori, non destino", afferma Gregory Jicha MD, professore della University of Kentucky. "Vediamo sempre persone che hanno fatto tutto quello che va bene e comunque hanno un declino nella demenza, e quelli che fanno tutto sbagliato e non hanno mai un problema. Non è qualcosa che puoi controllare completamente".


Inoltre, gli esperti osservano che molti studi hanno un obiettivo piuttosto ristretto, con risultati che possono essere interessanti o utili per un ricercatore di Alzheimer - come le informazioni su una serie complessa di fattori genetici e ambientali che potrebbero causare cambiamenti nel cervello - ma che non sono intesi a influenzare il comportamento a livello individuale.


Scoperte che sembrano stranamente specifiche (diciamo, quanto uno si sente 'assonnato' alle 15, o come risponde all'anestesia) possono in realtà riflettere condizioni di fondo più grandi, come il modo in cui qualcuno dorme in generale, o quanto sia sano prima di subire un intervento chirurgico.


Detto questo, è utile comprendere una serie minima di fattori di rischio comprovati, significativi e attuabili, afferma Jicha. Potresti non essere in grado di tornare indietro (o spostarti in una città meno inquinata, o cambiare il numero di bambini che hai avuto), ma c'è molto che puoi fare per proteggere la tua salute cerebrale. Abbiamo chiesto agli esperti di individuare i fattori di rischio più importanti per la demenza, quelli su cui è davvero necessario concentrarsi.

 

Condizioni cardiovascolari

Tutto ciò che blocca o riduce il flusso di sangue nel corpo - un ictus, una malattia cardiaca - aumenta anche il rischio di demenza. Dopo tutto, il cervello ha un bisogno ininterrotto di sangue circolante, quindi è importante mantenere quei vasi liberi e puliti. Smetti di fumare e lavora per tenere sotto un controllo più stretto le condizioni che possano danneggiare la tua salute vascolare.

Queste possono includere glicemia e colesterolo alti, obesità e, soprattutto, ipertensione arteriosa. La tensione arteriosa alta, o ipertensione, è fortemente associata ad un aumento del rischio di demenza, più di qualsiasi altra singola condizione di salute. Questo può essere in parte a causa della sua prevalenza, dice Jicha, secondo il quale il 70-80% degli anziani ha la pressione alta. "È anche un fattore di rischio silenzioso che puoi portare avanti per anni senza accorgertene", dice. "Questo non è il caso del diabete o dell'obesità. È difficile scappare da quelle condizioni come è invece possibile con la pressione alta".

Tuttavia, è meglio parlare con il medico dei livelli ottimali di pressione sanguigna, dice Joe Verghese, professore dell'Albert Einstein College of Medicine e capo di geriatria al Montefiore Health System: "I livelli di pressione che richiedono un trattamento in una persona di 60 anni sono diversi di quelli di un 80enne. Più invecchi, più margine di manovra hai su quanto può essere alta la tua pressione sanguigna".

 

Inattività fisica

"Il tuo cervello non è un organo isolato", afferma James Hendrix PhD, direttore delle iniziative scientifiche globali dell'Alzheimer's Association. "Ciò che è salutare per il resto del tuo corpo è salutare per il tuo cervello". Questo è particolarmente vero per l'attività fisica, che non solo migliora la salute vascolare complessiva, ma può anche influire direttamente sulla capacità del cervello di generare nuove cellule nervose.

Negli studi sugli animali, gli scienziati hanno scoperto che un esercizio moderato prolungato (nell'uomo da 20 a 30 minuti circa) induce l'organismo a produrre BDNF (fattore neurotrofico derivato dal cervello). Questa sostanza chimica aumenta fino del 500% la velocità con cui vengono create nuove cellule nervose. "Negli esseri umani, possiamo vedere un aumento del BDNF, ma non possiamo aprire il cervello per vedere se hanno dato alla luce nuovi neuroni", dice Jicha. "Tuttavia, crediamo che possa influenzare il rischio, compensando direttamente i neuroni persi nel processo della malattia".

 

Routine mentale

Alcuni studi recenti hanno rilevato che un livello alto di istruzione può aiutare a tenere a bada la demenza. Ma gli esperti dicono che l'associazione tra gli anni extra trascorsi a scuola e un rischio inferiore di demenza probabilmente ha più a che fare con la stimolazione mentale, che con il 'dott.' o 'PhD' incluso nel tuo nome.

Verghese è direttore clinico dello studio Einstein Aging Study, che ha scoperto che sia l'istruzione più alta sia il coinvolgimento in molte attività stimolanti proteggono dalla demenza. "Ma se li consideri entrambi insieme, essere andato a scuola vari decenni prima è meno importante che impegnarsi in attività di stimolazione mentale in questo momento", dice. "Infatti, nei pazienti che hanno già la demenza, impegnarsi in attività di stimolazione mentale può aiutare a rallentare il declino cognitivo e prevenire i disturbi comportamentali, ancor più di alcuni farmaci".

Mantenere il cervello attivo è un obiettivo di tutta la vita, ma è particolarmente importante quando si invecchia, quando la pensione può significare meno problemi mentali quotidiani. Prendi in considerazione l'opportunità di tornare a scuola (ci sono scuole in quasi tutti gli stati che offrono lezioni gratuite o a costo ridotto per gli anziani). Persino chi avversa la scuola può fare puzzle o giochi per il cervello, imparare una nuova lingua o unirsi a un club del libro, qualsiasi cosa pur di rafforzare la mente.

 

Isolamento sociale

Perdere il coniuge può aumentare il rischio di demenza. Così può farlo la mancanza di amici o altre connessioni sociali. Il filo conduttore: isolamento e solitudine. Tra gli anziani al di fuori delle case di cura o di altre istituzioni, quasi un terzo vive da solo. E senza un lavoro, una famiglia vicina o altre opportunità regolari per socializzare, è facile trovarti impegnato in attività per lo più solitarie. "Non tutti vogliono andare in un centro per anziani e dedicarsi a un'attività", dice Verghese. "Ma è chiaro che la stimolazione sociale è importante per la salute cognitiva".

Qualsiasi cosa tu possa fare per liberarti dall'isolamento farà bene al tuo cervello. Ciò può includere seguire un corso (vedi sopra), fare volontariato, iscriverti a un club o ad un gruppo di esercizi, partecipare a servizi religiosi, lezioni o leggere libri, o perfino diventare frequentatore abituale di un bar del posto.

 

Perdita di udito

"La sordità è qualcosa che abbiamo riconosciuto come fattore di rischio solo 10 o 15 anni fa", dice Verghese. Tuttavia, gli studi dimostrano che ha un effetto sulla salute cognitiva, forse perché taglia gli stimoli sensoriali al cervello. In effetti, le persone che non si fanno controllare la vista, o hanno una perdita di vista non trattata, hanno dimostrato di avere anche un rischio più alto di declino cognitivo. La perdita di udito ha anche l'effetto di amplificare l'isolamento sociale, rendendo difficile partecipare alle normali attività e può portare alla solitudine, allo stress o alla depressione. La buona notizia: "I buoni apparecchi acustici sono costosi, alcuni sono imbarazzati a indossarli, ma la soluzione è semplice", dice Verghese.

 

Colpi alla testa

"Quando ero bambino, non esisteva un casco per la bici", dice Jicha. Probabilmente non c'era nemmeno quando tu eri bambino, così crescendo o nella giovane età adulta, potresti aver avuto un trauma cranico e non ci hai pensato; questo rientra in quella categoria di fattori di rischio 'non modificabili' della demenza, come lo è la tua età. Oggi, tuttavia, è fondamentale proteggere la tua zucca.

Poiché gli anziani continuano a rimanere attivi oltre l'età pensionabile, è importante rendersi conto che ulteriori lesioni possono essere catastrofiche per il cervello. La lesione cerebrale traumatica, o TBI, aumenta il rischio di encefalopatia cronica (una condizione che colpisce molti atleti professionisti in pensione), e di Alzheimer. "Non è solo «Hai avuto una lesione significativa quando eri in Vietnam?»", dice Jicha, "ma «Come stai proteggendo la testa oggi?»".

 

Problemi di sonno

La qualità del sonno può peggiorare man mano che si invecchia, ma se si soffre regolarmente di insonnia o si sospetta di avere apnea notturna (una condizione in cui la respirazione viene ripetutamente interrotta durante il sonno e che è di solito caratterizzata da un forte russare), dovresti parlarne. "Gli studi hanno dimostrato un'associazione tra apnea e sonno interrotto e un rischio maggiore di Alzheimer, e il rischio sembra davvero aumentare più tardi nella vita", dice Hendrix. "L'apnea sembra aumentare il rischio anche indipendentemente da altri problemi, come l'obesità", che è un fattore sia nell'apnea notturna che nella demenza. Parte della ragione potrebbe essere che l'apnea interrompe il flusso di ossigeno, afferma Hendrix, il che significa che parti del cervello potrebbero non essere adeguatamente nutrite. L'apnea notturna è fortemente correlata anche all'aumento del rischio di ictus.

C'è anche la prova che è durante il sonno che il nostro corpo si libera delle proteine ​​amiloidi, che sono prodotte nel cervello e possono contribuire all'Alzheimer, interrompendo la comunicazione tra neuroni e uccidendo le cellule cerebrali, dice Jicha. "Tutti produciamo queste proteine, ma il motivo per cui non tutti hanno l'Alzheimer è che riusciamo a sbarazzarcene in modo più efficiente di quanto non siano prodotte", dice. "Ma quell'equilibrio può rompersi quando invecchiamo, e il ruolo del sonno è intrigante". La buona notizia è che ci sono più, e migliori, trattamenti per le persone con apnea del sonno, tra cui maschere supplementari di ossigeno non costrittive, maschere solo nasali e interventi chirurgici correttivi. "Non è più C-PAP o niente", dice Jicha.

Dieta scadente

Potresti aver sentito che cibi specifici o integratori possono aiutare a scacciare la demenza (olio di pesce!) oppure metterti sulla strada della malattia (dieta a base di sodio!). Ma gli esperti dicono che è la qualità complessiva della tua dieta ad essere molto più importante di qualsiasi cibo singolo della tua dispensa. "Stiamo dicendo che non dovresti mai mangiare fast food? No", dice Hendrix. "Ma non dovresti renderlo parte integrante della tua dieta". Quindi c'è un modo migliore per mangiare? Hendrix suggerisce di attenersi alla dieta mediterranea, che ha dimostrato di ridurre il rischio di una serie di gravi condizioni di salute, compresa la demenza, forse perché migliora la salute vascolare ma anche probabilmente perché influenza l'accumulo di proteine ​​amiloidi nel cervello. Quindi riempi il piatto con molti prodotti come verdure a foglia verde e pesce, e con cibi ricchi di grassi insaturi come noci e olio d'oliva.

 

 

 


Fonte: Jennifer Marquez in AARP (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.