Esperienze e opinioni

Intervista a Michael Halewood: la diagnosi di Alzheimer fa perdere l'anima?

La diagnosi di Alzheimer fa perdere l'anima?

Che cosa è l'Alzheimer?

Non appena si comincia a cercare di definire il Morbo di Alzheimer, si incontrano problemi. Se viene classificato come una forma di "demenza", allora l'eredità di questa parola inizia a mordere. La parola "demenza" deriva da due termini latini, "mens" e "de", che significa rispettivamente "mente" e "lontano da". In questo senso, avere la demenza implica perdere la propria mente.

Per quanto riguarda la malattia di Alzheimer, in particolare, non esiste una diagnosi definitiva fino alla morte. Una persona può ricevere una diagnosi "possibile" o "probabile" in vita, ma è solo durante un'autopsia post-mortem che si può confermare la formazione di proteine ​​tossiche (depositi di amiloidi). Queste formano placche che danneggiano o uccidono le cellule circostanti nel cervello e sono considerate il ​​segno distintivo della malattia.

 

Quali ipotesi sottendono queste visioni di buon senso e biomediche dell'Alzheimer?

Mi sembra che ci siano due ipotesi principali. Dall'esperienza familiare (mio padre ha avuto la "diagnosi" di Alzheimer nel 2010), sembra che ci sia una riluttanza, inizialmente, ad affermare che qualcuno ha l'Alzheimer. Questo perché una tale diagnosi segna uno spartiacque.

Come con altre forme di "demenza", si immagina che la persona coinvolta sia su un percorso senza remore di disintegrazione. Non potrà migliorare, solo peggiorare. Il suo cervello si sta deteriorando inesorabilmente, così come le sue capacità cognitive e la sua mente.

Al contrario, sebbene una diagnosi di cancro possa essere angosciante, al giorno d'oggi siamo incoraggiati a "Guardare in Faccia il Cancro"; a impegnarci in una battaglia che potrebbe essere vinta.

Sembra che non ci sia speranza di questo tipo con l'Alzheimer. La persona diagnosticata è "persa per noi" e la situazione non farà che peggiorare. Di conseguenza, le opinioni "di buon senso" e "biomediche" si rafforzano reciprocamente.

 

Come possono aiutarci Whitehead e Stengers a ripensare linguaggio e identità?

Dopo la diagnosi di mio padre, ho letto parte della letteratura sull'Alzheimer, sia scientifica che quella che offre sostegno alle famiglie. In tutti questi documenti, c'era una insistenza calma su questa nozione di "perdita" del nucleo della persona.

Ho cominciato a pensare a cosa o chi si supponesse fosse esattamente "perso" nei casi di Alzheimer. Le due sole opzioni che sembravano aperte erano la comprensione di "buon senso" o "biomedica" della malattia. Tuttavia, queste sembravano essere due facce della stessa medaglia e, forse cosa più importante, non si è mai chiarito cosa si stava perdendo.

Ad esempio, le difficoltà con il linguaggio sono spesso considerate come sintomi del morbo: dimenticare le parole, i problemi con la costruzione di frasi, la ripetizione. Il linguaggio diventa un marcatore della perdita della funzione cerebrale. Questa è una risposta piuttosto "non sociologica", poiché il linguaggio (l'elemento sociale) è ridotto all'esito diretto del biologico.

Al tempo stesso, ignorare l'aspetto "medico" e cercare di sviluppare un'analisi "puramente sociologica" e insistere sul fatto che il sé, il soggetto e l'identità, inclusi quelli diagnosticati di Alzheimer, provengono solo dalle interrelazioni di gruppi e individui, non aiuta ad arrivare al cuore della questione.

I sociologi sono abituati a vedere l'identità, il sé, o la soggettività come qualcosa che è costruito, che è separato dal biologico. Tuttavia, quando si pensa all'Alzheimer, tali argomenti non sembrano in grado di spiegare in pieno cosa sta succedendo. Eppure, rinunciare e accettare semplicemente la visione biomedica, piuttosto scoraggiante, non sembrava utile.

Di conseguenza, nel mio articolo, ho cercato di usare il lavoro di Whitehead e Stengers per affrontare la questione in un modo diverso, uno che accettava gli elementi sociali e biomedici, ma non era costretto da essi.

Una delle mosse principali è stata la decisione di usare il termine "anima" come marcatore del nucleo di una persona, di quello che si sta perdendo. Non esiste alcun elemento religioso o teologico in ciò. Piuttosto, era inteso come segnaposto di ciò che è in gioco in questa questione.

In tutto il suo lavoro, Whitehead usa il termine "anima" non per riferirsi a qualche entità duratura (o immortale) dentro di noi, ma come qualcosa che segna il godimento di possibilità che caratterizzano un elemento importante della vita umana. La Stengers si basa su questa nozione esaminando il ruolo del linguaggio per esprimere tale godimento delle possibilità.

Il vantaggio dei loro approcci, come lo vedo io, è che sono in grado di mantenere una nozione di "nucleo" di una persona, inclusi quelli con diagnosi di Alzheimer, che non si basa né su interrelazioni puramente sociali o su una persona fisica stabile. Però mantiene gli aspetti di entrambi.

Spero che la lettura di Whitehead e Stengers, che offro, possano permettere lo sviluppo di un approccio implicante che coloro che hanno la diagnosi di Alzheimer non sono persi, diversi o altri a "noi".

 

Questo ha implicazioni su come pensiamo a malattie diverse dall'Alzheimer?

Come mi ha chiarito il lavoro di Michael Schillmeier, il modo in cui pensiamo all'Alzheimer, alla demenza e forse ad altre malattie come l'Huntington, dicono molto su di noi e sulla nostra società. Ad esempio, quando si fa ricerca sull'Alzheimer, ciò che stiamo cercando è un aspetto dell'eventuale esperienza umana, uno tra i molti.

Tuttavia, c'è la tendenza a vedere coloro che hanno la diagnosi di Alzheimer come "diversi a noi", come altri, come persi per noi. C'è un collegamento qui ai trattamenti teorici e pratici della follia durante la storia, come analizzato da Foucault. Una mente sana o una ragione sana sono collegati ad un individuo presumibilmente sano. Tale visione è stabilita e supportata differenziando tali individui da coloro che non sono tanto "sani".

Mi sembra che ci sia qualcosa di simile in corso nelle discussioni sull'Alzheimer. C'è la necessità di sviluppare modi di pensare e di agire che possano incorporare l'ampia gamma di esperienze umane senza escluderne alcune o di designarle come "perdute a noi".

 

 

 


Fonte: Michael Halewood, docente di Sociologia dell'Università dell'Essex, autore di «Do Those Diagnosed With Alzheimer's Disease Lose Their Souls? Whitehead and Stengers on Persons, Propositions and the Soul» (Quelli con diagnosi di Alzheimer perdono la loro anima? Whitehead e Stengers sulle persone, le proposizioni e l'anima).

Pubblicato su The Social Review (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali colelgamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017 DaNonPerdere

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta e ​...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

04.08.2017 DaNonPerdere

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017 DaNonPerdere

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​​a...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017 DaNonPerdere

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV ...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

07.10.2016 DaNonPerdere

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer …

16.06.2016 DaNonPerdere

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016 DaNonPerdere

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocamp…

17.02.2016 DaNonPerdere

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015 DaNonPerdere

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili d...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015 DaNonPerdere

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015 DaNonPerdere

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le proteina…

31.07.2015 DaNonPerdere

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio r...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015 DaNonPerdere

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015 DaNonPerdere

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015 DaNonPerdere

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzheim…

27.04.2015 DaNonPerdere

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015 DaNonPerdere

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picco...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

05.12.2014 DaNonPerdere

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adulto…

21.11.2014 DaNonPerdere

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

02.11.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

06.10.2014 DaNonPerdere

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

01.10.2014 DaNonPerdere

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014 DaNonPerdere

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...