Iscriviti alla newsletter

Intervista a Michael Halewood: la diagnosi di Alzheimer fa perdere l'anima?

La diagnosi di Alzheimer fa perdere l'anima?

Che cosa è l'Alzheimer?

Non appena si comincia a cercare di definire il Morbo di Alzheimer, si incontrano problemi. Se viene classificato come una forma di "demenza", allora l'eredità di questa parola inizia a mordere. La parola "demenza" deriva da due termini latini, "mens" e "de", che significa rispettivamente "mente" e "lontano da". In questo senso, avere la demenza implica perdere la propria mente.

Per quanto riguarda la malattia di Alzheimer, in particolare, non esiste una diagnosi definitiva fino alla morte. Una persona può ricevere una diagnosi "possibile" o "probabile" in vita, ma è solo durante un'autopsia post-mortem che si può confermare la formazione di proteine ​​tossiche (depositi di amiloidi). Queste formano placche che danneggiano o uccidono le cellule circostanti nel cervello e sono considerate il ​​segno distintivo della malattia.

 

Quali ipotesi sottendono queste visioni di buon senso e biomediche dell'Alzheimer?

Mi sembra che ci siano due ipotesi principali. Dall'esperienza familiare (mio padre ha avuto la "diagnosi" di Alzheimer nel 2010), sembra che ci sia una riluttanza, inizialmente, ad affermare che qualcuno ha l'Alzheimer. Questo perché una tale diagnosi segna uno spartiacque.

Come con altre forme di "demenza", si immagina che la persona coinvolta sia su un percorso senza remore di disintegrazione. Non potrà migliorare, solo peggiorare. Il suo cervello si sta deteriorando inesorabilmente, così come le sue capacità cognitive e la sua mente.

Al contrario, sebbene una diagnosi di cancro possa essere angosciante, al giorno d'oggi siamo incoraggiati a "Guardare in Faccia il Cancro"; a impegnarci in una battaglia che potrebbe essere vinta.

Sembra che non ci sia speranza di questo tipo con l'Alzheimer. La persona diagnosticata è "persa per noi" e la situazione non farà che peggiorare. Di conseguenza, le opinioni "di buon senso" e "biomediche" si rafforzano reciprocamente.

 

Come possono aiutarci Whitehead e Stengers a ripensare linguaggio e identità?

Dopo la diagnosi di mio padre, ho letto parte della letteratura sull'Alzheimer, sia scientifica che quella che offre sostegno alle famiglie. In tutti questi documenti, c'era una insistenza calma su questa nozione di "perdita" del nucleo della persona.

Ho cominciato a pensare a cosa o chi si supponesse fosse esattamente "perso" nei casi di Alzheimer. Le due sole opzioni che sembravano aperte erano la comprensione di "buon senso" o "biomedica" della malattia. Tuttavia, queste sembravano essere due facce della stessa medaglia e, forse cosa più importante, non si è mai chiarito cosa si stava perdendo.

Ad esempio, le difficoltà con il linguaggio sono spesso considerate come sintomi del morbo: dimenticare le parole, i problemi con la costruzione di frasi, la ripetizione. Il linguaggio diventa un marcatore della perdita della funzione cerebrale. Questa è una risposta piuttosto "non sociologica", poiché il linguaggio (l'elemento sociale) è ridotto all'esito diretto del biologico.

Al tempo stesso, ignorare l'aspetto "medico" e cercare di sviluppare un'analisi "puramente sociologica" e insistere sul fatto che il sé, il soggetto e l'identità, inclusi quelli diagnosticati di Alzheimer, provengono solo dalle interrelazioni di gruppi e individui, non aiuta ad arrivare al cuore della questione.

I sociologi sono abituati a vedere l'identità, il sé, o la soggettività come qualcosa che è costruito, che è separato dal biologico. Tuttavia, quando si pensa all'Alzheimer, tali argomenti non sembrano in grado di spiegare in pieno cosa sta succedendo. Eppure, rinunciare e accettare semplicemente la visione biomedica, piuttosto scoraggiante, non sembrava utile.

Di conseguenza, nel mio articolo, ho cercato di usare il lavoro di Whitehead e Stengers per affrontare la questione in un modo diverso, uno che accettava gli elementi sociali e biomedici, ma non era costretto da essi.

Una delle mosse principali è stata la decisione di usare il termine "anima" come marcatore del nucleo di una persona, di quello che si sta perdendo. Non esiste alcun elemento religioso o teologico in ciò. Piuttosto, era inteso come segnaposto di ciò che è in gioco in questa questione.

In tutto il suo lavoro, Whitehead usa il termine "anima" non per riferirsi a qualche entità duratura (o immortale) dentro di noi, ma come qualcosa che segna il godimento di possibilità che caratterizzano un elemento importante della vita umana. La Stengers si basa su questa nozione esaminando il ruolo del linguaggio per esprimere tale godimento delle possibilità.

Il vantaggio dei loro approcci, come lo vedo io, è che sono in grado di mantenere una nozione di "nucleo" di una persona, inclusi quelli con diagnosi di Alzheimer, che non si basa né su interrelazioni puramente sociali o su una persona fisica stabile. Però mantiene gli aspetti di entrambi.

Spero che la lettura di Whitehead e Stengers, che offro, possano permettere lo sviluppo di un approccio implicante che coloro che hanno la diagnosi di Alzheimer non sono persi, diversi o altri a "noi".

 

Questo ha implicazioni su come pensiamo a malattie diverse dall'Alzheimer?

Come mi ha chiarito il lavoro di Michael Schillmeier, il modo in cui pensiamo all'Alzheimer, alla demenza e forse ad altre malattie come l'Huntington, dicono molto su di noi e sulla nostra società. Ad esempio, quando si fa ricerca sull'Alzheimer, ciò che stiamo cercando è un aspetto dell'eventuale esperienza umana, uno tra i molti.

Tuttavia, c'è la tendenza a vedere coloro che hanno la diagnosi di Alzheimer come "diversi a noi", come altri, come persi per noi. C'è un collegamento qui ai trattamenti teorici e pratici della follia durante la storia, come analizzato da Foucault. Una mente sana o una ragione sana sono collegati ad un individuo presumibilmente sano. Tale visione è stabilita e supportata differenziando tali individui da coloro che non sono tanto "sani".

Mi sembra che ci sia qualcosa di simile in corso nelle discussioni sull'Alzheimer. C'è la necessità di sviluppare modi di pensare e di agire che possano incorporare l'ampia gamma di esperienze umane senza escluderne alcune o di designarle come "perdute a noi".

 

 

 


Fonte: Michael Halewood, docente di Sociologia dell'Università dell'Essex, autore di «Do Those Diagnosed With Alzheimer's Disease Lose Their Souls? Whitehead and Stengers on Persons, Propositions and the Soul» (Quelli con diagnosi di Alzheimer perdono la loro anima? Whitehead e Stengers sulle persone, le proposizioni e l'anima).

Pubblicato su The Social Review (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali colelgamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.