Esperienze e opinioni

Aiutare i pazienti di Alzheimer a godere della vita, non solo a 'svanire'

Aiutare i pazienti di Alzheimer a godere della vita, non solo a 'svanire'Barbara Marquez porta la madre, Florence (con diagnosi di Alzheimer), a fare una passeggiata in dicembre 2016. (Foto: Heidi de Marco / KHN)

L'Alzheimer ha una caratteristica insolita: è la malattia che gli americani temono di più, più del cancro, dell'ictus o delle malattie cardiache. La retorica che circonda l'Alzheimer riflette questo: ci viene detto di volta in volta che le persone 'svaniscono' e sono tragicamente 'derubate delle loro identità' quando questa condizione incurabile progredisce.


Tuttavia, un numero notevole di ricerche suggeriscono che questa narrazione di Alzheimer è errata, dicendo che le persone con Alzheimer e altri tipi di demenza mantengano un senso di sé e hanno una qualità positiva di vita, in generale, fino alla fase finale della malattia.


Apprezzano le relazioni. Sono energizzati dalle attività significative e danno valore alle opportunità di esprimersi. E godono di sentirsi a casa nel loro ambiente. "Le nostre capacità cambiano? Sì. Ma dentro siamo le stesse persone", ha detto John Sandblom, di 57 anni, di Ankeny in Iowa, che ha avuto la diagnosi di Alzheimer sette anni fa.


Il Dr. Peter Rabins, psichiatra, professore dell'Università del Maryland e co-autore di «La giornata di 36 ore: una guida per le famiglie dei pazienti di Alzheimer», ha riassunto i risultati della ricerca in questo modo:

"Complessivamente, circa un quarto delle persone con demenza segnalano una qualità negativa di vita, anche se questo numero è più elevato nelle persone con la malattia grave. Ho imparato qualcosa da questo.

Sono tra le persone che pensavano: 'Se accade qualcosa alla mia memoria, alla mia capacità di pensare, non posso immaginare niente di peggio'. Ma ho visto che puoi essere un nonno meraviglioso e non ricordare il nome del nipote che ti adora. Puoi essere con le persone che ami e con cui ti diverti, anche se non stai seguendo l'intera conversazione".


L'implicazione: la promozione del benessere è sia possibile sia  auspicabile nelle persone affette da demenza, anche se affrontano perdita di memoria, elaborazione cognitiva più lenta, distraibilità e altri sintomi. "Ci sono molte cose che caregiver, famiglia e amici possono fare - proprio ora - per migliorare la vita delle persone", ha dichiarato il dottor Allen Power, autore di «Demenza oltre la malattia: migliorare il benessere» e cattedra di Innovazione nell'Invecchiamento e nella Demenza all'Università di Waterloo in Canada.


Naturalmente, le fasi finali dell'Alzheimer e degli altri tipi di demenza sono enormemente difficili e le risorse per aiutare i caregiver sono scarse, tutti problemi che non devono essere sottovalutati. Tuttavia, fino all'80% delle persone affette da demenza sono nelle fasi lieve e moderata. Ecco alcuni elementi della loro qualità di vita che si dovrebbero curare:

 

Focus sulla salute

Uno studio notevole ha analizzato lunghe discussioni tra persone con demenza, caregiver e professionisti in sei riunioni dell'Alzheimer's Disease International, un gruppo di associazioni di Alzheimer di tutto il mondo.

Queste discussioni hanno sottolineato l'importanza della salute fisica: essere privi di dolore, ben nutriti, fisicamente attivi e ben curati, con i bisogni di continenza soddisfatti, equipaggiati con aiuti agli occhi e con apparecchi acustici e non ricevere troppe medicine. Anche la salute cognitiva era una priorità. Le persone vogliono la 'riabilitazione cognitiva' per aiutarle a imparare tecniche pratiche per promuovere la memoria o compensare la perdita di memoria.

Fino al 40% delle persone affette da Alzheimer soffre di una depressione significativa e la ricerca di Rabins e colleghi sottolinea l'importanza di valutare e offrire un trattamento a qualcuno che appare triste, apatico e totalmente disinteressato nella vita.

 

Coltivare le connessioni sociali

Essere connessi e coinvolti con altre persone è una priorità alta per le persone affette da demenza. Sulla base di ricerche condotte in diversi decenni, Rabins elencava l'interazione sociale come uno dei cinque elementi essenziali di una qualità positiva di vita.

Ma la paura, il disagio e il malinteso interrompono di routine le relazioni una volta che viene fatta la diagnosi. "La cosa più triste che sento, quasi senza eccezione, da persone di tutto il mondo, è che la famiglia, gli amici e le conoscenze ti abbandonano", ha detto Sandblom, che gestisce un gruppo settimanale di supporto online per Dementia Alliance International, un'organizzazione per persone con demenza che egli ha co-fondato in Gennaio 2014.

 

Adattare la comunicazione

Non sapere come comunicare con qualcuno che ha una demenza è un problema comune.

Laura Gitlin, ricercatrice di demenza e direttrice del Centro per la Cura Innovativa nell'Invecchiamento della Johns Hopkins University, ha offerto questi suggerimenti: parlare lentamente, semplicemente e con calma, esprimere uno o due argomenti alla volta, dare il tempo sufficiente per rispondere, evitare l'uso di parole negative, non discutere, eliminare il rumore e la distrazione, tenere il contatto con gli occhi senza fissare, ed esprimere affetto sorridendo, tenendo le mani o abbracciando.

Inoltre, capire che le persone con demenza percepiscono le cose in modo diverso. "Devi capire che quando hai la demenza perdi molte delle tue percezioni naturali di ciò che gli altri stanno facendo", ha detto Sandblom. "Quindi, molti di noi diventano un po' nervosi o sospettosi. Penso che sia una reazione umana naturale sapere che non stai capendo bene le cose".

 

Affrontare i bisogni insoddisfatti

I bisogni che non sono riconosciuti o affrontati possono causare disturbi significativi e una minore qualità di vita. Piuttosto che trattare l'angoscia, suggerisce Power, cercare di capire la causa sottostante e fare qualcosa.

Quali sono i bisogni di solito non soddisfatti? In uno studio pubblicato nel 2013, Rabins e colleghi ne hanno identificato diversi: gestire il rischio di caduta dei pazienti (non soddisfatti quasi per il 75 per cento dei casi); affrontare preoccupazioni sanitarie e mediche (non soddisfatte, 63 per cento); impegnarsi in attività significative (53 per cento); e rivedere la casa in modo che sia sicura e in cui sia facile muoversi (45 per cento).

 

Rispettare l'autonomia e l'individualità

Rabins chiamava questo 'consapevolezza di sé' e l'ha elencata tra i componenti essenziali di una qualità positiva di vita. Sandblom l'ha chiamata "essere visto come una persona intera, non come la mia malattia".

Alle riunioni di Alzheimer's Disease International, le persone parlavano di essere ascoltate, valorizzate e di avere scelte che permettevano loro di esprimersi. Hanno detto di voler essere rispettate e che la loro spiritualità fosse riconosciuta, non trattata con condiscendenza, svilita o infantilizzata.

In una recensione di 11 studi che avevano chiesto alla persone con demenza ciò che era importante per loro, hanno detto di voler sperimentare autonomia e indipendenza, sentirsi accettati e capiti, e non essere eccessivamente identificati con la loro malattia.


Nessuno di questi elementi è facile. Ma si possono insegnare strategie per comprendere cosa provano le persone con demenza e affrontare le loro esigenze. Questo dovrebbe diventare una priorità, ha detto Rabins, aggiungendo che "una migliore qualità della vita dovrebbe essere il risultato primario di tutti i trattamenti di demenza".

 

 


Fonte: (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Prev Next

I possibili collegamenti tra sonno e demenza

24.11.2017 DaNonPerdere

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di A...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017 DaNonPerdere

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta e ​...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

04.08.2017 DaNonPerdere

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017 DaNonPerdere

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​​a...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017 DaNonPerdere

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV ...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

07.10.2016 DaNonPerdere

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer …

16.06.2016 DaNonPerdere

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016 DaNonPerdere

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocamp…

17.02.2016 DaNonPerdere

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015 DaNonPerdere

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili d...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015 DaNonPerdere

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015 DaNonPerdere

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le proteina…

31.07.2015 DaNonPerdere

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio r...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015 DaNonPerdere

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015 DaNonPerdere

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015 DaNonPerdere

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzheim…

27.04.2015 DaNonPerdere

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015 DaNonPerdere

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picco...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

05.12.2014 DaNonPerdere

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adulto…

21.11.2014 DaNonPerdere

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

02.11.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

06.10.2014 DaNonPerdere

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

01.10.2014 DaNonPerdere

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014 DaNonPerdere

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...