Esperienze e opinioni

Come gestire la dimenticanza e la diffidenza che derivano dall'Alzheimer?

Distrusting Hal

Purtroppo, dimenticare le cose è una caratteristica di questa malattia. Con la sua progressione, noterai il declino della memoria di tuo padre, soprattutto quella a breve termine. Ad esempio, è possibile preparare il pasto e pranzare con lui, e pochi minuti dopo, potrebbe dire che ha fame o chiedere a che ora sarà servito il pranzo.


Puoi aiutare con spunti nell'ambiente. Può essere utile un calendario e/o un programma giornaliero sul frigorifero, dove può essere facilmente visto. Inoltre, i foglietti adesivi vanno bene per dare suggerimenti. Ad esempio puoi mettere una nota sullo specchio del bagno con su scritto: "Lavati i denti" o usarla per indicazioni e marcatura. Le foto su etichette e calendari sono ottimi richiami.


La credibilità è un altro problema comune con l'Alzheimer. Immagina di essere in un mondo in cui nessuno ti capisce, dove tutto quello che ti era familiare sembra perduto, dove i volti di coloro che ti circondano non hanno senso. Questo è l'Alzheimer.


Puoi aiutare usando toni piacevoli e non minacciosi quando comunichi con tuo padre. Sorridi sempre! Annuisci con la testa e rimani interessata a quello che sta cercando di dirti, anche se potrebbe non avere senso per te. Ha solo bisogno di essere rassicurato.


Spesso, la persona con Alzheimer diventa diffidente e accusatoria, con domande come: "Perché hai preso i miei soldi?". Questi commenti possono sembrare offensivi, venendo da qualcuno così vicino a te, ma ricorda che è la malattia. Accusandolo e/o rispondendo in modo duro non risolverà la situazione. Tieni a mente che i sospetti e la paranoia di tuo padre non sono fondati nella realtà, ma la situazione è molto reale per lui mentre sta cercando di dare un senso a quel mondo spaventoso dove sta vivendo.


Se ti accusa di aver rubato qualcosa, entra in empatia e convalida ciò che sta vivendo. Rassicuralo di aver compreso e dichiarati disponibile a restituirgli l'oggetto. Questo tipo di dialogo può dargli un certo controllo e convalida, e anche distrarre la sua paranoia se accetta la spiegazione o le tue scuse e procede. Puoi anche provare a portare la sua attenzione su un'attività piacevole.


Con il declino della cognizione di tuo padre nel processo della malattia, ricorda di vivere nel momento presente con lui, per quanto è possibile. Come sempre, controlla con il medico se i comportamenti e la paranoia di tuo padre diventano più gravi.

 

 

 


Fonte: Dana Territo in The Advocate (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Potrebbe interessarti anche:

Sappiamo come bloccare le epidemie. L'Alzheimer può essere la prossima?

Darce Fardy: trovare l'equilibrio sia nel corpo che nella vita

Come affrontare i sintomi della demenza con un proprio caro

Declino cognitivo nell'Alzheimer legato a carenza della 'proteina della memoria'

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: