Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Le questioni etiche poste dalla Stimolazione Cerebrale Profonda nell'Alzheimer

Le questioni etiche poste dalla Stimolazione Cerebrale Profonda nell'AlzheimerSchema dell'impianto della Stimolazione Cranica Profonda (sinistra) e risultati dopo 1 mese (scansione in centro) e 1 anno (scansione in basso). Fonte: Wikispaces.net

I primi, e promettenti, studi sulla stimolazione cerebrale profonda (DBS) per il trattamento dell'Alzheimer hanno aperto un percorso per futuri studi clinici.


Ma dei ricercatori della University of Pennsylvania, in una nuova recensione sul Journal of Alzheimer's Disease, sostengono che stanno emergendo, e devono essere affrontate, delle questioni etiche uniche in questa popolazione vulnerabile, per quanto riguarda il processo decisionale e l'accesso al trattamento post-studio.


Il paziente ha ancora la capacità di prendere una decisione informata nel mezzo del processo? Ci sono fraintendimenti sul suo beneficio terapeutico? Il dispositivo rimarrà impiantato anche al termine del test? e chi lo pagherà?


Queste sono le domande poste in un articolo di revisione etica che stabilisce anche le linee guida che devono considerare i ricercatori al momento dell'iscrizione dei malati di Alzheimer agli studi DBS. L'articolo è stato scritto da Andrew M. Siegel MD (assistente professore di psichiatria clinica della Scuola Perelman di Medicina alla University of Pennsylvania), Marna S. Barrett PhD (professore associato di Psicologia in Psichiatria della Penn), e Mahendra T . Bhati MD (ex assistente professore di psichiatria clinica alla Penn, ora alla Stanford University).


Approvata per il trattamento di disturbi neuropsichiatrici e del movimento (come il Parkinson), la DBS è una procedura chirurgica invasiva che comporta l'impianto di un microstimolatore che invia impulsi elettrici a punti specifici nel cervello. Spinta dalla necessità urgente di terapie efficaci e dal successo di studi recenti, la DBS è ora emersa anche come un possibile trattamento per l'Alzheimer.


"Poiché il numero di persone colpite dall'Alzheimer continua a crescere, insieme con i costi per gli individui, le famiglie e la società, sono necessarie con urgenza nuove terapie. La DBS è una di queste modalità di trattamento che ha mostrato risultati iniziali promettenti", ha detto Siegel. "Tuttavia, questo entusiasmo deve essere temperato da considerazioni etiche prudenti, per aiutare a proteggere meglio i pazienti".


Gli autori richiamano tre questioni etiche che dovrebbero essere affrontate e le raccomandazioni.

  1. Gli autori dicono che è importante garantire che i soggetti di studio siano dotati di una sufficiente capacità decisionale, perché tali individui hanno deficit cognitivi che potrebbero ragionevolmente limitare tale capacità e, quindi, compromettere il consenso informato. La DBS per gli esperimenti deve avere un meccanismo robusto sia per rilevare la perdita di capacità decisionale che per proteggere gli interessi dei pazienti durante il processo.
    I suggerimenti includono l'uso di una valutazione convalidata della capacità decisionale sotto mandato dell'Institutional Review Board (IRB), come ad esempio l'intervista MacCat-CR, e un "consenziente ausiliario", qualcuno non affiliato allo studio che determina la conoscenza del paziente delle procedure, dei rischi, e del dispositivo.
  2. Il fraintendimento terapeutico è un'altra preoccupazione. I pazienti con Alzheimer, alla disperata ricerca di sollievo e senza una valida alternativa, possono accettare la DBS come ultima risorsa. Tale disperazione può creare la percezione alterata che l'obiettivo primario dello studio sia dare benefici alla salute invece che conoscenze sull'efficacia del dispositivo. Se lasciata incontrollata, questa percezione potrebbe distorcere la comprensione dei pazienti dei rischi e dei benefici della DBS.
    "Potrebbe essere necessario informare direttamente i pazienti durante il consenso allo studio che gli «obiettivi scientifici avranno la priorità sugli obiettivi terapeutici»", scrivono gli autori. Può rivelarsi efficace anche un periodo di riflessione, dove i pazienti hanno il tempo sufficiente per elaborare tutte le informazioni che hanno ricevuto.
  3. Un'altra domanda da porsi al termine dello studio è se i pazienti che hanno beneficiato del dispositivo dovrebbero continuare a ricevere il trattamento. Questa domanda è particolarmente rilevante considerando l'elevato costo della DBS e il fatto che il dispositivo può restare al paziente per molti anni dopo la fine dell'esperimento.
    Gli autori ritengono che negare l'accesso dei pazienti all'unico intervento conosciuto per alleviare le loro sofferenze equivale a violare il sacrosanto principio di "non nuocere". "Fornire l'accesso post-prova al sottogruppo di pazienti che ha dimostrato di beneficiare di un esperimento fallito non è solo eticamente appropriato", dice Siegel, "ma consentirebbe la raccolta di dati longitudinali sicuri ed efficaci non evidenziati nello studio originale".
    Secondo gli autori, una volta che l'accesso post-esperimento è accettato da un gruppo di ricerca, la sfida è la responsabilità finanziaria. I pazienti, insieme a sponsor, investigatori, sistemi di assistenza sanitaria, assicurazione, governi e organizzazioni non-profit devono mettersi insieme per condividere la responsabilità e negoziare accordi di accesso continuo prima dell'arruolamento nello studio.


Questo modello ha funzionato in passato: l'HIV Netherlands, Australia, Thailand Research Collaboration è un esempio.

"Speriamo che questa recensione possa facilitare lo sviluppo di progetti di studio e di procedure di supervisione IRB che proteggono meglio i soggetti di ricerca", ha detto Siegel. "Un passo successivo ragionevole è che i centri di ricerca e gli ospedali esaminino la loro pratica corrente e le politiche che guidano la DBS nella ricerca di Alzheimer. La nostra revisione potrebbe fungere da guida per aiutarli a porre le domande pertinenti sul loro stato attuale di supervisione e a considerare le modifiche a seconda dei casi".

 

 

 


Fonte: University of Pennsylvania (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Andrew M. Siegel, Marna S. Barrett, Mahendra T. Bhati. Deep Brain Stimulation for Alzheimer’s Disease: Ethical Challenges for Clinical Research. Journal of Alzheimer's Disease, Volume 56, Number 2

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.