Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Anziane con demenza che si perdono hanno maggiori probabilità di sopravvivere

wandering at night

Perdersi in un luogo sconosciuto è una sensazione inquietante che la maggior parte di noi ha provato. Ritrovare la strada e arrivare in sicurezza a destinazione richiede abilità cognitive e fisiche e potenzialmente altre risorse. Questo è il motivo per cui fino al 60% delle persone con demenza arriverà a perdersi nel corso della vita con la malattia.


Abbiamo condotto uno studio sui casi di ricerca e soccorso negli Stati Uniti e abbiamo scoperto che le persone over-65 che si perdono subiscono un danno (a volte fatale) più grande di quanto ci aspettavamo. Tuttavia, i risultati per le persone anziane con demenza sono stati sorprendenti e controintuitivi.

 

Cosa sappiamo degli anziani e del perdersi

Gli anziani (quelli di oltre 65 anni) sono più vulnerabili a perdersi. Il declino nella funzione fisica e cognitiva legato all'età influisce sulla capacità di muoversi, resistere nell'ambiente e chiedere assistenza.


Perdersi è molto angosciante sia per la persona dispersa che per i suoi cari. Le persone con demenza hanno un rischio maggiore di perdersi a causa dei problemi di memoria, perdita di giudizio e capacità visiva percettiva ridotta (potrebbero dimenticare i punti di riferimento, confondersi sulla direzione o non riconoscere i luoghi).


La fragilità e l'aumento del rischio di malattia man mano che si invecchia implicano che per gli anziani aumenta il rischio di subire una lesione, a volte fatale.

 

Cosa ha trovato il nostro studio

Il nostro studio ha esaminato i rapporti sui casi di persone anziane che si sono perse negli Stati Uniti e il cui problema è stato denunciato alla polizia o direttamente a una squadra di ricerca e soccorso. Abbiamo esaminato 1.703 incidenti che hanno richiesto un'operazione di ricerca e soccorso per individuare la persona. Abbiamo usato i dati degli Stati Uniti perché erano di più e più dettagliati di quelli che abbiamo in Australia.


Dei 1.703 casi, 208 (12%) persone sono state trovate morte. Questo era più di quanto ci aspettassimo, ma il numero esatto di decessi è difficile da prevedere poiché alcune persone muoiono dopo essere state trovate a causa delle lesioni, e alcune vengono trovate rapidamente prima di coinvolgere la polizia.


Abbiamo scoperto che la morte era più probabile in situazioni in cui c'erano attività legate all'acqua (come la nautica e la pesca), in condizioni di clima freddo (pioggia, temporale, neve) e tra i maschi. E coloro che non sono sopravvissuti avevano maggiori probabilità di trovarsi in acqua o in zone umide rispetto alle persone trovate vive.


È importante sottolineare che, per coloro che non sono sopravvissuti, il tempo impiegato per avvisare le squadre di ricerca e soccorso è stato tre volte più lungo. Il tempo di ricerca è stato sei volte più lungo. È interessante notare che le persone con demenza avevano maggiori probabilità di essere trovate vive rispetto a quelle senza demenza.

 

Perché le persone con demenza avevano maggiori probabilità di sopravvivere?

Anche se sembra una scoperta controintuitiva, la spiegazione del perché quelli con demenza andavano meglio potrebbe essere nel nostro approccio alle cure e i metodi di soccorso applicati agli anziani con demenza.


I caregiver delle persone con demenza possono usare con più regolarità dispositivi tecnologici di tracciamento o il blocco delle porte, per impedire alla persona anziana con demenza di lasciare la casa.


È anche plausibile che le maggiori preoccupazioni per la sicurezza e il benessere delle persone con demenza possono essere una spinta per i caregiver a coinvolgere prima le squadre di ricerca e soccorso, rispetto a quando si nota la scomparsa della persona senza demenza.


In alternativa, può anche riflettere le strategie impiegate dai team di ricerca e soccorso. Le ricerche delle persone perse con demenza danno spesso la priorità e ricevono la massima urgenza dalle squadre di ricerca e soccorso.


Questa attenzione alle persone con demenza può trascurare altre persone anziane che necessitano di interventi. Potremmo non provare lo stesso livello di urgenza o addirittura non riconoscere che esiste un rischio reale di danno per le persone senza demenza.

 

Cosa significano i risultati?

Questo studio, sebbene focalizzato sugli Stati Uniti, è probabilmente trasferibile a paesi con autorità di ricerca e soccorso, climi e terreno simili. Certamente, paesi come Australia, Nuova Zelanda e Stati Uniti possono imparare gli uni dagli altri e sappiamo che condividono informazioni di ricerca e soccorso con l'obiettivo di migliorare gli sforzi di ricerca.


Ci ricorda con forza che dobbiamo concentrarci su tutte le persone anziane e non limitare la nostra attenzione a un gruppo di popolazione. Se si nota che una persona cara è scomparsa, è importante contattare presto la polizia. Più a lungo manca una persona, maggiore è il rischio di morte.


Per le persone con demenza, le famiglie dovrebbero considerare l'uso di dispositivi di tracciamento personale come orologi GPS o targhette. Questo intervento può aiutare a individuare rapidamente la persona e rispetta anche il proprio diritto alla libertà di movimento.


Spesso, le persone vengono trovate nelle immediate vicinanze del luogo in cui sono state viste l'ultima volta e quindi la ricerca nei paraggi può essere efficace. Infine, dobbiamo comprendere i pericoli delle attività legate all'acqua. Questo pericolo si estende a tutte le persone anziane, con e senza demenza. Garantire che la famiglia sappia quando e dove una persona anziana va in luoghi con acqua e che indossi un dispositivo di tracciamento può semplicemente salvare una vita.

 

 

 


Fonte: Marta Woolford (dottoranda e responsabile ricerca medicina forense) e Joseph Ibrahim (professore Medicina Forense), Monash University

Pubblicato su The Conversation (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: MH Woolford et al. Search and rescue incidents among persons 65 years and older in the USA: Examination of factors associated with death. Int J Geriatr Psychiatry, Nov 2022, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.