Iscriviti alla newsletter

Prescrizione sociale: le playlist nella demenza sono anche un problema di fondi

old lady listening to musicFoto: Alamy Stock Photo

Non è un segreto che al governo [della GB] piaccia la 'prescrizione sociale'. La 'strategia per la solitudine' del mese scorso includeva proposte ai medici generici di indirizzare i pazienti a gruppi artistici, corsi di cucina e altre attività.


E parlando alla conferenza della settimana scorsa del King's Fund sull'argomento, il segretario per la salute e l'assistenza sociale, Matt Hancock, ha annunciato la creazione di un'accademia per costruire una base di ricerca, addestrare i professionisti e difendere i benefici della prescrizione sociale. Vuole vedere una rete nazionale di progetti di prescrizione sociale che incoraggiano le persone a prendere parte a una serie di attività tra cui arti, esercizio e consigli nutrizionali.


Ci si sente frastornati nel contestare il concetto di prescrizione sociale. Come si può discutere il valore delle playlist musicali per le persone con demenza? O del ballo per chi è a rischio di cadute? O delle lezioni di cucina per i solitari? Certamente il nostro modello medico convenzionale non può risolvere i crescenti problemi di diabete, obesità, stress e solitudine.


I problemi psicosociali sono alla base di circa un quarto delle consultazioni che i medici generici come me conducono ogni giorno. Come dice Hancock, "Dobbiamo smettere di sovra-medicalizzare le persone. Pillole e prozac non cureranno tutti i problemi". Egli vede la prescrizione sociale come "fondamentale per la prevenzione" della cattiva salute e vuole attaccare le arti "che migliorano la vita" alle scienze mediche "salvavita".


Ma come sempre, il finanziamento è la chiave. Alla conferenza del King's Fund della scorsa settimana, Hancock ha fatto alzare le sopracciglia ai delegati quando ha affermato che le biblioteche sono grandi centri per servizi alla comunità, come le cliniche per smettere di fumare. Forse non si rende conto di quante biblioteche locali siano state chiuse da autorità locali a corto di soldi? Anche centri giovanili, centri diurni e altri servizi comunitari hanno visto tagli massicci del budget dal 2010, con molti chiusi del tutto.


Il cancelliere, Philip Hammond, ha promesso 2 miliardi di sterline di finanziamenti extra per i servizi di salute mentale e 650 milioni di sterline alle cure sociali nel budget del mese scorso. Ma Hancock ha solo promesso di aumentare "la percentuale complessiva dei finanziamenti per le cure primarie". Vuole prescrivere farmaci sociali per sfruttare risorse che sono già presenti nel settore comunitario e del volontariato.


Il punto di discussione è che la partecipazione alle attività sociali ridurrà le consultazioni dei medici di base e i ricoveri ospedalieri non necessari, risparmiando così il denaro del NHS che può essere reinvestito nella prescrizione sociale.


Ma ci sono i costi reali. Chi pagherà il conto di garantire che i pazienti vadano effettivamente a queste attività? Chi pagherà per stabilire nuove attività dove non ce ne sono e chi valuterà se i pazienti sono più sani di conseguenza? Non saranno economici gli addetti alla formazione che guidano e istruiscono i pazienti per accedere a questi servizi, installare la tecnologia digitale per rendere più facile per i medici generici la refertazione dei pazienti e lo sviluppo di robuste misure di esito.


Dov'è la prova che questo approccio è efficace, sicuro, conveniente e accessibile a tutti? Certo, ci sono alcune storie di successo: l'introduzione della prescrizione sociale nell'ambito di un modello potenziato di cure primarie e comunità compassionevoli a Frome nel Somerset ha aiutato a tagliare ricoveri ospedalieri non programmati del 14% tra il 2013 e il 2017, quando i ricoveri nel resto del Somerset sono aumentati del 28%.


Ma i ricercatori sollecitano cautela. Sebbene l'evidenza della capacità della prescrizione sociale di ridurre la domanda e i costi dell'assistenza primaria e secondaria sia "ampiamente favorevole", la qualità delle prove è "debole" e necessita di ulteriori valutazioni.


Tuttavia, è improbabile che strumenti di ricerca convenzionali come gli studi di controllo randomizzati catturino i complessi interventi che possono fare gli operatori di collegamento, l'impatto positivo sulla salute e il benessere e il fatto che questi schemi siano molto apprezzati dai pazienti e dai medici di medicina generale.


Ed è difficile confrontare direttamente il costo della prescrizione sociale che può essere finanziato da un mix di gruppi di commissionamento clinico NHS, governo locale, associazioni di beneficenza e altri, con cure mediche convenzionali interamente finanziate dal NHS.


Stamattina, nel mio ambulatorio di medicina generale, non avevo nulla da offrire a una percentuale significativa delle persone che ho visto. Persone con depressione da tutta la vita, bassa autostima, agorafobia e ansia che sono diventati socialmente isolati. Un uomo anziano e una giovane madre, entrambi con gli effetti della solitudine e della mancanza di sostegno sociale. Un uomo di 60 anni che si è ripreso da un attacco di cuore ma ha difficoltà a motivarsi a rivedere il proprio stile di vita smettendo di fumare e iniziando a fare esercizio fisico e a mangiare in modo sano. Un giovane che ha mal di schiena per il quale non è possibile trovare diagnosi o trattamenti specifici nonostante indagini approfondite. Una signora anziana e fragile che ha tanta paura di cadere che è diventata prigioniera nella sua stessa casa.


Il tipo di medicina che mi è stato insegnato a praticare riguardava gli individui, le indisposizioni e le malattie. Riguardava diagnosi, indagini e medicine. Hanno ancora un posto, certo, ma dal momento che viviamo più a lungo che mai e vogliamo godere di buona salute, non vogliamo solo evitare la cattiva salute, ma abbiamo un disperato bisogno di un nuovo modello di assistenza sanitaria. Il focus della prescrizione sociale su prevenzione, benessere e comunità merita di essere provato.

 

 

 


Fonte: Ann Robinson, medico con studio a nord di Londra e scrittrice su temi della salute.

Pubblicato su The Guardian (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.