Associazione Alzheimer ONLUS logo

Voci della malattia

Sandy Halperin: 7 anni dopo la diagnosi 'c'è ancora buona vita'

Sandy Halperin: 7 anni dopo la diagnosi di Alzheimer 'c'è ancora buona vita'Sandy Halperin accompagna la figlia Lauren all'altare in settembre 2015. (Foto: CNN)

Appena mi vede, Sandy Halperin mostra sempre uno sbuffo di sorpresa e poi un'esplosione di gioia. Ancora prima di riconoscerlo, sono avvolto da un abbraccio d'orso, una stretta forte e ricevo un colpetto sulla schiena. Se sono fortunato e Sandy si ricorda che gli piaccio veramente, riceverò anche una grattata dietro, un vero abbraccio di Halperin.


"Che piacere", mi dice Sandy con un largo sorriso ogni volta che vado a trovarlo, gettando il suo braccio sulle mie spalle e invitandomi a fare quattro passi. Anche la sua risposta pronta alla mia domanda "Come ti senti?" purtroppo è familiare. "Sento che sto declinando più rapidamente in questo momento", ha detto Sandy molte volte. "Proprio come una confusione con il passare del giorno o quando non ho nemmeno pensieri ... sono sveglio, ma ... qual'era la domanda?"


Nel 2010, all'età tragicamente giovane di 60 anni, Alexander 'Sandy' Halperin, ex dentista e assistente professore di Harvard, padre di due figlie e nonno di tre nipoti, ha avuto la diagnosi di Alzheimer ad insorgenza precoce. Negli ultimi cinque anni, a richiesta di Sandy, con una troupe della CNN ho documentato il suo viaggio mentale nel crepuscolo. Il suo obiettivo: cancellare lo stigma e la vergogna che vengono con una diagnosi di demenza e informare il mondo su come occuparsi meglio del crescente numero di persone che vivono con un declino cognitivo.


"Non sono 'Sandy Demenza', io sono Sandy, la persona che è sempre stata", ha detto con passione, agitando ampiamente le braccia. "Non mi manca un arto, ma ho un difetto. Ma questo non significa che non posso vivere la mia vita al massimo con quel difetto. Così, mentre declino, ti prego di trattarmi per chi sono".


Ciò che sta accadendo a Sandy si ripete in tutto il mondo nella vita dei più di 47 milioni di persone che vivono con il Morbo di Alzheimer (MA) e altre forme di demenza; più di 5,5 milioni di questi sono americani, di cui circa 200.000 sotto i 65 anni. In tutto il mondo, il numero totale di persone che vivono con la demenza dovrebbe aumentare a 131,5 milioni entro la metà del secolo.


È una realtà spaventosa che Bill Gates, il cofondatore di Microsoft, è determinato a cambiare. Sta investendo 50 milioni di dollari di proprie risorse per sostenere la ricerca di avanguardia del Dementia Discovery Fund, nella speranza che un approccio innovativo alla cura della demenza scoprirà l'oro. Avevo Sandy in mente quando mi sono seduto di recente insieme a Gates. "Qualsiasi tipo di trattamento sarebbe un enorme progresso ... da dove siamo oggi", mi ha detto Gates. "L'obiettivo a lungo termine deve essere la cura".


Le persone che vivono attualmente con la demenza, come Sandy Halperin, beneficeranno di quella ricerca? Possiamo solo sperarlo. Ma mentre aspettiamo quella grande scoperta, la storia di Sandy è un racconto potente di quello che possiamo fare adesso per aiutare coloro che vivono con l'MA e i loro caregiver.

 

'Dentro è imbottito di cotone'

È un tipico pomeriggio tropicale in una delle mie prime visite a Sandy e sua moglie Gail, nel 2013, nella casa di riposo di Tallahassee in Florida. Sandy e io schiacciavamo cimici mentre camminavamo e parlavamo. "Stai soffrendo?" chiedo. "Sì, sto soffrendo molto" risponde Sandy, fermandosi e indicando la fronte. "Sento spesso la parte anteriore della mia testa come imbottita di cotone, e questa girandola di confusione con quella sensazione nel cervello".


Come neurochirurgo, mi affascina la sua descrizione. Gli chiedo di stare in equilibrio sulle dita dei piedi e poi sui talloni, cosa che fa con facilità. "Neurologicamente, il tuo equilibrio è buono" gli dico. "Fa male?". "No", dice Sandy, "è proprio una sensazione come di pressione".


Come molte persone con MA in fase iniziale, Sandy sembra a posto fisicamente. Funziona anche bene, scherzando e ridendo e conducendo una conversazione normale fino a quando, improvvisamente, si ferma. "Ho appena perso il mio treno di pensieri, ma ... um, ho perso il mio ... dove ero".


Ma dì a Sandy che sembra lo stesso, come fanno tante persone, e si accende una fiamma di indignazione, e non solo per se stesso. "Diranno non ha l'Alzheimer, che, poiché sta parlando con me, ha un cervello", dice Sandy, con la voce più forte. "Beh, non è vero! Le persone che hanno un decadimento cognitivo, hanno l'Alzheimer, possono ancora pensare! Possono ancora avere sentimenti! Possono ancora esprimersi!"

 

'Non vogliono che la gente sappia'

Per Sandy, eliminare l'immagine stereotipica della demenza come una persona anziana che si muove in abiti e pantofole, sporca, con i capelli viscidi, è fondamentale per portare l'attenzione - e i finanziamenti necessari - alla ricerca sulla demenza e agli sforzi di assistenza. Liquidare l'MA come 'la malattia dei vecchi', dice, è un motivo enorme per cui il governo americano spende solo 1,4 miliardi di dollari per la ricerca di Alzheimer quest'anno, contro i 6 miliardi di dollari per il cancro, 3 miliardi di dollari per l'HIV / AIDS e 2 miliardi di dollari per le malattie di cuore.


Sandy ritiene anche che lo stigma sia il motivo per cui tante persone, giovani e vecchie, nascondono i loro primi sintomi e perdono i farmaci e i trattamenti che potrebbero aiutarli a rallentare la progressione della malattia. "Molti individui non vanno a vedere un medico per lo stigma della malattia. Non vanno per anni", mi ha detto una volta. "Lo vedo, sono in negazione, il loro coniuge li copre, sussurra al loro orecchio, li aiuta, non vuole che la gente sappia".


Dal momento della sua diagnosi, Sandy ha agito come sostenitore in tutto il paese per conto di ciò che egli definisce Assistenza e Cura (Care and Cure) per l'Alzheimer. Tra le sue numerose realizzazioni: far parte del gruppo di consulenza sulle prime fasi per l'Alzheimer's Association, recarsi a Washington per far pressione sul Congresso per finanziare e chiamare all'azione sul caregiving nel Consiglio Consultivo del Progetto Nazionale Alzheimer. "Non riesco a guardare negli occhi un altro qualsiasi  con demenza - nemmeno uno - e dirgli che è stato fatto tutto il possibile per migliorare la sua vita", ha detto ai membri del consiglio. "Ora è il momento di agire".


In Florida, suo stato di origine, uno dei più colpiti dall'MA, Sandy ha co-fondato due gruppi di supporto per le prime fasi; ha ospitato una raccolta di fondi con Peter Yarrow del trio di musica popolare Peter, Paul e Mary; e ha aiutato lo Stato della Florida a mettere in piedi una Dementia Care and Cure Initiative. Una delle sue prime azioni è stata quella di designare Tallahassee, dove Sandy vive, come la prima Dementia Caring Community in Florida, impegnando denaro e servizi per aiutare coloro che vivono con problemi cognitivi e con i loro caregiver.


Sua moglie Gail di 43 anni, e sua figlia più giovane, Lauren Halperin Crawford, attribuiscono la gioia di vivere di Sandy al suo zelo di attivista e credono che chiunque affronti una diagnosi di demenza dovrebbe reagire trovando la propria passione. "L'advocacy [l'attivismo] lo ha tenuto su e in moto, con uno scopo", ha detto Gail. "Quindi sì, lo sta aiutando, gli sta dando una vita". "È proprio così potente per me, il fatto che abbia questo atteggiamento", ha detto Lauren, pulendosi una lacrima dall'occhio. "Lui è tipo «Puoi essere in me, ma non mi farai cadere». Sono così grata per questo".


Per onorare tutto il suo lavoro a favore di coloro che vivono con la demenza, nel 2016 Sandy ha avuto il prestigioso Premio Proxmire al Gala delle Grandi Menti, unendosi a grandi personaggi come il musicista Glen Campbell e a Sandra Day O'Connor, l'ex giudice della Corte Suprema. (Il comitato è stato abbastanza gentile da concedere il premio anche a me e alla mia squadra della CNN).


Ma con gli anni, è progredita anche la malattia che sta reclamando la mente di Sandy, e sta rendendo sempre più difficile essere l'attivista che vuole essere. "Voglio fare tutto quello che posso sul lato della promozione, ma devo stabilire dove [farlo], a questo punto, con le mie capacità ... quello che posso fare", mi ha detto Sandy. "Quando non sai come fare non ti senti bene, quando non puoi finire una frase. Sento di aver contribuito a ottenere un impatto? Sì. È sufficiente? No. Ma devo passare il testimone. Adesso, è giunto il momento per me di farlo part-time".


Non è solo la sua memoria che sta cambiando, mi dice. Non è più così sociale com'era, non come paziente. Si agita più facilmente. Si fissa su ciò che dimentica e si preoccupa finché non lo ricorda o si abbandona alla frustrazione. Lui combatte contro quei sentimenti provando al suo meglio a vivere in quel momento.

 

Una festa nuova di ricordi

Uno dei modi più piacevoli che gli sono possibili è trascorrere del tempo con la figlia maggiore Karen Halperin Cyphers e le sue preziose nipoti, Madeline di 7 anni, Rebecca di 8 ed Emma ​di ​22, che vivono lì vicino. "Egli continua a dire: «Pensi che le mie nipoti mi ricorderanno? Sono abbastanza vecchie al punto da ricordermi?»", mi ha confidato Karen in una delle nostre prime visite.


"Il nostro cervello è il nostro essere", ha spiegato Sandy. "E quando perdi la tua memoria, il dolore è un dolore diverso: il dolore è il dolore emotivo e forse è per questo che ho scritto presto i libri dei nonni, quando potevo mettere sulla carta i miei pensieri per i miei figli e per i miei nipoti a proposito di come mi sentivo sulle cose".


I libri del nonno, come li chiama Sandy, sono, nella mia mente, uno dei suoi risultati più brillanti. Sono pieni di vecchie immagini, momenti (un dente estirpato rappresenta il suo tempo come dentista), le sue ricette uniche del burro di arachidi e i panini di gelatina (in realtà aggiunge prosciutto, formaggio o salumi), le sue riflessioni sulla vita e i suoi ricordi delle ragazze appena nate; gli album di ritagli del nonno fatti da Sandy dipingono un innegabile ritratto di un padre amorevole e divertente.


"I libri parlano degli anni formativi, posso solo sperare che tutto l'amore che ho per loro possa, forse, avere un impatto sulla loro vita dal loro nonno", ha detto Sandy con aria malinconica. Ma i libri nutrono di più che i ricordi di un bambino. Mentre la sua malattia progredisce, ogni pagina dà a Sandy una festa fresca delle esperienze passate. "Vederlo ricordare è il meglio", dice Lauren con un sorriso. "Quando fa «ah» e lo ricorda, è come dire «Si! Piccolissime vittorie del ricordare»".

 

L'ultimo momento della lista dei desideri

Lauren aveva solo 28 anni quando a Sandy fu diagnosticato l'Alzheimer e non era ancora fidanzata con suo marito, Jacob. Ma sapeva quanto fosse importante per suo padre partecipare - e ricordare - il suo momento speciale, quel momento della lista dei desideri.


"Non sai quanto saranno veloci a progredire le cose, non sai quanto sarà sano", ha detto Lauren quando mi ha parlato dei piani per il matrimonio per settembre 2015. "Mi sento così felice che questa cosa importante della sua lista dei desideri possa essere una realtà. È il più grande dei sollievi".


Al matrimonio della figlia maggiore Karen nel 2008, Sandy ha dato un rinfresco estemporaneo. Per il matrimonio di Lauren, Sandy ha trascorso settimane a scrivere e riscrivere il suo discorso e ha portato le sue note con lui al ricevimento. E' un lavoro perfetto di Sandy, pieno di ingegno, di saggezza e di risate, quando ha notato che qualcosa era sbagliato. "Cosa? C'è qualcosa che manca? Oh, mi mancava un'intera pagina", disse e si è rivolto alla stanza piena con un sorriso scherzoso, quando tutti sono scoppiati in una risata.


"La cosa di cui sono molto grata", ha detto Lauren, "è che, anche se lotta con la sua memoria, si confonde, non riesce a seguire le storie o la direzione, è ancora così profondamente lui. La sua personalità, il suo istinto, il suo umorismo, il suo ingegno ... tutto ciò è così meraviglioso ed è rimasto".

 

La storia continua ...

Sono passati più di due anni da quando Lauren e Jacob si sono sposati e Sandy è passato a una nuova fase della sua malattia. Ha dovuto rinunciare a tutta la sua promozione; le micro vittorie di ricordare sono meno. Oggi, invece di descrivere la sensazione di congestione nella parte anteriore del suo cervello come "cotone", dice che si sente vuoto. "Mi sento ... è appena accaduto. Mi sento, um ... ho completamente perso quello che stavo dicendo", dice. "È solo come un vuoto".


La figlia Karen e la sua famiglia si sono trasferiti a meno di un km e mezzo di distanza, e lei vede Sandy quasi ogni giorno. "Stiamo avendo a che fare con un padre più negativo di quello che eravamo abituati a vedere, certamente", dice Karen. "Il suo ruminare è peggiorato e lui si ossessiona sui pensieri: è come se il suo cervello non possa ora scegliere di filtrare il pensiero negativo come faceva prima".


Una parte del suo declino può essere dovuto al dolore cronico. Il dolore alla schiena e alla gamba che dura da lungo tempo è stato parzialmente affrontato da una operazione all'anca all'inizio del 2016, ma una nuova operazione non è un'opzione e la moglie Gail si preoccupa del futuro. "La chirurgia dell'anca ha aiutato molto, ma continua a trascinare la gamba sinistra", dice Gail. "Penso che peggiorerà ancora. Zoppica un po', strascica molto, ha tutti gli altri suoi problemi di salute, e continua a dire che è troppo debole per fare qualcosa e con troppo dolore".


"Anche quando aveva dolore, nel passato, mio ​​padre normalmente non ne parlava", concorda Lauren. "Quindi il fatto che ora lui ne parli così tanto, indica l'alto livello di dolore che ha. Sento che quando il suo dolore è davvero intenso, non influenza solo la sua memoria, ma la sua capacità di far fronte alle cose". Lauren ha ragione. Anche senza Alzheimer, il dolore fisico può influenzare la tua mente e rendere sempre più difficile formare pensieri. Per Sandy, è chiaro che il suo dolore sta lentamente ma costantemente accelerando il ritmo del suo declino.


Tuttavia, quando è distratto, il vecchio Sandy torna in vita. Per questo, può ringraziare le sue preziose nipoti. "Ha perso molte motivazioni per uscire da casa o parlare con la gente, ma quando le ragazze gli sono attorno, gli dà una scintilla di vita", dice Lauren. "Non c'è nient'altro a cui riesco a pensare, che fa questo per lui, adesso".

"È diventa solo così sciocco, sciocco senza cervello con loro, e lo amano. Si mette questa piccola lampada di fuori, si traveste come una persona con gli occhiali e un cappello", dice Lauren con un sorriso. "Ogni volta che vengono le bambine, aggiunge qualcos'altro e devono capire cosa c'è di nuovo sul «ragazzo-lampada». È quasi come se la sua creatività subconscia sia ancora lì, che esce a fiotti".


La demenza e il dolore cronico possono rallentare Sandy, ma non lo hanno portato via da noi, non  ancora. "La diagnosi non significa che domani non sei più chi sei", mi ha detto Lauren. "C'è ancora tanta vita da vivere, e c'è tanta felicità e gioia che ancora sperimenta".


"Tutti abbiamo un termine"
, dice Sandy. "Potrei andarmene più velocemente, ma devo vivere la mia vita, ora. Voglio che la gente sappia che c'è ancora una buona vita per chiunque abbia una diagnosi di demenza. Ecco cosa devono sapere: c'è una qualità di vita che possono ancora avere".

 

 

 


Fonte: Dr. Sanjay Gupta e Sandee LaMotte in CNN (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali colelgamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie n...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massach...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...