Iscriviti alla newsletter

Ablazione transcatetere può ridurre rischio di demenza nei pazienti con fibrillazione atriale

ablation catheter in atrial fibrillation

Le persone con fibrillazione atriale hanno un rischio ridotto di demenza se subiscono una procedura chiamata ablazione transcatetere, per ripristinare il ritmo normale del loro cuore, secondo un nuovo studio pubblicato di recente sull'European Heart Journal.


Un lavoro precedente, pubblicato lo scorso anno sull'EHJ dallo stesso gruppo di ricercatori, aveva dimostrato che la fibrillazione atriale è collegata a un aumento del rischio di demenza, anche nelle persone che non avevano subito un ictus. Sappiamo anche che l'ablazione transcatetere per la fibrillazione atriale permette al cuore di tornare al suo ritmo normale per un periodo più lungo dopo l'intervento, rispetto ai farmaci antiaritmici, e questo migliora la qualità della vita.


I nuovi risultati pubblicati oggi mostrano che l'ablazione transcatetere ha ridotto di quasi un terzo (27%) l'incidenza di demenza nei pazienti con fibrillazione atriale, rispetto a quelli che avevano cercato di controllare la loro condizione solo con farmaci durante il periodo di studio. I pazienti sono stati seguiti per un periodo lungo fino a dodici anni, e almeno il 50% di loro seguiti per 52 mesi.


La fibrillazione atriale (un battito cardiaco irregolare e spesso eccessivamente veloce) è il problema più comune del ritmo cardiaco degli anziani e più della metà dei pazienti con fibrillazione atriale ha da 80 anni in su. Essa aumenta il rischio di ictus, di altri problemi di salute e di morte [prematura].


Con l'invecchiamento della popolazione, l'incidenza della fibrillazione atriale è prevista in aumento, e ci sono sempre più prove che può contribuire allo sviluppo di problemi di pensiero e della demenza. I trattamenti comprendono farmaci come la digossina e i beta-bloccanti, la cardioversione (uno shock elettrico controllato per ripristinare il ritmo normale) o l'ablazione del transcatetere.


L'ablazione transcatetere comporta inserire nel cuore un tubo attraverso un vaso sanguigno per identificare da dove proviene l'aritmia. Si usa quindi l'energia a radiofrequenza per disattivare o isolare la zona interessata. Finora, c'erano prove contrastanti dell'effetto dell'ablazione sull'incidenza di demenza.


I ricercatori guidati da Boyoung Joung, professore di cardiologia e medicina interna alla Yonsei University di Seoul (Corea del Sud), e Gregory Lip, professore di medicina cardiovascolare all'Università di Liverpool (GB) e professore a contratto alla Yonsei University, hanno analizzato i dati del Servizio Sanitario Nazionale (NHIS) della Corea su 834.735 adulti che avevano ricevuto una nuova diagnosi di fibrillazione atriale dal 1 gennaio 2005 al 31 dicembre 2015. Essi hanno identificato 9.119 pazienti che avevano avuto l'ablazione e 17.978 che avevano ricevuto terapie mediche.


Durante il periodo studiato, ci sono stati 164 casi di demenza nel gruppo di persone che avevano avuto l'ablazione, e 308 casi nel gruppo di terapia medica. Questo corrisponde a un tasso di incidenza di 5,6 (gruppo ablazione) e di 8,1 (gruppo terapia medica) per 1000 anni-persona (il numero di anni studiati, moltiplicato per il numero di persone studiate).


Il prof. Joung ha dichiarato:

“La percentuale di persone che hanno sviluppato la demenza nel periodo studiato è stata del 6,1% nel gruppo ablazione e del 9,1% nel gruppo terapia medica. Questo suggerisce che tre persone su 100 della popolazione con fibrillazione atriale può evitare la demenza se si sottopone all'ablazione transcatetere, e 34 pazienti avrebbero dovuto essere trattati per prevenire un caso di demenza nel periodo studiato”.


Quando hanno esaminato i tipi diversi di demenza, hanno scoperto che l'ablazione è collegata a una incidenza minore del 23% di Alzheimer rispetto alle terapie mediche (4,1 contro 5 per 1000 anni-persona, rispettivamente) e a una diminuzione del 50% nella demenza vascolare (1.2 vs 2.2 per 1000 anni-persona, rispettivamente).


Dopo aver rimosso dall'analisi i pazienti che avevano subito un ictus durante il periodo studiato, l'ablazione era ancora associata significativamente ad un rischio ridotto di demenza in generale e di demenza vascolare, ma a una riduzione statisticamente non significativa del rischio di Alzheimer.


I ricercatori hanno anche esaminato 5.863 pazienti abbinati, sottoposti ad ablazione, per vedere se c'era un rapporto positivo tra il tasso basso di demenza osservato e la procedura di ablazione stessa o il successo dell'ablazione.


Il prof. Lip ha detto:

“Se definissimo il fallimento dell'ablazione come il bisgono di ablazioni, cardioversione o terapie mediche ripetute, allora la procedura ha fallito nel 45,3% dei casi: 2.661 pazienti.

"Abbiamo scoperto che l'ablazione riuscita era significativamente associata con un 44% di riduzione del rischio di demenza rispetto alla terapia medica, ma se falliva l'ablazione, non vedevamo una significativa riduzione del rischio.

"Ciò suggerisce che è il mantenere il ritmo regolare del cuore con un'ablazione riuscita, e non l'ablazione in sé stessa, a contribuire a un rischio minore di demenza nei pazienti con fibrillazione atriale“.


Il legame tra ablazione e un rischio minore di demenza era coerente senza distinzione di sesso, area residenziale, uso di assistenza sanitaria, insufficienza cardiaca, storia di ictus, farmaci anticoagulanti e punteggi di predizione di ictus (punteggio CHA2-DS2-VASc).


Il primo autore dello studio, il dott. Daehoon Kim, docente di cardiologia all'Università Yonsei, ha dichiarato:

“A causa della natura osservazionale dello studio, i nostri risultati mostrano solo un'associazione tra ablazione e demenza. Per rispondere alla domanda se l'ablazione nella fibrillazione atriale riduce l'incidenza di demenza, è necessario uno studio randomizzato controllato che indaghi sugli esiti cognitivi.

"Tuttavia, crediamo che la scoperta che solo l'ablazione riuscita è associata con un rischio minore di demenza è importante, perché suggerisce che ci potrebbe essere una relazione dose-risposta tra l'ablazione che mantiene un ritmo cardiaco normale e un rischio minore.

"Verificheremo se una strategia di controllo del ritmo per la fibrillazione atriale è associata a un rischio minore di demenza, rispetto a una strategia per controllare la velocità del battito cardiaco“.


I ricercatori ritengono che le loro scoperte sulla popolazione coreana possono valere anche per altre popolazioni. Le limitazioni dello studio includono il fatto che i ricercatori non sono riusciti a determinare il motivo per cui i partecipanti sono stati sottoposti ad ablazione o a terapia medica, e questo potrebbe essere una fonte di distorsione; sebbene abbiano aggiustato i dati per i fattori che potrebbero confondere i risultati, rimangono fattori confondenti non identificati, e possono essere stati ignorati casi più lievi di demenza.

 

 

 


Fonte: European Society of Cardiology (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Daehoon Kim, Pil-Sung Yang, Jung-Hoon Sung, Eunsun Jang, Hee Tae Yu, Tae-Hoon Kim, Jae-Sun Uhm, Jong-Youn Kim, Hui-Nam Pak, Moon-Hyoung Lee, Gregory Lip, Boyoung Joung. Less dementia after catheter ablation for atrial fibrillation: a nationwide cohort study. European Heart Journal, 6 Oct 2020, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.