Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Ricerche

Una telefonata al mese può ridurre la depressione dei caregiver familiari

phone operator

Una conversazione telefonica di 40 minuti al mese con un professionista non medico può sopprimere o invertire la traiettoria della depressione sperimentata così spesso dai familiari che assistono pazienti con demenza in casa, secondo uno studio condotto da ricercatori della University of California di San Francisco.


Numerosi studi hanno evidenziato l'elevata incidenza della depressione nei caregiver di demenza, che può portare a più visite al pronto soccorso per i loro assistiti e attivare il passaggio da casa propria a una struttura di vita assistita o a una casa di riposo.


Questo studio ha trovato che un semplice intervento relativamente poco costoso, con il 'navigator di un team di assistenza' che opera in prima linea con il supporto di medici, può migliorare il benessere dei caregiver, il cui ruolo può essere cruciale per la sopravvivenza e la qualità della vita del paziente.


Lo studio è pubblicato in JAMA Internal Medicine dal 30 settembre 2019.


I ricercatori hanno monitorato per 12 mesi la qualità della vita e la depressione di 780 coppie paziente - caregiver, con quest'ultimo che per l'86% dei casi era il ​​coniuge o la figlia. Queste coppie includevano 512 caregiver nel gruppo di intervento e 268 nel gruppo di controllo con la “solita cura”, in cui il supporto è stato limitato ad un elenco standard di risorse e servizi e a un bollettino trimestrale.


I ricercatori hanno scoperto un calo dal 13,4% al 7,9% del numero di caregiver con depressione moderata-grave nel gruppo di intervento nel corso dell'anno, rispetto a un incremento dal 8% al 11,1% nella coorte 'solita cura'.


Quando i ricercatori hanno esaminato la qualità della vita dei pazienti con demenza, hanno scoperto che era calata sia nel gruppo di intervento che in quello di controllo. Tuttavia, la qualità di vita dei pazienti di intervento aveva ottenuto mezzo punto in più su una scala a quattro punti, in settori come la situazione di vita, il livello di energia, le relazioni e l'umore.

 

 

L'intervento può mitigare il ‘tributo emotivo della demenza’

“Questa differenza è significativa, dato che un aumento di un punto cambia la qualità della vita da scarsa a discreta, oppure da buona a eccellente”, ha detto la prima autrice Katherine Possin PhD, del Centro Memoria e  Invecchiamento della UCSF. “L'intervento ha mitigato il costo emotivo della demenza mentre progrediva nel corso di 12 mesi”.


I navigator, che avevano avuto 40 ore di formazione, chiamavano ogni coppia - di solito il caregiver - per controllare la salute e il benessere di entrambe le parti. Circa la metà dei pazienti aveva demenza lieve, il 30% di grado moderato e il 20% una forma avanzata.


Le chiamate duravano in media 40 minuti una volta al mese, ma la durata e la frequenza variavano in base alle esigenze e alle preferenze delle famiglie. Durante queste chiamate, i navigator ripassavano i piani di assistenza, inclusa una revisione dei farmaci, la pianificazione anticipata delle cure e il benessere del caregiver.


Lavoravano da centri, ognuno dei quali era servito da un infermiere e da un assistente sociale con orari d'ufficio, e da un farmacista part-time. In aggiunta a questi controlli, i navigator rispondevano alle chiamate dei caregiver.

 

 

Wandering e agitazione possono suggerire chiamate ai navigator

“I navigator hanno fatto la maggior parte delle chiamate, ma i caregiver a volte si facevano vivi quando avevano a che fare con comportamenti difficili, come il wandering (vagare e perdersi) o l'agitazione, o se c'era un conflitto familiare”, ha detto la coautorice Sarah Dulaney RN/MS, dell'UCSF, infermiera coordinatrice dello studio. “I navigator hanno anche fornito indicazioni scritte su quando chiamare il medico principale e quando chiamare per avere assistenza d'emergenza".


Quando i ricercatori hanno confrontato il numero di visite al Pronto Soccorso fatte dai pazienti del gruppo di intervento con quelli del gruppo di 'solita cura', hanno scoperto che erano stati evitati circa 120 accessi per merito della consulenza di medici convogliata dal navigator. I ricercatori notano che queste mancate visite rappresentano un risparmio significativo di costi.


“Questo studio suggerisce che un semplice intervento a basso costo per ridurre l'onere del caregiving può avere effetti drastici sull'assistenza e sul peso della demenza”, ha detto l'autore senior Bruce Miller MD, direttore del Memory and Aging Center dell'UCSF. “Una buona assistenza è efficiente in termini di costi!”


“Le sfide dell'assistenza, giorno per giorno, per i pazienti con demenza, di solito ricade sul caregiver informale, le cui esigenze non sono soddisfatte dai modelli di assistenza sanitaria paziente-centrica”, ha detto la Possin. “Abbiamo sviluppato un programma che speriamo possa cambiare l'esperienza della vita con demenza, in modo che le famiglie possano vivere nel miglior modo possibile, nonostante la malattia”.

 

 

 


Fonte: Suzanne Leigh in University of California - San Francisco (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Katherine L. Possin, Jennifer J. Merrilees, Sarah Dulaney, Stephen J. Bonasera, Winston Chiong, Kirby Lee, Sarah M. Hooper, Isabel Elaine Allen, Tamara Braley, Alissa Bernstein, Talita D. Rosa, Krista Harrison, Hailey Begert-Hellings, John Kornak, James G. Kahn, Georges Naasan, Sergio Lanata, Amy M. Clark, Anna Chodos, Rosalie Gearhart, Christine Ritchie, Bruce L. Miller. Effect of Collaborative Dementia Care via Telephone and Internet on Quality of Life, Caregiver Well-being, and Health Care Use. JAMA Internal Medicine, 2019, DOI

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.