Iscriviti alla newsletter

Fibrillazione atriale legata ad aumento del rischio di demenza, anche senza ictus

Atrial fibrillation

La fibrillazione atriale (FA) è correlata ad un aumento del rischio di demenza, anche nelle persone che non hanno subito un ictus, secondo il più grande studio mai eseguito per indagare l'associazione in una popolazione anziana.


In più lo studio, pubblicato nell'European Heart Journal oggi (mercoledì 19 giugno 2019), ha rilevato che i pazienti con FA che assumevano anticoagulanti orali per prevenire la formazione di coaguli di sangue avevano un rischio ridotto di demenza.


La fibrillazione atriale (un battito cardiaco irregolare e spesso anormalmente veloce) è il problema più comune del ritmo cardiaco nelle persone anziane e più della metà dei pazienti con AF ha 80 anni o più. Essa aumenta il rischio di ictus, di altri problemi medici e di morte [precoce]. Poiché le popolazioni invecchiano, l'incidenza della fibrillazione atriale è prevista in aumento e sono sempre di più, sebbene incoerenti, le prove che l'AF possa contribuire allo sviluppo di problemi di pensiero e demenza.


L'attuale studio ha esaminato 262.611 persone di età pari o superiore a 60 anni, che erano senza FA e demenza nel 2004. I ricercatori hanno raccolto dati dalla coorte Service Senior della National Health Insurance e hanno seguito i partecipanti fino alla fine del 2013.


Durante quel periodo, l'AF è stata diagnosticata a 10.435 di loro. In coloro che hanno sviluppato AF, il 24,4% (2522) ha sviluppato demenza durante il periodo di studio rispetto al 14,4% (36,322) delle persone senza AF che ha sviluppato la demenza.


Il professor Boyoung Joung, professore di cardiologia e medicina interna dell'Università Yonsei di Seoul, Repubblica di Corea, che ha guidato la ricerca, ha dichiarato:

"Abbiamo scoperto che le persone che hanno sviluppato la fibrillazione atriale hanno un aumento del 50% del rischio di demenza rispetto a quelli che non hanno sviluppato la condizione; questo aumento del rischio è rimasto anche dopo aver rimosso dai nostri calcoli coloro che hanno subito un ictus. Ciò significa che, nella popolazione generale, 1,4 persone in più su 100 svilupperebbero la demenza se avessero la diagnosi di fibrillazione atriale. Il rischio si è verificato in persone di età inferiore ai 70 anni.

"Abbiamo anche scoperto che la fibrillazione atriale aumenta del 30% il rischio di Alzheimer e più che raddoppia il rischio di demenza vascolare. Tuttavia, tra le persone che hanno sviluppato fibrillazione atriale e che assumevano anticoagulanti orali, come warfarin o anticoagulanti non vitamina K, come dabigatran, rivaroxaban, apixaban o edoxaban, il rischio di sviluppare in seguito la demenza è ridotto del 40% rispetto ai pazienti che non prendono anticoagulanti".


I ricercatori dicono che questo è il più grande studio a indagare il legame tra AF e demenza in persone di 60 anni e più che non avevano AF e non avevano subito un ictus al momento dell'inclusione nello studio. Lo studio ha anche la durata più lunga, con una media di oltre sei anni.


Il co-autore Gregory Lip, professore di medicina cardiovascolare all'Università di Liverpool e professore a contratto all'Università Yonsei, ha detto:

"Con queste grandi cifre, possiamo essere certi delle nostre scoperte. Riteniamo inoltre che i nostri risultati possano essere applicati anche ad altre popolazioni, poiché confermano risultati simili sul legame tra fibrillazione atriale e demenza ottenuti dagli studi dei paesi occidentali ed europei.

"Il nostro studio suggerisce che il forte legame tra fibrillazione atriale e demenza potrebbe essere indebolito se i pazienti assumessero anticoagulanti orali. Pertanto, i medici dovrebbero pensare attentamente ed essere più pronti a prescrivere anticoagulanti ai pazienti con fibrillazione atriale per cercare di prevenire la demenza".


Il professor Joung ha concluso:

"La demenza è una malattia non trattabile e quindi la prevenzione è importante. Questo studio conferma che la fibrillazione atriale è un fattore di rischio per il suo sviluppo. Pertanto, la prevenzione della fibrillazione atriale può essere un mezzo per ridurre l'incidenza della demenza.

"Nei pazienti con fibrillazione atriale, i nostri risultati suggeriscono che possiamo ridurre l'incidenza della demenza attraverso l'uso di anticoagulanti. E' prevedibile che gli anticoagulanti non vitamina K, che presentano un rischio significativamente più basso di emorragia cerebrale rispetto al warfarin, possano essere più efficaci del warfarin in termini di prevenzione della demenza e questo sarà risolto da una sperimentazione clinica in corso.

"Inoltre, dovrebbero essere condotte indagini per determinare se il controllo aggressivo del ritmo, come l'ablazione del catetere, aiuta a prevenire la demenza" [ClinicalTrials.gov Identifier NCT03061006].


I ricercatori sottolineano che le loro scoperte mostrano solo che esiste un'associazione tra FA e demenza, e non che la FA causa demenza. Un possibile meccanismo del modo in cui la FA può causare demenza è che i pazienti con FA hanno spesso alterazioni dei vasi sanguigni nel cervello, probabilmente mini-ictus che sono troppo piccoli per mostrare eventuali sintomi esteriori e questo danno cerebrovascolare potrebbe essere implicato nell'insorgenza della demenza.


I limiti dello studio includono il fatto che i ricercatori non sono stati in grado di definire il tipo di FA che i pazienti avevano (parossistico o persistente); che la FA può manifestarsi senza sintomi e quindi alcuni casi possono essere stati ignorati; che i ricercatori non avevano informazioni sul trattamento della FA (trattamento efficace potrebbe ridurre il rischio di demenza) o dati 'reali' sulla pressione sanguigna; e, infine, anche se hanno corretto i dati per i fattori che potrebbero confondere i risultati, potrebbero rimanere dei fattori confondenti non identificati.

 

 

 


Fonte: European Society of Cardiology (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Dongmin Kim, Pil-Sung Yang, Hee Tae Yu, Tae-Hoon Kim, Eunsun Jang, Jung-Hoon Sung, Hui-Nam Pak, Myung-Yong Lee, Moon-Hyoung Lee, Gregory Y H Lip, Boyoung Joung. Risk of dementia in stroke-free patients diagnosed with atrial fibrillation: data from a population-based cohort. European Heart Journal, 18 June 2019, DOI: 10.1093/eurheartj/ehz386

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.