Iscriviti alla newsletter

Scoperta sul flusso ematico cerebrale dà speranza per una terapia di Alzheimer

Blood Vessel Brain

Hai presente quelle vertigini che senti quando ti alzi un po' troppo in fretta dopo essere rimasto sdraiato per un lungo periodo? Quella sensazione è causata da un'improvvisa riduzione del flusso di sangue al cervello, una riduzione di circa il 30%. Ora immagina di vivere ogni minuto di ogni giorno con quel livello più basso di flusso sanguigno.


Le persone con morbo di Alzheimer (MA) non devono immaginarlo. L'esistenza della riduzione del flusso sanguigno cerebrale nei pazienti con MA è nota da decenni, ma non avevamo ancora capito la correlazione esatta con la compromissione della funzione cognitiva.


"Le persone probabilmente si adattano al flusso sanguigno più basso, così che non sentono continuamente vertigini, ma c'è una chiara evidenza che esso influisce sulla funzione cognitiva", ha detto Chris Schaffer, professore associato alla Facoltà di Ingegneria Biomedica.


Un nuovo studio del laboratorio congiunto di Schaffer e Nozomi Nishimura, professoressa associata, offre una spiegazione a questa drammatica diminuzione del flusso sanguigno: globuli bianchi bloccati all'interno dei capillari, i più piccoli vasi sanguigni nel cervello. E anche se solo una piccola percentuale di capillari subisce questo blocco, ogni vaso in stallo porta a una diminuzione del flusso sanguigno in più vasi a valle, amplificando l'impatto sul flusso totale di sangue nel cervello.


La loro ricerca, pubblicata l'11 febbraio su Nature Neuroscience, è stata anche inclusa in un gruppo ristretto di documenti messi in evidenza durante l'incontro annuale della Society for Neuroscience, tenutosi dal 3 al 7 novembre 2018 a San Diego. I primi coautori sono Jean Cruz-Hernandez PhD, ora ricercatore post-dottorato alla Harvard Medical School e Oliver Bracko, ricercatore associato nel laboratorio Schaffer-Nishimura.


La ricerca, ha detto Schaffer, è il culmine di circa un decennio di studi, raccolta di dati e analisi. Cominciò con uno studio in cui Nozomi stava tentando di inserire coaguli nelle vascolarizzazioni del cervello di un topo modello di MA per vederne l'effetto. "E' saltato fuori che ... i blocchi che stavamo cercando di indurre erano già lì", ha detto. "Ha trasformato la ricerca in giro: questo fenomeno stava già accadendo".


I ricercatori, tra cui l'allora studente Joan Zhou, ha determinato che solo circa il 2% dei capillari cerebrali aveva 'stalli' (blocchi), ma l'effetto cumulativo di quel piccolo numero di stalli era un calo del 20% circa del flusso ematico cerebrale, a causa del rallentamento dei vasi a valle dei capillari che erano in stallo. Studi recenti suggeriscono che i deficit del flusso sanguigno cerebrale sono uno dei primi sintomi rilevabili della demenza.


Per testare l'effetto degli stalli sull'esecuzione delle attività di memoria nei topi di Alzheimer, è stato somministrato un anticorpo che interferiva con l'adesione dei globuli bianchi alle pareti dei capillari, permettendo così di nuovo il flusso nei capillari in stallo e quindi aumentando il flusso sanguigno cerebrale complessivo. La funzione di memoria è stata migliorata in poche ore, anche nei topi anziani con stadi più avanzati di Alzheimer.


Schaffer e la Nishimura sono pronti a sottolineare, tuttavia, che l'anticorpo non è qualcosa che può essere usato negli umani. E poi comunque, interferire con l'adesione dei globuli bianchi potrebbe immuno-compromettere l'individuo. Schaffer ha detto:

"Quello che abbiamo fatto è identificare il meccanismo cellulare che causa un flusso ridotto di sangue nel cervello nei modelli di MA, che sono i neutrofili [globuli bianchi] che si attaccano nei capillari.

"Abbiamo dimostrato che quando blocchiamo il meccanismo cellulare [che causa gli stalli], otteniamo un flusso sanguigno migliorato, e associato a quel miglioramento del flusso sanguigno c'è il ripristino immediato delle prestazioni cognitive dei compiti di memoria spaziale e di lavoro".

"Ora che conosciamo il meccanismo cellulare, identificare il farmaco o l'approccio terapeutico per trattarlo è un percorso molto più stretto".


Il team ha identificato circa 20 farmaci, molti dei quali già approvati dalla FDA per uso umano, che hanno un potenziale nella terapia della demenza. Alcuni di essi, tuttavia, sono stati progettati per essere somministrati in dosi elevate per brevi periodi di tempo per il trattamento della sepsi o nel periodo immediatamente successivo a un infarto o ictus. "Non sono destinati a essere presi per il resto della vita", ha detto Schaffer. Nondimeno, il laboratorio sta esaminando questi farmaci nei topi di MA proprio adesso.


Schaffer ha detto che è "super-ottimista" che, se lo stesso meccanismo di blocco dei capillari dei topi è in gioco anche negli umani, questa linea di ricerca "potrebbe essere un completo cambiamento di gioco per le persone con MA".

 

 

 


Fonte: Tom Fleischman in Cornell University (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Jean C. Cruz Hernández, Oliver Bracko, Calvin J. Kersbergen, Victorine Muse, Mohammad Haft-Javaherian, Maxime Berg, Laibaik Park, Lindsay K. Vinarcsik, Iryna Ivasyk, Daniel A. Rivera, Yiming Kang, Marta Cortes-Canteli, Myriam Peyrounette, Vincent Doyeux, Amy Smith, Joan Zhou, Gabriel Otte, Jeffrey D. Beverly, Elizabeth Davenport, Yohan Davit, Charles P. Lin, Sidney Strickland, Costantino Iadecola, Sylvie Lorthois, Nozomi Nishimura, Chris B. Schaffer. Neutrophil adhesion in brain capillaries reduces cortical blood flow and impairs memory function in Alzheimer’s disease mouse models. Nature Neuroscience, 2019; DOI: 10.1038/s41593-018-0329-4

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.