Iscriviti alla newsletter

Imparare a fare domande migliori agli anziani sulla loro memoria

Imparare a fare domande migliori agli anziani sulla loro memoria

I fornitori di servizi sanitari e i ricercatori si affidano a domande per individuare i pazienti che potrebbero essere a rischio di Alzheimer e altri problemi correlati all'invecchiamento, ma il modo in cui sono verbalizzate queste domande può confondere o attivare risposte emotive.


Secondo i ricercatori della Penn State, la conseguenza potrebbe essere che i pazienti rispondono alle stesse domande in modo diverso e per motivi diversi. In uno studio su anziani della Pennsylvania, i ricercatori hanno fatto ai partecipanti una serie di domande comuni e poi li hanno seguiti per capire come si sentivano i partecipanti su quelle domande.


Ad esempio, alla domanda "Hai avuto problemi con la memoria di recente?" un paziente può interpretare "di recente" come entro la stessa settimana, mentre un altro può interpretarlo come entro il mese. Oppure, un terzo potrebbe essere spaventato dai problemi con la memoria e evitare di rispondere del tutto.


Nikki Hill, assistente professore di infermieristica alla Penn State, ha detto che i risultati aiuteranno medici e ricercatori a porre domande migliori e interpretare meglio le risposte dei pazienti:

"Se qualcuno si preoccupa della sua memoria, ciò potrebbe essere importante per molte ragioni diverse. Magari ha un problema che potrebbe continuare a peggiorare, o forse ha un impatto emotivo su di lui, o forse ha solo bisogno di più informazioni. Quindi stiamo cercando di imparare le migliori domande da porre per ottenere veramente quello che i nostri pazienti stanno sperimentando e il modo migliore per rispondere".


Secondo ricerche precedenti, gli anziani che riferiscono problemi di memoria ma ottengono punteggi normali nei test cognitivi hanno il doppio delle probabilità di sviluppare l'Alzheimer in un secondo momento.


Jacqueline Mogle, assistente professore alla Penn State, ha affermato che progettare buone domande è importante non solo per l'individuazione precoce dei pazienti con la malattia, ma anche perché i ricercatori possano porre buone domande quando studiano queste popolazioni:

"Quando facciamo domande alle persone, supponiamo che le vedano nello stesso modo in cui le vediamo noi. Tuttavia, questo chiaramente non è il caso; quella che noi potremmo considerare una domanda semplice, come 'Hai problemi con la tua memoria?', può significare qualcosa di molto diverso per gli anziani, ma al momento non è chiaro in che modo decidono di rispondere alla domanda".


I ricercatori hanno reclutato 49 anziani nella Pennsylvania centrale che non avevano la demenza. Ad ogni partecipante è stata fatta una serie di domande comuni per lo screening dell'Alzheimer. Dopo le risposte dei partecipanti, i ricercatori hanno fatto domande successive su come e perché hanno risposto in quel modo, per aiutare a identificare possibili problemi con le domande iniziali.


Dopo aver analizzato i dati, i ricercatori hanno trovato 13 diversi tipi di problemi nelle domande di screening. I due problemi più comuni erano la vaghezza - "Ci sono molti modi di interpretare la domanda" - e un'ipotesi che il loro comportamento o esperienza siano sempre gli stessi. Ad esempio, a volte possono avere problemi a ricordare il giorno della settimana, ma non sempre.


I ricercatori hanno anche scoperto che alcune domande tendevano a provocare una risposta emotiva. Ad esempio, una domanda chiedeva al partecipante di "valutare" se stesso o la propria memoria rispetto ad altri, cosa che alcuni partecipanti hanno associato a un calo di fiducia e si sono sentiti a disagio.


La Hill ha affermato che imparare a porre domande migliori sulla memoria di una persona potrebbe aiutare a migliorare la comprensione da parte dei medici delle esperienze uniche dei loro pazienti:

"Per gli anziani, i problemi con la memoria e il pensiero sono qualcosa che viene vissuto in modo molto diverso da persona a persona. Tuttavia, nella ricerca fatta fino ad oggi, non tendiamo a riflettere quanto sia complicata un'esperienza. Se vogliamo veramente capire come le persone stanno vivendo i primi sintomi e cosa sta influenzando la loro segnalazione dei sintomi, dobbiamo carpire di più di quell'esperienza individuale e le nostre domande che attualmente utilizziamo non lo catturano".


La Hill ha aggiunto che sarebbe utile per studi futuri esaminare i modi migliori per riformulare e standardizzare le domande di screening per aiutare a ridurre le devianze cognitive.

"Ora che abbiamo identificato i tipi di problemi che segnalano le persone, possiamo prendere quelle domande, perfezionarle e testarle nuovamente in un gruppo più ampio e rappresentativo di anziani. Allora richiediamo le domande nuove e affinate e vediamo se si comportano meglio".

 

 

 


Fonte: Penn State via EurekAlert! (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Nikki L Hill, Jaqueline Mogle, Emily B Whitaker, Andrea Gilmore-Bykovskyi, Sakshi Bhargava, In Young Bhang, Logan Sweeder, Pooja Anushka Tiwari, Kimberly Van Haitsma. Sources of Response Bias in Cognitive Self-Report Items: “Which Memory Are You Talking About?” The Gerontologist, Published: 31 July 2018 DOI: 10.1093/geront/gny087

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.