Iscriviti alla newsletter

Piccole pause sembrano aiutare la memoria

Piccole pause sembrano aiutare la memoria (Foto: Leon Neal/Getty Images)

Molte notte a tarda ora camminavo da Au Bon Pain al Rutgers Student Center, chiedendomi perché quegli studenti stessero accovacciati sopra i loro libri mentre ingurgitavano infinite sorsate di caffeina. Mi era estraneo, essendo io una persona mattiniera; l'idea di passare dalla mezzanotte all'alba per cercare di ricordare le informazioni non mi è mai sembrata credibile.


L'imbottirsi notturno di nozioni è stato smentito come metodo di memorizzazione efficace. In Spark, John Ratey rivela un metodo molto più efficace per potenziare il tuo sistema di memoria e deve avvenire subito dopo l'esercizio cardiovascolare. Egli documenta un programma scolastico facoltativo (Zero Hour PE) in cui gli studenti corrono per un km e mezzo prima dell'inizio della scuola, quindi seguono i due corsi più difficili al mattino. Gli studenti che hanno scelto di fare una piccola corsa dopo il sonno hanno riscontrato miglioramenti statisticamente rilevanti nei punteggi degli esami.


Come, quando e quanto studiare è da molto tempo materia interessante per educatori e studenti. Trascorri ore incentrate su una singola materia? Le pause sono utili? Una nuova ricerca di David F. Little, post-dottorato della John Hopkins, dimostra che per certe abilità, una pausa o un certo numero di interruzioni è utile per conservare le informazioni.


Little è specializzato in psicofisica, lo studio della percezione umana. Nel suo studio nota che, anche se alcune abilità richiedono solo un singolo caso di apprendimento per formare un ricordo duraturo, le abilità di apprendimento percettivo richiedono una vasta pratica su un certo numero di giorni. Durante i suoi esperimenti, i volontari hanno sopportato centinaia di sessioni di test per un periodo da 7 a 9 giorni.


I soggetti, suddivisi in gruppi di otto, sono stati testati ascoltando le differenze nel suono, o, come dice Little, eseguendo un compito di discriminazione della frequenza. Agli ascoltatori è stato detto di sentire due frequenze di tono puro durante ogni prova ed è stato chiesto loro di selezionare la frequenza più bassa.


C'era anche un test per gli anglofoni per discriminare certe pronunce di suoni stranieri, che a prima vista sembrano simili, ma con la pratica sono fondamentali per comprendere lingue come il tailandese e l'hindi. Questo test linguistico, incentrato su un contrasto fonetico a tre vie presente nel suono "mba", è "simile concettualmente a un madrelingua giapponese che impara a distinguere la 'r' dalla 'l' ".


Infine, i gruppi sono stati testati anche su compiti di identificazione di conformazione e faccia, che secondo Little potrebbe aiutare i medici diagnostici che leggono le scansioni MRI tutto il giorno. Attraverso una formazione adeguata potrebbero essere equipaggiati meglio per scoprire più rapidamente le discrepanze nelle scansioni.


I gruppi erano suddivisi in quattro categorie:

  1. 40 minuti di studio senza interruzione;
  2. 20 minuti di studio senza pausa;
  3. 2 sessioni di studio di 20 minuti interrotte da una pausa di mezz'ora;
  4. una sessione di studio di 40 minuti interrotta da 5 pause di 6 minuti.

E' risultato che i due gruppi con i migliori punteggi erano quelli che hanno studiato per 40 minuti senza interruzioni o studiato per 40 minuti con 5 mini-pause. La pausa di mezz'ora si è rivelata troppo lunga perché la memoria temporanea dei soggetti potesse produrre una memoria duratura, mentre 20 minuti non erano sufficienti per passare dalla memoria a breve termine a quella a lungo termine.


Una pausa troppo lunga potrebbe creare un problema simile allo studio di un'intera notte, in cui viene data troppa enfasi a un particolare argomento: troppa esecutiva centrale, non sufficiente modalità predefinita. Il problema in entrambi i casi è che non c'è integrazione di informazioni per innescare una memoria duratura per più giorni.


Il punto debole sembra essere in un tempo dedicato allo studio (in questo caso 40 minuti), oppure fare una serie di piccole pause, tornando relativamente velocemente alle informazioni. Scoprire quale metodo funziona meglio potrebbe richiedere una sperimentazione personale, ma una cosa sembra certa da tutta questa ricerca: l'equilibrio tra concentrazione totale e dare spazio al cervello potrebbe essere sfumato, ma gli estremi in entrambe le direzioni non sembrano utili.

 

 

 


Fonte: Derek Beres in Big Think (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: David F. Little5, Yu-Xuan Zhang, Beverly A. Wright. Disruption of Perceptual Learning by a Brief Practice Break. Current Biology, Volume 27, Issue 23, p3699–3705.e3, 4 December 2017.DOI: 10.1016/j.cub.2017.10.032

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali colelgamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

10 Consigli dei neurologi per ridurre il tuo rischio di demenza

28.02.2023

La demenza colpisce milioni di persone in tutto il mondo, quasi un over-65 su 10. Nonost...

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.