Iscriviti alla newsletter

Studio di 10 anni trova che l'allenamento cerebrale riduce il rischio di demenza

Studio di 10 anni trova che l'allenamento cerebrale riduce il rischio di demenzaUn esercizio computerizzato di allenamento del cervello, come quello presente su BrainHQ.com, spinge un utente a migliorare progressivamente la velocità di elaborazione visiva, con esigenze di attenzione sia al centro dello sguardo che nella periferia.

L'allenamento del cervello al computer è ora il primo intervento di qualsiasi tipo per ridurre il rischio di demenza tra gli anziani. I risultati innovativi di uno studio controllato e randomizzato sono stati appena pubblicati sulla rivista Alzheimer’s & Dementia: Translational Research & Clinical Interventions. L'articolo riferisce gli ultimi risultati dello studio Advanced Cognitive Training for Independent and Vital Elderly (ACTIVE) finanziato dai National Institutes of Health.


"L'allenamento alla rapidità di elaborazione ha avuto il risultato di diminuire il rischio di demenza in media del 29%, nel periodo di 10 anni, rispetto ai controlli", ha detto la prima autrice Jerri Edwards PhD, del Dipartimento di Psichiatria e Neuroscienze Comportamentali e del College of Community and Behavioral Sciences dell'Università del Sud Florida. "Quando abbiamo esaminato il rapporto dose-risposta, abbiamo scoperto che chi si è allenato di più ha ricevuto un maggiore beneficio protettivo".


Lo studio ACTIVE ha arruolato 2.802 anziani sani in sei siti negli Stati Uniti e li ha seguiti per 10 anni (dai 74 anni medi agli 84 medi). I partecipanti sono stati randomizzati in un gruppo di controllo o in uno dei tre gruppi di intervento con diversi tipi di allenamento cognitivo:

  1. un gruppo ha avuto istruzioni sulle strategie della memoria;
  2. un gruppo istruzioni sulle strategie di ragionamento;
  3. e il terzo l'addestramento individuale sulla velocità di elaborazione al computer.

Ai partecipanti dei gruppi di allenamento cognitivo sono state offerte 10 sessioni iniziali di allenamento (60-75 minuti per sessione), che sono state eseguite nelle prime sei settimane dello studio. Sono stati ottenuti i valori cognitivi e funzionali di tutti i partecipanti all'inizio dello studio, dopo le prime sei settimane e a 1, 2, 3, 5 e 10 anni. Dei sottogruppi di ciascun gruppo di intervento hanno ricevuto anche quattro sessioni aggiuntive di allenamento 'potenziante' nei mesi 11 e 35 dello studio.


I ricercatori non hanno rilevato differenze significative nel rischio di demenza per i gruppi di allenamento basati sulla strategia di memoria o di ragionamento, rispetto al gruppo di controllo. Tuttavia, rispetto al gruppo di controllo, il gruppo di allenamento alla velocità al computer ha mostrato un rischio significativamente inferiore di demenza, con una riduzione media del 29%.


Dopo aver esaminato l'impatto di ogni sessione completata di allenamento alla velocità informatica, i ricercatori hanno scoperto che coloro che hanno completato più sessioni avevano un rischio più basso. Tra coloro che hanno completato 15 o più sessioni in tutti e tre i gruppi di intervento, il rischio di demenza per il gruppo di allenamento alla velocità al computer è stato quello più basso (5,9%), rispetto al 9,7% e al 10,1% per i gruppi di memoria e di ragionamento, rispettivamente. Il gruppo di controllo, che non ha praticato alcuna formazione, ha avuto un tasso di incidenza di demenza del 10,8%.


I partecipanti al gruppo di allenamento alla velocità al computer sono stati addestrati su un compito altamente specifico, progettato per migliorare la velocità e la precisione dell'attenzione visiva, compresi gli esercizi di attenzione divisa e selettiva. Per eseguire il compito di allenamento per l'attenzione divisa, un utente doveva identificare un oggetto (ad esempio, un'automobile o un camion) al centro del campo e allo stesso tempo individuare un bersaglio nella periferia (ad esempio, l'auto). Dopo le risposte corrette, il tempo di presentazione diventava progressivamente più breve, mentre gli obiettivi diventavano più simili. Nei compiti di allenamento più difficili, l'obiettivo nella periferia è oscurato da oggetti che distraggono, impegnando l'attenzione selettiva.


C'è molta letteratura scientifica precedente su questo esercizio di allenamento, che viene indicato come 'allenamento alla velocità di elaborazione', 'addestramento del campo visivo utile' o 'allenamento UFOV' (Useful Field Of View). L'esercizio è stato sviluppato dalla Dott.ssa Karlene Ball dell'Università dell'Alabama di Birmingham e dal Dr. Dan Roenker della Western Kentucky University. Ora è concesso in licenza esclusiva alla Posit Science Corporation ed è disponibile come esercizio 'Double Decision' del programma di allenamento cerebrale BrainHQ.com.


La ricerca rileva che questo particolare tipo di allenamento al cervello computerizzato, aggiornato dagli inventori e dalla Posit Science nel corso degli anni, si è già dimostrato efficace in più di 18 studi clinici sugli anziani, con misurazioni standard di abilità cognitive (ad es. velocità di elaborazione e attenzione) e funzionali (ad es. mantenere la capacità di vivere in modo indipendente, sintomi depressivi, sentimenti di controllo e qualità della vita correlata alla salute), così come nelle attività del mondo reale (ad es. sicurezza di guida, equilibrio e andatura).


La dott.ssa Edwards ha detto:

"Abbiamo bisogno di delineare ulteriormente ciò che rende efficace un certo addestramento cognitivo computerizzato, mentre altri tipi non lo fanno.

"Dobbiamo anche indagare su quale è la quantità appropriata di allenamento per ottenere i migliori risultati. Anche i tempi dell'intervento sono importanti.

"I dati esistenti indicano che l'allenamento alla velocità è efficace per gli anziani con o senza lieve deterioramento cognitivo, ma è importante capire che questo è preventivo per ridurre il rischio di demenza e non è un trattamento per la demenza.

"La nostra ricerca continua sta esaminando questo intervento tra le persone con Parkinson e altri tipi di interventi cognitivi".


I risultati preliminari riportati all'Alzheimer's Association International Conference sono stati confermati in questo rapporto. Tuttavia, per essere più prudenti, la pubblicazione ha usato una definizione più ristretta di demenza.

 

 

 


Fonte: University of South Florida (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Jerri D. Edwards, Huiping Xu, Daniel O. Clark, Lin T. Guey, Lesley A. Ross, Frederick W. Unverzagt. Speed of processing training results in lower risk of dementia. Alzheimer's & Dementia: Translational Research & Clinical Interventions, online 7 November 2017. DOI: 10.1016/j.trci.2017.09.002

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali colelgamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.