Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Si può rilevare prima l'Alzheimer ... con i Greebles?

Si può rilevare prima l'Alzheimer ... con i Greebles?

Dei caratteri grafici unici chiamati 'Greebles' possono rivelarsi preziosi strumenti nel rilevare i segni di Alzheimer decenni prima che diventino evidenti i sintomi.


In un articolo pubblicato online la scorsa settimana sul Journal of Alzheimer's Disease, Emily Mason PhD, post-dottorato associata al Dipartimento di Neurochirurgia dell'Università di Louisville, ha riferito di una ricerca che dimostra che le persone cognitivamente normali, che hanno una predisposizione genetica per l'Alzheimer (AD), hanno più difficoltà a distinguere tra le nuove figure chiamate 'Greebles', rispetto agli individui senza predisposizione genetica.


L'AD è una malattia neurodegenerativa progressiva irreversibile caratterizzata da declino delle memoria, della cognizione e del comportamento. L'AD è la forma più diffusa di demenza, colpisce circa 5,5 milioni di persone negli Stati Uniti e rappresenta dal 60 all'80 per cento dei casi di demenza. La capacità di rilevare precocemente la malattia può consentire ai ricercatori di sviluppare terapie per combatterla.


"In questo momento, quando possiamo diagnosticare la malattia è molto difficile ripristinare le funzioni perché c'è già molto danno nel cervello", ha detto la Mason. "Dobbiamo essere in grado di vedere molto presto i cambiamenti davvero sottili che sono in atto nel cervello. Un modo per farlo è con i test cognitivi diretti a una specifica area del cervello".


L'AD è caratterizzato dalla presenza di placche di amiloide-beta e grovigli neurofibrillari tau nel cervello. Si può prevedere che i grovigli tau si sviluppano prima nella corteccia peririnale e entorinale del cervello, le aree che hanno un ruolo nel riconoscimento visivo e nella memoria. La Mason e i suoi colleghi hanno sviluppato test cognitivi destinati a rilevare carenze sottili in queste funzioni cognitive. Speravano di capire se i cambiamenti in queste funzioni possono indicare la presenza di grovigli tau prima che fossero rilevati mediante scansioni o test cognitivi generali.


Lavorando nella sua posizione precedente alla Vanderbilt University, la Mason ha individuato soggetti per il test da 40 a 60 anni di età, considerati a rischio di AD avendo almeno un genitore biologico con la malattia. Ha testato anche un gruppo di controllo di coetanei con una storia familiare immediata senza AD.


I soggetti hanno completato una serie di attività tipo "trova l'intruso", per cui vedevano gruppi di quattro immagini raffiguranti oggetti del mondo reale, volti umani, scene e Greebles in cui una sola delle immagini era leggermente diversa dalle altre tre, che i soggetti dovevano identificare.


I gruppi a rischio e di controllo hanno ottenuto risultati simili per gli oggetti, i volti e le scene. Per i Greebles, tuttavia, il gruppo a rischio ha avuto punteggi più bassi nell'identificare le differenze tra le immagini: l'hanno fatto correttamente nel 78% dei casi, contro l'87% del gruppo di controllo.


"La maggior parte delle persone non ha mai visto un Greeble, e i Greebles sono molto simili, per cui sono gli oggetti di gran lunga più difficili da differenziare", ha detto la Mason. "Quello che abbiamo scoperto è che con questa attività si può trovare una differenza significativa tra il gruppo a rischio e il gruppo di controllo. Entrambi i gruppi sono andati meglio con la pratica, ma il gruppo a rischio è rimasto indietro rispetto al gruppo di controllo in tutto il processo".


La Mason vorrebbe vedere ulteriori ricerche per determinare se gli individui che sono andati male sul test svilupperanno veramente l'AD in futuro. "La cosa migliore è somministrare questo test tra i 40 e i 50 anni di età, e monitorarli nei successivi 10/20 anni per vedere chi alla fine sviluppa la malattia e chi no".


Negli ultimi anni, molta ricerca si è concentrata sull'identificazione di biomarcatori precoci dell'Alzheimer. Tuttavia, non tutti coloro che hanno un biomarcatore individuale alla fine sviluppano la malattia. Brandon Ally PhD, assistente professore di chirurgia neurologica alla UofL e autore senior della pubblicazione, ha detto che i test con i Greebles sono un modo economicamente efficace per identificare individui che possono essere nelle prime fasi dell'AD, e uno strumento per seguirli nel tempo.


"Non stiamo proponendo che l'identificazione di oggetti innovativi, come i Greebles, sia un marcatore definitivo della malattia, ma abbinata ad alcuni dei nuovi biomarcatori e a una solida storia clinica, può migliorare il nostro acume diagnostico nei soggetti ad alto rischio iniziale", ha dichiarato Ally. "Con la futura disponibilità di metodi di prevenzione, vaccini o farmaci modificanti la malattia, i marcatori come la rivelazione di nuovi oggetti possono aiutare a identificare i candidati ad alta priorità".


Robert P. Friedland MD, professore e docente di Neurologia alla UofL, sta studiando da 35 anni i problemi clinici e biologici dell'Alzheimer e dei disturbi collegati. Egli ritiene che la diagnosi precoce aumenterà la capacità dei pazienti e dei medici di impiegare interventi di stile di vita e terapeutici.


"Questo lavoro mostra che gli effetti dell'Alzheimer sulla cognizione possono essere misurati decenni prima della comparsa della demenza", ha detto Friedland. "Il fatto che la malattia richieda così tanto tempo per svilupparsi ci fornisce l'opportunità di rallentare la sua progressione attraverso l'attenzione ai tanti fattori che sono collegati alla malattia, come ad esempio vita sedentaria, dieta ricca di grassi, obesità, trauma cranico, fumo, e la mancanza di impegno mentale e sociale".

 

 

 


Fonte: University of Louisville via EurekAlert! (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Emily J. Mason, Erin P. Hussey, Robert J. Molitor, Philip C. Ko, Manus J. Donahue, Brandon A. Ally. Family History of Alzheimer’s Disease is Associated with Impaired Perceptual Discrimination of Novel Objects. Journal of Alzheimer's Disease, Volume 57, Number 3, IN PRESS.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.