Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Il nostro cervello è un mosaico maschile e femminile

Il nostro cervello è un mosaico maschile e femminile

Secondo una nuova ricerca non esiste una cosa come un 'cervello maschile' o un 'cervello femminile'.

Al contrario, lo studio conclude che il cervello degli uomini e delle donne è un miscuglio di caratteristiche di tipo maschile e femminile. Anche nelle aree del cervello che in precedenza si credeva mostrassero differenze basate sul sesso, la variabilità è più comune della coerenza.


"Il nostro studio dimostra che, anche se ci sono differenze di sesso / genere nella struttura del cervello, nessun cervello rientra in una delle due classi, quella tipica dei maschi o delle femmine, né sono allineati lungo un continuum «cervello maschio - cervello femmina»", hanno scritto i ricercatori dello studio il 30 novembre sulla rivista PNAS. "Piuttosto, anche se si considera solo il piccolo gruppo di caratteristiche cerebrali che mostrano le maggiori differenze di sesso / genere, ogni cervello è un mosaico unico di caratteristiche, alcune delle quali possono essere più comuni nelle femmine rispetto ai maschi, altre possono essere più comuni nei maschi rispetto alle femmine, e altre ancora possono essere comuni in entrambi".

 

Cervelli rosa e blu?

La nuova ricerca è la prima a esaminare le differenze di sesso del cervello nel suo insieme. Se il cervello è veramente dimorfico sessualmente, esistendo in una forma maschile e una femminile, dovrebbe essere sempre diverso tra i due sessi, afferma Daphna Joel, psicobiologa della Tel Aviv University con i suoi colleghi. Si consideri il pavone, con la coda dimorfica sessualmente: la differenza di colore e dimensione è coerente tra i sessi, non c'è un sottoinsieme di pavonesse che brandiscono piume viola iridescenti.


E' chiaro che il cervello non si adatta a questo schema; ci sono molte più variazioni nel cervello all'interno dei sessi che tra di loro, un fatto che è risaputo da molto tempo, ha detto Rebecca Jordan-Young, professore di studi di genere e sessualità delle donne al Barnard College di New York e autrice di "Brain Storm: i difetti nella scienza delle differenze di sesso" (Harvard University Press, 2010). Molti neuroscienziati avevano già concluso che il cervello è una scacchiera con un mix di strutture di tipo maschile e femminile, ha detto la Jordan-Young, che non era coinvolta nel nuovo studio.


Ma nonostante questa variazione, ci potrebbe essere comunque un continuum di cervelli tipo-maschio e tipo-femmina, avevano ragionato la Joel e i suoi colleghi, a condizione che le differenze di genere tra le strutture siano coerenti tra uomini e donne. Hanno quindi deciso di fare un test sulla questione.


I ricercatori hanno setacciato più di 1.400 immagini di risonanza magnetica (MRI) da diversi studi su cervelli maschili e femminili, con particolare attenzione alle aree con le maggiori differenze di genere. Nella prima analisi sulle scansioni cerebrali di 169 uomini e 112 donne, i ricercatori hanno definito 'tipo maschile' e 'tipo femminile' il 33 per cento dei punteggi più estremi delle differenze di genere nella materia grigia, provenienti da 10 aree.


Anche con questa definizione generosa di punteggi 'maschili' e 'femminili', i ricercatori hanno trovato poche prove di coerenza a riprova del dimorfismo cerebrale. I ricercatori hanno trovato che solo il 6 per cento dei cervelli erano coerenti come maschio o femmina, con tutte le 10 regioni che erano tipo-femminile o tipo-maschile. Un'altra analisi di oltre 600 cervelli da 18 ai 26 anni di età ha rilevato che solo il 2,4 per cento erano coerenti come maschio o femmina, mentre una notevole variabilità era la regola per più della metà (52 per cento).


In altre parole, ci sono pochissimi individui di cui le aree del cervello sono tutte tipo-maschile o tipo-femminile. E non c'è un continuum chiaro tra i due punti finali. Al contrario, sia nella materia grigia che in quella bianca, e nei modelli di connettività, i cervelli sono così sovrapposti che chiamare una forma particolare maschile o femminile è privo di significato, hanno scritto la Joel e i suoi colleghi.


"Queste scoperte dimostrano che, anche quando le analisi sono limitate ad un numero ristretto di aree del cervello (o connessioni), che mostrano le maggiori differenze di sesso / genere, la coerenza interna è rara ed è molto meno comune della variabilità sostanziale (cioè, essere alla fine di un continuum 'mascolinità-femminilità' su alcuni elementi e all'altra estremità su altri elementi)", hanno scritto.

 

Un mosaico sessuale

"Chiunque sia a conoscenza dei dati attuali sulle differenze di sesso nel cervello si rende conto che non esiste una cosa come un 'cervello maschile' o uno 'femminile' monolitici, più o meno allo stesso modo in cui non c'è un cuore maschile e uno femminile", ha detto Lise Eliot, neuroscienziato della Rosalind Franklin University di Chicago e autrice di "Cervello rosa, cervello blu: come delle piccole differenze diventano lacune fastidiose - e che cosa possiamo fare al riguardo" (Mariner, 2010).


La Eliot, che non era coinvolta nel nuovo studio, ha detto che la ricerca ha avuto un "approccio innovativo" per passare al setaccio le differenze di genere del cervello. Sebbene esistano differenze statistiche tra i sessi, ha detto a Live Science, il nuovo studio mostra che la distribuzione di attributi di tipo maschile e femminile è irregolare, non è uniforme.


In effetti, studi precedenti avevano scoperto ampie aree di sovrapposizione nella conformazione delle strutture cerebrali maschili e femminili, anche quando si trovano differenze di genere a livello di popolazione. "Ogni individuo potrebbe avere in sé una parte di uomo e una di donna", ha detto la radiologa Ragini Verma a Live Science nel 2013, dopo aver trovato differenze di connettività tra il cervello maschile e quello femminile.


La Joel e i suoi colleghi hanno scritto che i risultati sono coerenti con una linea emergente della ricerca sul controllo ormonale dello sviluppo del cervello. In precedenza i neuroscienziati avevano visto gli ormoni sesso-specifici come la chiave delle differenze di sesso nel cervello, con il testosterone che 'mascolinizza' il cervello e gli estrogeni che lo 'femminilizzano'.


Anche se le influenze ormonali sono importanti, la vera storia è molto più complessa, secondo una recensione del 2011 su Nature Neuroscience. Un crescente corpo di evidenze suggerisce che lo sviluppo è un dare-avere tra fattori genetici, ambientali e epigenetici (sopra il genoma), che agiscono in parallelo e si influenzano l'un l'altro in modo complicato. Secondo la revisione, aree differenti del cervello reagiscono in modo diverso alle influenze sesso-specifiche, che non si limitano a estrogeni e testosterone. Nel frattempo, le influenze ambientali, come lo stress prenatale o delle prime fasi di vita può retroagire in questo processo, ancora una volta alterando il modo di svilupparsi del cervello.


Tutti questi processi paralleli potrebbero spiegare perché gli stereotipi semplici su interessi, capacità e intelligenza maschile e femminile falliscono così spesso a livello individuale, ha detto la Jordan-Young a Live Science. "Salta fuori che l'idea di una personalità 'maschile' o 'femminile' unitaria non può descrivere le persone vere", ha detto. "Descrive gli stereotipi con cui confrontiamo costantemente noi stessi e gli altri, ma sempre più persone sono più di 'genere non conforme' di quanto generalmente ci rendiamo conto".

 

 

 


Fonte: Stephanie Pappas in LiveScience (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Daphna Joel, Zohar Berman, Ido Tavor, Nadav Wexler, Olga Gaber, Yaniv Stein, Nisan Shefi, Jared Pool, Sebastian Urchs, Daniel S. Margulies, Franziskus Liem, Jürgen Hänggi, Lutz Jäncke and Yaniv Assaf. Sex beyond the genitalia: The human brain mosaic. PNAS, 30 November 2015, doi: 10.1073/pnas.1509654112

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.