Ricerche

Svelato il meccanismo della forma più comune di Alzheimer ereditario

Svelato il meccanismo della forma più comune di Alzheimer ereditarioLe regioni dei cromosomi implicate nell'Alzheimer; in arancio quelle della forma ereditaria (Fonte: CNS Forum / Lundbeck Institute)

Uno studio condotto da ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) e del Brigham and Women Hospital (BWH) rivela per la prima volta esattamente come le mutazioni associate alla forma ereditaria più comune dell'Alzheimer producono gli effetti devastanti della patologia.


La ricerca, pubblicata il 4 marzo su Neuron, rovescia l'opinione convenzionale sugli effetti delle mutazioni dei geni presenilina associate all'Alzheimer e fornisce una spiegazione del fallimento dei farmaci progettati per bloccare l'attività della presenilina.


"Il nostro studio fornisce nuove informazioni sull'Alzheimer, mostrando come le mutazioni umane che causano la malattia portino alla neurodegenerazione e alla demenza", spiega Raymond J. Kelleher III, MD, PhD, del Dipartimento di Neurologia del MGH e del Center for Human Genetic Research, co-autore senior della ricerca. "Abbiamo scoperto che mutazioni nel gene presenilina-1 promuovono le impronte caratteristiche della malattia, diminuendo, piuttosto che aumentare, le funzioni della proteina presenilina-1 ​​e dell'enzima gamma-secretasi. Oltre alle importanti implicazioni terapeutiche dei nostri risultati, abbiamo anche generato il primo modello animale in cui una mutazione che causa l'Alzheimer produce la neurodegenerazione nella corteccia cerebrale".


Anche se l'Alzheimer ereditario o famigliare (FAD) è molto raro, rappresentando solo circa l'1% dei casi, [ndt: altre fonti dicono il 5%] l'identificazione, avvenuta più di 20 anni fa dei geni che lo causano, ha fornito i primi indizi sul meccanismo che sta dietro gli effetti della malattia.


Le mutazioni più rare associate al FAD si trovano nella «proteina precursore dell'amiloide» (APP), che viene tagliata da diverse proteasi per produrre i peptidi amiloide-beta che si accumulano nelle caratteristiche placche amiloidi della malattia. Le mutazioni nei due geni presenilina, che codificano componenti essenziali della gamma secretasi (una delle proteasi che scindono l'APP), rappresentano circa il 90 per cento dei casi di FAD. Gli individui con FAD associata alla presenilina sviluppano sintomi di Alzheimer anche prima di quanto non facciano quelli con mutazioni APP.


Anche se non conosciamo il meccanismo con cui le mutazioni della presenilina causano la neurodegenerazione, l'opinione generale era che esse aumentassero la presenilina e l'attività della gamma secretasi, con la conseguente sovrapproduzione di amiloide-beta e in particolare di amiloide-beta 42, che è ritenuta più incline alla deposizione in placche. Come risultato, c'è stato un grande sforzo terapeutico per sviluppare inibitori della gamma secretasi, da parte di aziende farmaceutiche.


Ma Jie Shen, PhD, dell'Ann Romney Center for Neurologic Diseases al BWH (co-autrice senior della ricerca su Neuron), ha messo in discussione questa visione ampiamente condivisa e l'uso di inibitori di gamma secretasi per il trattamento dell'Alzheimer. Questo perché le sue precedenti indagini sulla normale funzione dei geni presenilina avevano dimostrato che sopprimere geneticamente la presenilina e l'attività della gamma secretasi in topi adulti causa una neurodegenerazione di tipo Alzheimer, risultati che contrastavano con quelli degli studi in cui la sovrapproduzione di amiloide-beta o di preseniline non producevano neurodegenerazione.


In un articolo del 2007 pubblicato su PNAS, la Shen e Kelleher (che stavano curando pazienti di FAD con mutazioni nel gene presenilina-1 e facendo ricerche sui meccanismi cerebrali sottostanti le funzioni cognitive) hanno proposto quello che hanno definito l'ipotesi presenilina, in base alla quale una perdita di funzione della presenilina può essere l'evento primario scatenante la neurodegenerazione e la demenza nel FAD.


In studi recenti, Kelleher ha identificato una nuova mutazione della presenilina-1 che causa FAD, che disattiva la sua funzione in un sistema di coltura cellulare sensibile. In collaborazione con la Shen, il suo gruppo ha continuato a dimostrare che tutta una serie di mutazioni FAD compromettono la funzione della presenilina-1 in colture cellulari.


Questi risultati hanno sollevato la questione cruciale di come tali mutazioni danneggino la funzione della presenilina-1 negli animali viventi, in particolare nel cervello. Anche se precedenti studi di Shen avevano usato ceppi di topi in cui una o più copie dei geni presenilina erano totalmente inattivi, per questo studio lei e Kelleher hanno generato topi in cui specifiche mutazioni della presenilina-1 associate al FAD erano "conficcate" ["knocked in"] nel gene, inducendole ad esprimersi come nei pazienti umani con quella particolare mutazione.


Una delle mutazioni che hanno testato è relativamente comune tra i pazienti di FAD, mentre l'altra è abbastanza rara; ed entrambe sono situate vicino al luogo dove la proteina interagisce con le sue molecole bersaglio, quando è incorporata nella gamma secretasi.


Come era nel caso degli animali in cui entrambe le copie della presenilina-1 erano state eliminate negli studi precedenti, quelli in cui sono state mutate entrambe le copie non sopravvissero dopo la nascita. I topi in cui un singolo gene presenilina-1 è stato mutato sono sopravvissuti, ma hanno mostrato più carenze dell'apprendimento e della memoria rispetto ai topi di controllo.


La produzione di amiloide-beta dentro il cervello di questi topi si è effettivamente ridotta, anche se il rapporto tra le forme del peptide è risultato modificato, con la generazione di una quantità proporzionalmente maggiore di amiloide-beta 42 associata alla placca. Un esame più attento del cervello dei topi con la mutazione FAD ha dimostrato lo stesso tipo di disfunzione sinaptica e di neurodegenerazione associata all'età presente nel cervello dei pazienti di Alzheimer.


"Questo documento dimostra chiaramente che queste mutazioni FAD causano una perdita di funzione della presenilina e dell'attività della secretasi gamma, che porta alla perdita di neuroni nel cervello adulto", spiega la Shen. "L'implicazione più importante dei nostri risultati è che dovrebbero essere studiate strategie che aumentano, piuttosto che inibire, la gamma secretasi, come potenziali terapie di Alzheimer. Essi possono anche spiegare il motivo per cui un importante studio clinico di un inibitore della gamma secretasi non è riuscito ad aiutare i pazienti e ne ha invece peggiorato le capacità cognitive".


E aggiunge che la loro ipotesi sulla presenilina non esclude un ruolo dell'amiloide-beta nella patologia di Alzheimer; mette semplicemente la presenilina e l'attività della gamma secretasi più vicino al sentiero che conduce alla neurodegenerazione.


Anche se questo studio ha esaminato solo mutazioni della presenilina-1, nota Kelleher, i ricercatori ritengono che la perdita di funzione è una proprietà generale delle mutazioni FAD in entrambi i geni presenilina. E' ampiamente giustificato anche lo studio dei meccanismi alla base degli effetti delle mutazioni APP, come lo è l'esame del modo in cui la disfunzione della presenilina può contribuire alla forma più comune di Alzheimer, quello a tarda insorgenza.


"Percorsi molecolari condivisi o convergenti possono essere responsabili della patogenesi nelle forme sia familiari che sporadiche, e speriamo che le relazioni meccanicistiche diventino più chiare con l'individuazione dei fattori di rischio genetici dell'Alzheimer sporadico o ad esordio tardivo", dice. "Stiamo perseguendo attivamente strategie per sviluppare terapie candidate che ripristinino la funzione della presenilina-1. Speriamo anche che il nostro modello di topo «knockin» possa facilitare lo sviluppo e la sperimentazione preclinica di questi e di altri agenti che possono combattere la neurodegenerazione di Alzheimer".

 

 

 

 

 


Fonte: Massachusetts General Hospital via EurekAlert! (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Dan Xia, Hirotaka Watanabe, Bei Wu, Sang Hun Lee, Yan Li, Evgeny Tsvetkov, Vadim Y. Bolshakov, Jie Shen, Raymond J. Kelleher. Presenilin-1 Knockin Mice Reveal Loss-of-Function Mechanism for Familial Alzheimer’s Disease. Neuron, 2015; 85 (5): 967 DOI: 10.1016/j.neuron.2015.02.010

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017 DaNonPerdere

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta e ​...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

04.08.2017 DaNonPerdere

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017 DaNonPerdere

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​​a...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017 DaNonPerdere

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV ...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

07.10.2016 DaNonPerdere

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer …

16.06.2016 DaNonPerdere

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016 DaNonPerdere

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocamp…

17.02.2016 DaNonPerdere

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015 DaNonPerdere

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili d...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015 DaNonPerdere

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015 DaNonPerdere

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le proteina…

31.07.2015 DaNonPerdere

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio r...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015 DaNonPerdere

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015 DaNonPerdere

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015 DaNonPerdere

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzheim…

27.04.2015 DaNonPerdere

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015 DaNonPerdere

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picco...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

05.12.2014 DaNonPerdere

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adulto…

21.11.2014 DaNonPerdere

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

02.11.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

06.10.2014 DaNonPerdere

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

01.10.2014 DaNonPerdere

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014 DaNonPerdere

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...