Ricerche

Creato tessuto di tipo cerebrale funzionale in 3D

Creato tessuto di tipo cerebrale funzionale in 3DI neuroni formano reti funzionali attraverso i pori della struttura (aree scure). Fonte: Tufts University.Bioingegneri hanno creato un tessuto tridimensionale simile a quello cerebrale che funziona come (e ha caratteristiche strutturali simili) al tessuto nel cervello di ratto e può essere tenuto in vita in laboratorio per più di due mesi.


Come prima dimostrazione del suo potenziale, i ricercatori hanno usato il tessuto di tipo cerebrale per studiare i cambiamenti chimici ed elettrici che avvengono immediatamente dopo i traumi cerebrali e, in un esperimento separato, i cambiamenti che accadono in risposta ad un farmaco.


Il tessuto potrebbe fornire un modello superiore per lo studio della funzione cerebrale normale, così come di lesioni e malattie, e potrebbe contribuire allo sviluppo di nuovi trattamenti per le disfunzioni cerebrali, come la demenza.


Il tessuto di tipo cerebrale è stato sviluppato al Tissue Engineering Resource Center della Tufts University di Boston, che è finanziato dal National Institute of Biomedical Imaging and Bioengineering (NIBIB) per creare biomateriali innovativi e modelli di ingegneria dei tessuti. David Kaplan, PhD, professore «Stern Family» di Ingegneria alla Tufts University è direttore del centro e ha guidato la ricerca per sviluppare il tessuto.


Finora gli scienziati avevano sviluppato i neuroni in capsule di Petri per studiare il loro comportamento in un ambiente controllabile. Però i neuroni coltivati ​​in due dimensioni non sono in grado di replicare la complessa organizzazione strutturale del tessuto cerebrale, che consiste in aree separate di materia grigia e bianca. Nel cervello la materia grigia è composta principalmente dai corpi cellulari dei neuroni, mentre la sostanza bianca è costituita da fasci di assoni, che sono le proiezioni che i neuroni inviano per collegarsi tra loro. Poiché le lesioni e le malattie cerebrali colpiscono spesso queste aree in modo diverso, sono necessari modelli che compartimentano le sostanze grigia e bianca.


Recentemente gli ingegneri dei tessuti hanno tentato di far crescere neuroni in ambienti gel 3D, dove possono stabilire liberamente dei collegamenti in tutte le direzioni. Però questi modelli di tessuto a base di gel non vivono a lungo e non riescono a produrre una funzione robusta al livello di quella dei tessuti. Questo accade perché l'ambiente extracellulare è una matrice complessa in cui i segnali locali stabiliscono diversi vicinati che favoriscono la crescita e/o lo sviluppo e la funzione di cellule distinte. Dare semplicemente lo spazio perchè i neuroni crescano in tre dimensioni non è sufficiente.


Nell'edizione anticipata on line dell'11 agosto dei Proceedings of the National Academy of Sciences, un gruppo di bioingegneri rifierisce ora di aver creato con successo un tessuto di tipo cerebrale in 3D funzionale che presenta una compartimentazione della materia grigia e bianca e può sopravvivere in laboratorio per più di due mesi. "Questo lavoro è un'impresa eccezionale", ha detto Rosemarie Hunziker, PhD, direttrice del programma di Ingegneria dei Tessuti al NIBIB. "Esso combina una profonda comprensione della fisiologia del cervello con una grande e crescente gamma di strumenti di bioingegneria per creare un ambiente che è necessario e sufficiente per imitare la funzione del cervello".


Picture of silk scaffold close upImmagine della struttura a base di seta, scattata con un microscopio elettronico a scansione che rivela la sua porosità e composizione spugnosa. (Fonte: Tufts University)La chiave per generare il tessuto di tipo cerebrale era la creazione di una struttura composita innovativa che consiste di due biomateriali con proprietà fisiche diverse: una impalcatura spugnosa fatta di proteine ​​della seta e un gel morbido a base di collagene. La struttura permette ai neuroni di ancorarsi, e il gel incoraggia gli assoni a crescere attraverso di essa.

Per acquisire una compartimentazione delle materie grigia e bianca, i ricercatori hanno tagliato la struttura spugnosa in forma di ciambella e l'hanno popolata con i neuroni di ratto. Hanno poi riempito il centro della ciambella con il gel a base di collagene, che successivamente ha permeato la struttura.


In pochi giorni, i neuroni hanno formato delle reti funzionali intorno ai pori della scaffalatura, e hanno inviato lunghe proiezioni assonali attraverso il gel nel centro, per connettersi ai neuroni sul lato opposto della ciambella. Il risultato era una regione di sostanza bianca distinta (contenente per lo più proiezioni cellulari, gli assoni) formata nel centro della ciambella, che era separata dalla materia grigia circostante (dove erano concentrati i corpi cellulari).


Nel corso di diverse settimane, i ricercatori hanno condotto esperimenti per determinare la salute e la funzionalità dei neuroni che crescevano nel loro tessuto di tipo cerebrale 3D e li hanno confrontati con i neuroni cresciuti in un ambiente solo di gel collagene o in un piatto 2D. I ricercatori hanno scoperto che i neuroni nei tessuti di tipo cerebrale 3D hanno avuto una maggiore espressione dei geni coinvolti nella crescita e nella funzione dei neuroni.


Inoltre, i neuroni coltivati ​​nel tessuto cerebrale 3D hanno mantenuto un'attività metabolica stabile fino a cinque settimane, mentre la salute dei neuroni coltivati ​​in ambiente di solo gel hanno cominciato a deteriorarsi in 24 ore. Per quanto riguarda la funzione, i neuroni nel tessuto cerebrale 3D hanno evidenziato un'attività elettrica e una risposta che imitano i segnali osservati nel cervello integro, compreso uno schema tipico di risposta elettrofisiologica ad una neurotossina.

Creato tessuto di tipo cerebrale
Poiché il tessuto di tipo cerebrale 3D mostra le proprietà fisiche simili al tessuto cerebrale dei roditori, i ricercatori hanno cercato di determinare se potevano usarlo per studiare delle lesioni cerebrali traumatiche. Per simulare una lesione cerebrale traumatica, è stato lasciato cadere un peso sul tessuto cerebrale da diverse altezze.


I ricercatori hanno poi registrato le variazioni nell'attività elettrica e chimica dei neuroni, che si è rivelata simile a quella che viene di solito osservata negli studi animali di lesioni cerebrali traumatiche.


Kaplan dice che la capacità di studiare una lesione traumatica in un modello di tessuto offre vantaggi rispetto agli studi su animali, in cui le misure sono ritardate durante il sezionamento e la preparazione del cervello per gli esperimenti. "Con il sistema che abbiamo, si può essenzialmente monitorare la risposta dei tessuti al trauma cranico in tempo reale", ha detto Kaplan. "Ancora più importante, si può anche iniziare a seguire la riparazione e ciò che accade su periodi di tempo più lunghi".


Kaplan ha sottolineato l'importanza della longevità del tessuto cerebrale per lo studio di altri disturbi cerebrali. "Il fatto che possiamo mantenere questo tessuto per mesi in laboratorio significa che possiamo cominciare a guardare alle malattie neurologiche in modi non possibili altrimenti, perché c'è bisogno di lunghi tempi di studiare alcune delle principali malattie del cervello", ha detto.


La Hunziker ha aggiunto che "i buoni modelli consentono ipotesi solide che possono essere testate con cura. La speranza è che l'uso di questo modello possa portare ad una accelerazione delle terapie per le disfunzioni cerebrali e offrire un modo migliore per studiare la normale fisiologia del cervello".


Kaplan e il suo team stanno ora cercando di rendere il loro modello più simile possibile al tessuto cerebrale. In questo recente rapporto, i ricercatori hanno dimostrato che possono modificare l'impalcatura a ciambella in modo che consista di sei anelli concentrici, ciascuno in grado di essere popolato con diversi tipi di neuroni. Tale soluzione potrebbe imitare i sei strati della corteccia cerebrale umana, in cui esistono diversi tipi di neuroni.


Nell'ambito del contratto di finanziamento per il Tissue Engineering Resource Center, il NIBIB richiede che le nuove tecnologie generate al centro siano condivise con la comunità di ricerca biomedica allargata. "Siamo ansiosi di costruire collaborazioni con altri laboratori che vogliono partire da questo modello di tessuto", ha detto Kaplan.


Il lavoro è stato finanziato dal National Institute of Biomedical Imaging and Bioengineering.

 

 

 

 

 


FonteNIBIB  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Min D. Tang-Schomer, James D. White, Lee W. Tien, L. Ian Schmitt, Thomas M. Valentin, Daniel J. Graziano, Amy M. Hopkins, Fiorenzo G. Omenetto, Philip G. Haydon, and David L. Kaplan. Bioengineered functional brain-like cortical tissue. PNAS, August 11, 2014 DOI: 10.1073/pnas.1324214111

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017 DaNonPerdere

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta e ​...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

04.08.2017 DaNonPerdere

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017 DaNonPerdere

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​​a...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017 DaNonPerdere

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV ...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

07.10.2016 DaNonPerdere

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer …

16.06.2016 DaNonPerdere

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016 DaNonPerdere

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocamp…

17.02.2016 DaNonPerdere

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015 DaNonPerdere

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili d...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015 DaNonPerdere

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015 DaNonPerdere

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le proteina…

31.07.2015 DaNonPerdere

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio r...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015 DaNonPerdere

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015 DaNonPerdere

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015 DaNonPerdere

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzheim…

27.04.2015 DaNonPerdere

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015 DaNonPerdere

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picco...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

05.12.2014 DaNonPerdere

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adulto…

21.11.2014 DaNonPerdere

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

02.11.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

06.10.2014 DaNonPerdere

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

01.10.2014 DaNonPerdere

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014 DaNonPerdere

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...