Ricerche

Ricerca italiana: individuata l’origine cellulare del processo tossico alla base dell'Alzheimer

Ricerca italiana: individuata l’origine cellulare del processo tossico origine dell'AlzheimerRita Levi Montalcini, fondatrice dell'EBRI (European Brain Risearch Institute) dove è stato eseguito lo studio.Ricercatori italiani hanno sviluppato un nuovo approccio per colpire e controllare le conformazioni tossiche del peptide amiloide-beta (Aβ) in cellule vive, dimostrando cosi che la formazione di oligomeri patologici di Aβ, rilevanti nell'Alzheimer, avviene precocemente dentro il reticolo endoplasmico.


La ricerca è stata coordinata dal Prof. Antonino Cattaneo (alla guida del Laboratorio dei Fattori neurotrofici e Malattie Neurodegenerative in EBRI e del Laboratorio BioSNS di Biologia della Scuola Normale Superiore di Pisa) e dal Dott. Giovanni Meli (Junior Group Leader in EBRI), in collaborazione con la Dott.ssa Roberta Ghidoni (che guida l'unita’ di Proteomica IRCCS «San Giovanni di Dio» Fatebenefratelli di Brescia) .


Gli oligomeri di Aβ sono specie tossiche coinvolte in maniera cruciale negli eventi precoci dell'Alzheimer. Tuttavia, prima di questo studio, non si conosceva molto sulla loro formazione intracellulare a causa della mancanza di metodi selettivi per riconoscere e colpire queste strutture patologiche.


In questo studio è stato applicato l’approccio degli anticorpi intracellulari, ideato negli anni ’90 da Cattaneo, che si basa sull’espressione di frammenti di anticorpi ricombinanti in cellule vive per ottenere un silenziamento o un’interferenza selettiva dell’antigene riconosciuto dentro la cellula.


Questo approccio è risultato efficace e selettivo nel colpire specifiche conformazioni subcellulari di oligomeri di Aβ, stabilendo cosi il nuovo concetto di “Conformational-Selective Interference” (CSI). Indirizzando sul reticolo endoplasmico un anticorpo intracellulare conformazionale, ovvero selettivo per certi stati conformazionali di oligomeri Aβ, gli autori hanno dimostrato per la prima volta che l'Aβ prodotta naturalmente dalle cellule vive forma oligomeri patologici, assumendo conformazioni critiche proprio dentro il reticolo endoplasmatico.


Lo studio mostra quindi la doppia valenza di aver stabilito gli oligomeri intracellulari di Aβ come target nel trattamento dell’Alzheimer ma anche di prospettare la stessa CSI come strategia sperimentale dal forte potenziale terapeutico.

 

**********
Il lavoro e’ stato finanziato da: Alzheimer’s Association, Ministero Italiano dell’Università e Ricerca (MIUR), Fondazione Roma, Fondi della comunità euroea “Human Brain Project”.

 

 

 

 

 


FonteEBRI (European Brain Risearch Institute)  (>English text)

Riferimento: Meli G., Lecci A., Manca A., Krako N., Albertini V., Benussi L., Ghidoni R. & Cattaneo A. Conformational targeting of intracellular Abeta oligomers demonstrates their pathological oligomerization inside the endoplasmic reticulum. Nat Commun 5, 3867. doi:10.1038/ncomms4867

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: