Ricerche

Meditazione può essere integrata nelle neuroscienze

Meditazione può essere integrata nelle neuroscienzeLa meditazione focalizzata su un elemento apparentemente semplice (tipo il respiro) può produrre stati mentali significativamente diversi nei meditatori, con differenze che possono ora essere quantificate più facilmente ed esattamente. (Credit: Mike Cohea / Brown University)La consapevolezza è sempre personale e spesso spirituale, ma l'esperienza della meditazione non deve essere soggettiva.


I progressi nella metodologia stanno permettendo ai ricercatori di integrare le esperienze di consapevolezza con le scansioni cerebrali e con dati del segnale neurale, per formare ipotesi verificabili sulla scienza (e i benefici per la salute mentale conseguenti) della pratica.


Un team di ricercatori della Brown University, guidato da Juan Santoyo, presenterà il proprio approccio di ricerca alla 12a Conferenza Annuale Scientifica Internazionale del Center for Mindfulness della Medical School alla University of Massachusetts. La loro metodologia usa una codifica strutturata delle relazioni che i meditatori forniscono sulle loro esperienze mentali. Che può essere rigorosamente correlata con le misure neurofisiologiche quantitative.


"Nelle neuroscienze della consapevolezza e della meditazione, uno dei problemi che abbiamo avuto è non capire le pratiche dall'interno verso l'esterno", ha detto il co-presentatore Catherine Kerr, professore assistente di ricerca della medicina famigliare e direttore di neuroscienze traslazionali alla Contemplative Studies Initiative della Brown. "Quello di cui abbiamo davvero bisogno sono meccanismi migliori per generare ipotesi verificabili, clinicamente rilevanti ed esperienziali".


Ora i ricercatori stanno ottenendo gli strumenti per rintracciare le esperienze descritte da meditatori su attività specifiche nel cervello. "Vedremo come questo possa essere applicabile come strumento generale per lo sviluppo di trattamenti mirati per la salute mentale", ha detto Santoyo. "Possiamo esplorare come certe esperienze si allineano con certi modelli di attività cerebrale. Sappiamo che alcuni modelli di attività cerebrale sono associati con alcuni disturbi psichiatrici".

 

Strutturare lo spirituale

Alla conferenza, il team inquadrerà queste vaste implicazioni con quella che potrebbe sembrare una piccola differenza: i meditatori si concentrano sulle loro sensazioni di respirazione nel naso o nella pancia. Le due tecniche di meditazione provengono da diverse tradizioni dell'Asia orientale. I dati codificati dell'esperienza, raccolti accuratamente da Santoyo, Kerr, e Harold Roth, professore di studi religiosi alla Brown, mostrano che le due tecniche producono stati mentali significativamente diversi negli studenti meditatori.


"Abbiamo scoperto che, quando gli studenti si concentrano sul respiro nel ventre le loro descrizioni di esperienze sono incentrate sull'attenzione alle aree somatiche e su sensazioni corporee specifiche"
, hanno scritto i ricercatori nel loro estratto per la conferenza. "Quando gli studenti descrivono esperienze pratiche relative a un focus sul naso durante la meditazione, tendono a descrivere una qualità della mente, in particolare come si è «sentita» la loro attenzione quando l'hanno percepita".


La capacità di delineare la distinzione rigorosa tra le esperienze è venuta non solo assegnando casualmente gli studenti che meditavano a due gruppi (uno focalizzato sul naso e uno sulla pancia) ma anche impiegando due codificatori indipendenti per eseguire le analisi standardizzate delle note prese dagli studenti subito dopo aver meditato.


Questo tipo di codifica strutturata dell'esperienza personale auto-riferito si chiama «grounded theory methodology». La sua applicazione da parte di Santoyo alla meditazione consente la formazione di ipotesi. Ad esempio, Kerr ha detto: "Sulla base delle descrizioni prevalentemente somatiche delle esperienze di consapevolezza offerte dal gruppo focalizzato sulla pancia, ci aspetteremmo in questo gruppo una connettività funzionale in stato di riposo più costante nelle diverse parti di una grande regione del cervello chiamata insula, che codifica le sensazioni somatiche viscerali e fornisce anche una lettura degli aspetti emotivi dei cosiddetti «sentimenti viscerali»".

 

L'esperienza unificante e il cervello

Il passo successivo è correlare i dati codificati delle esperienze con i dati del cervello stesso. Un team di ricercatori guidato da Kathleen Garrison alla Yale University, compresi Santoyo e Kerr, ha fatto proprio questo in un documento pubblicato su Frontiers in Human Neuroscience di agosto 2013. La squadra ha lavorato con meditatori profondamente esperti per correlare gli stati mentali che avevano descritto nella meditazione di consapevolezza, con l'attività simultanea della corteccia cingolata posteriore (PCC). L'hanno misurata in tempo reale con la risonanza magnetica funzionale.

Può essere rilevante perché:

La meditazione è da tempo raccomandata nell'ambito delle modifiche allo stile di vita che hanno una possibilità di scongiurare o posticipare l'insorgenza della demenza.


Essa costituisce anche un metodo per ridurre ansia, depressione, burnout del caregiver e può aiutare a superare le difficoltà quotidiane insite nel prendersi cura di un paziente di Alzheimer.


Essi hanno scoperto che, quando i meditatori di varie tradizioni diverse riportavano sentimenti di "fare senza sforzo" e "consapevolezza attenta" durante la meditazione, il loro PCC mostrava poca attività, ma quando riferivano di essersi sentiti distratti e avevano dovuto lavorare sulla consapevolezza, il loro PCC era significativamente più attivo. Data la possibilità di osservare il feedback in tempo reale sulla loro attività PCC, alcuni meditatori sono anche riusciti a controllare i livelli di attività. "Si possono osservare entrambi questi fenomeni insieme e scoprire come essi si co-determinano l'uno con l'altro", ha detto Santoyo. "Dopo 10 sessioni da un minuto sono riusciti a sviluppare alcune strategie per evocare una certa esperienza e usarle per guidare il segnale".

 

Verso le terapie

Il tema della conferenza, e un motivatore chiave della ricerca di Santoyo e Kerr, è il collegamento di tale ricerca con dei benefici tangibili nelle prestazioni mediche. I meditatori evidenziano da tempo tali benefici, ma il sostegno da parte di neuroscienze e psichiatria è arrivato molto più di recente.


In uno studio di febbraio 2013 presente in Frontiers in Human Neuroscience, Kerr e colleghi hanno proposto che, proprio come i meditatori possono controllare l'attività del PCC, i praticanti della consapevolezza possono ottenere un maggiore controllo su ritmi corticali alfa sensoriali. Quelle onde cerebrali aiutano a regolare il modo in cui il cervello elabora e filtra le sensazioni, compreso il dolore, e i ricordi, come le cognizioni depressive.


Santoyo, la cui famiglia emigrò dalla Colombia quando era bambino, è stato ispirato a studiare il potenziale della consapevolezza per aiutare la salute mentale, a partire dal liceo. Cresciuto a Cambridge e a Somerville in Massachusetts, ha osservato le difficoltà psichiatriche della popolazione dei senzatetto della zona. Li ha anche incontrati mentre lavorava nel servizio di ristorazione dell'ospedale di Cambridge. Nelle comunità a basso reddito si vedono sempre molti disturbi alla salute mentale non trattati", ha detto Santoyo, che medita regolarmente e aiuta a guidare un gruppo di consapevolezza alla Brown.


Egli sta perseguendo una laurea in neuroscienze e scienze contemplative. "La prospettiva della teoria contemplativa è che impariamo a conoscere la mente osservando l'esperienza, non solo per solleticare la nostra fantasia, ma per imparare a guarire la mente". E' un percorso lungo, forse, ma Santoyo ed i suoi collaboratori lo stanno percorrendo facendo progressi.

 

 

 

 

 


FonteBrown University  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017 DaNonPerdere

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta e ​...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

04.08.2017 DaNonPerdere

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017 DaNonPerdere

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​​a...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017 DaNonPerdere

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV ...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

07.10.2016 DaNonPerdere

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer …

16.06.2016 DaNonPerdere

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016 DaNonPerdere

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocamp…

17.02.2016 DaNonPerdere

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015 DaNonPerdere

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili d...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015 DaNonPerdere

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015 DaNonPerdere

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le proteina…

31.07.2015 DaNonPerdere

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio r...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015 DaNonPerdere

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015 DaNonPerdere

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015 DaNonPerdere

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzheim…

27.04.2015 DaNonPerdere

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015 DaNonPerdere

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picco...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

05.12.2014 DaNonPerdere

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adulto…

21.11.2014 DaNonPerdere

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

02.11.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

06.10.2014 DaNonPerdere

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

01.10.2014 DaNonPerdere

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014 DaNonPerdere

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...