Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Mappare lo stato di riposo del cervello per capire le neurodegenerazioni

Mappa fMRI di una rete in stato di riposoRilassati e chiudi gli occhi. Ora smetti di pensare. Hai appena messo il cervello in quello che i neuroscienziati chiamano "stato di riposo".


Ciò che il cervello può fare quando un individuo non è concentrato sul mondo esterno è stato al centro di numerose ricerche negli ultimi anni. Uno dei potenziali vantaggi di questi studi potrebbe essere la diagnosi definitiva di vari disturbi di salute mentale che vanno dal disordine bipolare ai disturbi da stress post-traumatico.


Negli ultimi dieci anni, i neuroscienziati hanno usato la tecnica non invasiva di mappatura cerebrale chiamata risonanza magnetica funzionale (fMRI) per esaminare gli schemi di attività nel cervello umano e animale in stato di riposo, per capire come si collegano le diverse parti del cervello e identificare i cambiamenti che si verificano nelle malattie neurologiche e psichiatriche. Per esempio, ci sono indizi che l'Alzheimer sia associato a una ridotta connettività; la depressione a una maggiore connettività; l'epilessia ad interruzioni della connettività e il Parkinson ad alterazioni della connettività.


Un team di psicologi e scienziati di imaging della Vanderbilt hanno collaborato in uno studio che fornisce l'importante conferma della validità di queste ricerche, esaminando nelle mappe fMRI il rapporto tra lo stato di riposo delle reti cerebrali con la sottostante struttura anatomica e neurologica del cervello. Lo studio è pubblicato nel numero del 19 Giugno della rivista Neuron.


"Precedenti studi hanno suggerito che la connettività dello stato di riposo, visibile nelle scansioni cerebrali, è ancorata alla connettività anatomica"
, premette il co-autore senior Anna Roe, professore di psicologia. "Ma il nostro studio ha confermato per la prima volta questa relazione a livello dei singoli neuroni". Questo è importante perché la fMRI non misura direttamente l'attività cerebrale. Lo fa misurando i cambiamenti nel livello di ossigeno nel sangue in diverse aree. La tecnica si basa sull'osservazione che, quando aumenta l'attività in una zona del cervello, aumenta il livello di ossigeno nel sangue in quella regione, modulando il segnale della RM. I neuroscienziati considerano questo un ulteriore passo avanti, ipotizzando che diverse aree del cervello siano collegate, se mostrano variazioni sincronizzate mentre il cervello è in stato di riposo.


"Questa è una convalida importante"
, dichiara il co-autore senior John Gore, direttore dell'Institute of Imaging Science della Vanderbilt e docente "Hertha Ramsey Cress" di Radiologia e Scienze Radiologiche e di Ingegneria Biomedica. "C'è da sempre un senso di disagio per il timore di interpretare qualcosa in modo errato, ma questo ci dà fiducia che le variazioni di stato di riposo possono essere interpretate in modo significativo e ci incoraggia a continuare la ricerca che ci impegna da un certo numero di anni. La fMRI dello stato di riposo è una tecnologia unica, potente e non invasiva per vedere i circuiti nel cervello umano".


Scimmie scoiattolo (Foto: Wikimedia)Per esaminare la relazione tra le scansioni fMRI, i modelli di attività neuronale e la struttura anatomica del cervello, i ricercatori hanno esaminato la regione del lobo parietale di scimmie scoiattolo (nella foto Wikimedia), dedicate al monitoraggio delle sensazioni tattili. In particolare hanno esaminato l'area legata alla mano che consiste in una serie di aree adiacenti ognuna dedicata ad un dito diverso. Usando uno dei dispositivi di MRI più potenti disponibili, con una intensità di campo da 3 a 6 volte quella dei tipici scanner clinici, i ricercatori hanno prodotto scansioni cerebrali visualizzando per la prima volta le reti di millimetri di scala.


Per confrontare questi modelli con l'attività elettrica effettiva nel cervello, i ricercatori hanno inserito elettrodi in grado di registrare gli schemi di accensione dei singoli neuroni. Hanno inoltre usato tecniche ottiche per rintracciare le connessioni anatomiche tra i neuroni in tutta l'area.


"Con tutte e tre le tecniche, abbiamo trovato lo stesso modello di connettività. Le connessioni provenienti da altre aree del cervello tendono a creare un collegamento a un singolo dito, mentre le connessioni che hanno origine all'interno della zona tendono a collegarsi a più dita"
, spiega la Roe. "I nostri risultati dimostrano che le immagini fMRI del cervello in stato di riposo riflettono esattamente la connettività anatomica e funzionale del cervello fino a una scala estremamente piccola".


Hanno contribuito allo studio Zheng Wang, post-dottorato in psicologia, Li Min Chen, assistente professore dell'Institute of Imaging Science and Radiology e di scienze radiologiche, e László Négyessy dell'Accademia Ungherese delle Scienze di Budapest, insieme a Robert Friedman, Senior Research Associate in psicologia e ad Arabinda Mishra, scienziato di Imaging dell'Institute of Imaging Science.


La ricerca è stata finanziata dal National Institutes of Health, dalla Dana Foundation, dal Center for Integrative & Cognitive Neuroscience della Vanderbilt e dal Fondo Ungherese per la Ricerca Scientifica.

 

 

 

 

 


Fonte:  Vanderbilt University. Articolo originale scritto da David Salisbury.

Riferimento: Zheng Wang, Li Min Chen, László Négyessy, Robert M. Friedman, Arabinda Mishra, John C. Gore, Anna W. Roe. The Relationship of Anatomical and Functional Connectivity to Resting-State Connectivity in Primate Somatosensory Cortex. Neuron, 19 June 2013 DOI: 10.1016/j.neuron.2013.04.023

Pubblicato in Science Daily (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.