Iscriviti alla newsletter

I danni all'ippocampo dopo un 'Binge Drinking'

Binge drinkingIl bere cronico è conosciuto per i suoi effetti negativi sulla salute, come problemi cardiaci e al fegato, disturbi cognitivi e danni cerebrali.

Il "Binge drinking", in particolare, è noto per l'aumento del rischio di demenza e/o di danni cerebrali, ma poco si sa circa una soglia precisa degli effetti dannosi dell'alcol.


Uno studio su roditori, per esaminare vari marcatori di neurodegenerazione, ha scoperto che si può verificare un danno cerebrale con appena 24 ore di esposizione all'alcol di tipo binge. I risultati saranno pubblicati nel numero di marzo 2013 di Alcoholism: Clinical & Experimental Research e sono attualmente disponibili come anteprima.


"Sappiamo che l'entità del danno che segue l'esposizione all'alcol dipende in larga misura dal modo in cui si consuma", dice Kimberly Nixon, professore associato di scienze farmaceutiche all'Università del Kentucky e autore corrispondente dello studio. "Gli studi sugli umani suggeriscono che lo schema del binge drinking è strettamente associato a danni cerebrali. Uno studio, per esempio, ha riferito che ber ein questo modo almeno una volta al mese in età adulta aumenta significativamente il rischio di sviluppare demenza nel corso della vita. Modelli animali contribuiscono a fornire informazioni critiche che il binge drinking provoca danni diretti, producendo alti livelli di alcol nel sangue".


"La soglia precisa degli effetti dannosi dell'alcol sul cervello non è chiara"
, commenta Fulton T. Crews, professore emerito "John Andrews" e direttore del Center for Alcohol Studies della University of North Carolina. "E' probabile che più è alto il livello di alcol nel sangue maggiore sia il danno, e comunque questo manoscritto studia solo il binge drinking, usando la vimentina e il flurojade B come marcatori della neurotossicità". "Le persone sentono da più fonti che il consumo da basso a moderato di alcol può essere utile, e poi arriviamo noi a dire che l'uso di alcol porta a risultati pessimi", ha detto Nixon. "La gente quindi desidera sapere qual è la linea tra benefico e danno. Purtroppo, non si conosce esattamente. Tuttavia, il nostro studio suggerisce che potrebbe essere ancora più bassa di quanto si pensa".


Nixon e i suoi colleghi hanno somministrato ad adulti maschi Sprague-Dawley un liquido dietologico nutrizionalmente completo, che conteneva anche alcol (25% w/v) oppure destrosio isocalorico, ogni otto ore per uno o due giorni. I roditori sono stati sacrificati immediatamente dopo, due o sette giorni dopo l'esposizione all'alcol e sono stati esaminati i loro tessuti cerebrali. "E' davvero uno studio semplice che approfitta di alcuni nuovi 'strumenti' per cercare i segni di danni al cervello", spiega la Nixon. "In altre parole, non abbiamo cercato le cellule morenti stesse, ma abbiamo esaminato divresi indici indiretti del danno, cercando ciò che accade alle astroglia, uno dei tipi di cellule di 'sostegno' dei neuroni. Le astroglia reagiscono ai danni cerebrali esprimendo diverse proteine che normalmente non si esprimono in condizioni sane e felici; una di queste è la proteina filamentosa intermedia chiamata vimentina. Abbiamo visto un notevole numero di cellule che esprimono questo marcatore. E' una di quelle scoperte di espressioni evidenti a occhio nudo in molti cervelli, dopo solo 24 ore di alti livelli di alcol nel sangue".


La Nixon ha aggiunto che, poichè i roditori metabolizzano l'alcol molto più velocemente degli umani, è importante considerare l'effettiva concentrazione di alcol nel sangue, al fine di tradurre questo effetto negli umani. "Questi topi avevano livelli di alcol nel sangue che erano più di quattro volte il limite legale di guida, che per gli esseri umani richiederebbe un bere eccessivo corrispondente a una confezione di 12 birre, alcune bottiglie di vino, o la metà di un quinto [di gallone] di whisky [circa 3,7 litri]. Purtroppo le auto dichiarazioni sul bere e i dati sul livello di alcol nel sangue delle strutture di pronto soccorso confermano che questo livello di consumo è comune nei pazienti con disturbi da uso di alcol".


"I danni cerebrali dei roditori possono delineare i danni negli umani", osserva Crews. "La vimentina sembra essere un buon marcatore dell'attivazione gliale che mostra che un giorno di binge drinking può causare qualche danno al cervello che persiste e cresce dopo una settimana di astinenza. Tuttavia i danni al cervello sia dei roditori che degli umani richiedono generalmente che sia il consumo di alcol a lungo termine a modellare l'alcolismo e non le risposte acute studiate in questo studio". La Nixon concorda, dicendo che "la mancanza di deterioramento neuronale palese suggerisce che un binge singolo, di breve termine e di alto livello, probabilmente non si traduce in cambiamenti funzionali e/o deficit cognitivi". "Tuttavia, poiché gli alcolisti sperimentano multipli binge per tutta la vita, è importante considerare che ogni binge successivo, a partire dal primo, offre un certo livello di danni al cervello. Quindi, teoricamente, binge multipli inducono un effetto dannoso cumulativo dove si osservano pronunciati effetti cognitivi, comportamentali e strutturali".


La Nixon dice che questo studio dimostra che nuove scoperte sono sempre possibili. "Si deve sapere dove e quando cercare alcuni di questi effetti", dice. "Il motivo per cui questa scoperta non è stata fatta in precedenza è solo perchè i gruppi [di ricerca], noi compresi, non si prendono il tempo di indagare a fondo sulla soglia inferiore della dose, in specifici momenti. Ridurre la soglia non è un punto sexy ed è in realtà abbastanza rischioso, in quanto era possibile che avremmo avuto tutti effetti negativi; tuttavia, il messaggio che arriva dai nostri dati è che anche una sola esperienza di binge-alcol di breve durata (simile purtroppo a quello che i giovani adulti sperimentano durante le vacanze di primavera o le feste di fine settimana) può iniziare una cascata che porta a danni cerebrali".

 

 

 

***********************
Cosa pensi di questo articolo? Ti è stato utile? Hai rilievi, riserve, integrazioni? Conosci casi o ti è successo qualcosa che lo conferma? o lo smentisce? Puoi usare il modulo dei commenti qui sotto per dire la tua opinione. Che è importante e unica.

 

***********************
Fonte: Materiale di Alcoholism: Clinical & Experimental Research, via EurekAlert!, a service of AAAS.

Pubblicato in ScienceDaily il 22 Gennaio 2013 - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:



Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.