Iscriviti alla newsletter

Bassi livelli di vitamina D collegati alla depressione

Bassi livelli di vitamina D sono collegati alla depressione, secondo dei psichiatri del Medical Center della UT Southwestern che hanno lavorato con il Cooper Center Longitudinal Study, che si ritiene l'indagine più grande mai intrapresa sull'argomento.

I bassi livelli di vitamina D già sono associati a una serie di guai di salute, dalle malattie cardiovascolari ai disturbi neurologici.

Questo nuovo studio - pubblicato su Mayo Clinic Proceedings - aiuta a chiarire un dibattito che è esploso dopo che piccoli studi hanno prodotto risultati contrastanti sulla relazione tra vitamina D e depressione. Gravi disturbi depressivi interessano quasi un adulto ogni 10 negli Stati Uniti.

"I nostri risultati suggeriscono che potrebbe essere utile individuare i livelli di vitamina D nei pazienti depressi, e forse individuare la depressione nelle persone con bassi livelli di vitamina D", ha detto il Dott. E. Sherwood Brown, professore di psichiatria e autore senior dello studio, condotto in collaborazione con l'Istituto Cooper di Dallas. "Ma non abbiamo informazioni sufficienti per raccomandare ancora l'azione con l'assunzione di integratori".

I ricercatori della UT Southwestern hanno esaminato i risultati di quasi 12.600 partecipanti da fine 2006 a fine 2010. Il Dr. Brown e colleghi dell'Istituto Cooper hanno scoperto che livelli maggiori di vitamina D erano associati ad un rischio significativamente ridotto di depressione in corso, in particolare tra le persone con una precedente storia di depressione. Bassi livelli di vitamina D erano associati a sintomi depressivi, particolarmente in quelli con una storia di depressione, per cui i pazienti di cure generiche con una storia di depressione possono essere un obiettivo importante di valutazione dei livelli di vitamina D.

Lo studio non ha affrontato il punto se aumentare i livelli di vitamina D riduce i sintomi depressivi. Gli scienziati non hanno determinato l'esatto rapporto: se bassi livelli di vitamina D contribuiscono ai sintomi della depressione, se la depressione contribuisce ad abbassare i livelli di vitamina D, o come ciò avvenga chimicamente. Ma la vitamina D può influenzare i neurotrasmettitori, i marcatori infiammatori e altri fattori; questo potrebbe contribuire a spiegare il rapporto con la depressione, ha detto il dottor Brown, che guida il programma di ricerca psiconeuroendocrina della Southwestern.

I livelli di vitamina D sono ora comunemente testati durante gli esami fisici di routine, e sono già accettati come fattori di rischio per una serie di altri problemi di salute: malattie autoimmuni, cardiache e vascolari, infettive, osteoporosi, obesità, diabete, alcuni tumori, e neurologiche come Alzheimer, Parkinson, sclerosi multipla, e declino cognitivo generale.

I ricercatori hanno usato dati raccolti dall'istituto, che ha 40 anni di dati su corridori e altri volontari in forma. La UT Southwestern ha una partnership con l'istituto Cooper, una istituzione senza fini di lucro, impegnata nella ricerca di medicina preventiva ed educativa, situata presso il Centro Aerobica Cooper, per sviluppare un programma scientifico congiunto di ricerca medica volto a migliorare la salute e prevenire una vasta gamma di malattie croniche. L'istituto mantiene uno dei database più estesi al mondo - conosciuto come Cooper Center Longitudinal Study - che include informazioni dettagliate provenienti da più di 250.000 visite cliniche che sono state raccolte da quando il Dr. Kenneth Cooper fondò l'Istituto e la clinica nel 1970.

Altri ricercatori coinvolti nello studio sono il Dott. Myron F. Weiner, professore di psichiatria, neurologia e neuroterapeutica; il Dr. David S. Leonard, professore assistente di scienze cliniche; l'autore principale MinhTu T. Hoang, studente ricercatore; la dott.ssa Laura F . DeFina, direttore medico di ricerca all'Istituto Cooper, e Benjamin L. Willis, epidemiologo all'istituto.

 

 

 


Cosa pensi di questo articolo? Ti è stato utile? Hai rilievi, riserve, integrazioni? Conosci casi o ti è successo qualcosa che lo conferma? o lo smentisce? Puoi usare il modulo dei commenti sotto per dire la tua opinione. Che è importante e unica.

 

 

 


Fonte: Materiale del UT Southwestern Medical Center.

Pubblicato in ScienceDaily il 5 Gennaio 2012 - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi, eventualmente citati nell'articolo, sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non si propone come terapia o dieta; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer Riese.
I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare a informarti. Clicca qui a destra:

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.