Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Dovresti avere una relazione quando il tuo partner è (molto) malato?

Woman looking apart

I caregiver che amano il loro coniuge malato, ma non possono occuparsi dei propri bisogni romantici, possono sentirsi prigionieri. Dovrebbero fare, come gli altri detenuti, brevi vacanze a causa del buon comportamento?

 

L'ambivalenza emotiva del caregiver

"Quando sei un caregiver, devi capire che devi prenderti cura di te" -Naomi Judd

Avere contemporaneamente più prospettive può produrre ambivalenza, specialmente quando sono coinvolte caratteristiche conflittuali. Nel mio libro The Arc of Love: How Our Romantic Lives Change Over Time (2019) [L'arco dell'amore: Come le nostre vite romantiche cambiano nel tempo (2019)], sostengo che questa abilità è importante per la sopravvivenza nel trattare con la nostra realtà complessa, poiché ci consente di perseguire determinati valori e di scendere a compromessi sugli altri, pur continuando a credere nel valore di tutti loro.


In un comune esempio di ambivalenza emotiva, una vedova che partecipa al matrimonio di sua figlia prova gioia, ma anche tristezza per il fatto che il suo defunto marito, il padre della sposa, non è presente. Le sue emozioni contrastanti possono durare per tutto il matrimonio e anche dopo. Questa non è un'esperienza irrazionale. Ogni prospettiva (parziale) è appropriata, mentre nessuna prospettiva singola esprime un punto di vista prioritario.


L'ambivalenza di una donna che è sposata con un marito molto malato, e non ha mai avuto una relazione, è ancora più acuta. Considera le seguenti parole commoventi, scritte da una donna simile:

"Voglio innamorarmi di nuovo, ancora e ancora, all'interno di una relazione o di relazioni che sono libere di padroneggiare la consapevolezza sensuale oltre i binari tradizionali. Non desidero essere libera dal mio ruolo di caregiver, perché lui ha seriamente bisogno della mia presenza, mentre lottiamo per questo. Lo amo ancora. Mi interessa ancora profondamente quale sia la qualità della vita che gli è rimasta.

"Ma desidero anche essere libera di librare le mie ali romantiche, ma spezzate, e librarmi sui venti dei piaceri erotici con un partner che può aiutarmi a guarire attraverso il suo tocco, la sua voce, la sua tenerezza, la sua passione, il suo coraggio, la sua forza".


Non c'è niente di sbagliato in questi desideri apparentemente opposti. Questa donna vuole soddisfare i bisogni umani fondamentali che non può soddisfare nel suo matrimonio.

 

Badanti in cattività

"Il matrimonio è come una gabbia: si vedono gli uccelli fuori che cercano disperatamente di entrare, e quelli dentro ugualmente disperati per uscire" -Michel de Montaigne

"Non posso accoppiami in cattività" -Gloria Steinem sul perché non si è mai sposata (in seguito si è sposata).


Il matrimonio è stato spesso paragonato a una prigione. Come tipo importante di impegno relazionale, il matrimonio limita davvero la propria libertà romantica. Il problema dei caregiver in cattività, tuttavia, differisce dai problemi dei matrimoni normali. Per i primi, [il problema] non è che un partner non può soddisfare pienamente tutti i bisogni dell'altro, ma che non riesca nemmeno a soddisfare i bisogni più basilari dell'altro, in particolare quelli non romantici.


I caregiver possono affrontare queste circostanze dolorose in tre modi principali: (a) disertare o divorziare, (b) negare a se stessi la soddisfazione romantica, e (c) trovare il romantico all'esterno. Tutte e tre le opzioni sono angoscianti.


La prima scelta è emotivamente e moralmente terrificante, poiché implica abbandonare nel momento del bisogno più grande una persona indifesa che potrebbe essere stato un coniuge amorevole. Il profondo impegno del caregiver si basa, tra le altre cose, sulla natura spaventosa di abbandonare il proprio sposo infermo che non ha nessuno su cui contare al tramonto della sua vita.


La seconda opzione, che nega al caregiver la sua soddisfazione romantica, è ingiusta - e persino crudele - per il coniuge sano. Quest'ultimo sacrifica gran parte della sua vita attuale per il coniuge malato; è ingiusto pretendere da lui sacrificare anche i suoi bisogni romantici.


La terza possibilità comporta trovare all'esterno il romantico, usare una terza parte per soddisfare alcuni bisogni romantici che non possono essere soddisfatti nel matrimonio. Questa opzione sembra la più sensata, anche se è piena di sconvolgimenti emotivi. Da una prospettiva oggettiva, i caregiver in cattività sembrano meritare, più della maggior parte delle altre persone sposate, di godere dell'esternalizzazione romantica.


Da un punto di vista soggettivo, tuttavia, molte persone criticano questi caregiver più di quanto non criticherebbero altre persone sposate che fanno una passeggiata sul lato selvaggio. Tale critica può essere espressa in commenti come "Non ti vergogni di tradire il tuo coniuge morente?". Allo stesso modo, una vedova che ha un appuntamento con un uomo sposato sarà soggetta a critiche maggiori rispetto a una donna divorziata o single; dopo tutto, lei dovrebbe sapere meglio cosa significa perdere un coniuge. Sembra che, come la moglie di Julius Caesar, vedove e caregiver in cattività siano "al di sopra di ogni sospetto".

 

Cosa vogliono i caregiver in cattività?

"Spero di incontrare un uomo da cui non posso andarmene ma che non porterò mai a casa" -Una caregiver in cattività

I caregiver non vogliono allontanarsi dalla loro prigione, abbandonando il loro coniuge malato. Tuttavia, vogliono fare, come gli altri detenuti, alcune pause, in considerazione dei loro bisogni umani e del comportamento esemplare all'interno delle mura della prigione. Come dice Norine Dworking-McDaniel, "in certe situazioni, le relazioni extraconiugali possono rientrare nella stessa categoria di altre strategie «metti la maschera d'ossigeno prima»".


Alcuni caregiver vogliono solo incontri sessuali occasionali; come dice chiaramente una caregiver: "Fantastico semplicemente di un uomo con un pene duro in grado di possedermi" (Dworking-McDaniel, 2012). Molti caregiver in cattività, tuttavia, cercano non solo il sesso all'esterno ma anche il romanticismo. Questo si esprime nelle riflessioni penetranti di cui sopra, la donna che vuole trovare un amante genuino con cui vorrebbe stare tutto il tempo, ma che non potrà mai portare a casa.


Un altro aspetto problematico di trovare un amante all'esterno, durante il declino della salute di un coniuge, è quello dell'amante. Poiché l'amante conosce lo stato attuale del caregiver, anche lui può mettere in discussione la propria integrità, forse sentendo di approfittare della terribile situazione di un'altra persona.


Allo stesso modo, alcune persone non avrebbero una relazione con una persona sposata a causa del danno che questo potrebbe infliggere al coniuge di quella persona. Nella situazione della caregiver, il rinculo è ancora più profondo, poiché le sue esitazioni sono più profonde. La rapida trasformazione dalle circostanze di liberazione del fare l'amore a quella della realtà dolorosa legante può essere troppo veloce per molte persone, causando un intenso tumulto emotivo.


Come disse una donna sposata, che era in circostanze così imbarazzanti:

"Fare l'amore dovrebbe essere un'esperienza di liberazione, ma quando le luci si riaccendono sulla realtà, tutto è gravato dal senso di colpa invece del piacere. E questa è la più grande sfida del sensitivo, desiderare una sana intimità mentre la salute della persona amata è in rapido declino e fermento. Chi può fare l'amore paradisiaco e guardare negli occhi di un altro mentre il tuo compagno di vita chiama il tuo nome dal suo letto per cercare sicurezza emotiva?"


Il passaggio dal senso dell'amore celestiale a quello dell'inferno doloroso è davvero scioccante. Ciò nonostante, potrebbe servire ad aiutare il caregiver ad affrontare la sua dolorosa situazione.

 

Cosa dire al coniuge?

"La sincerità ha rovinato più matrimoni dell'infedeltà" -Charles McCabe

"Il mio coniuge ha detto che se io (sessualmente) andassi altrove, non vorrebbe saperlo" -Una donna sposata


Molti caregiver affermano che il loro romantico trovato all'esterno consente loro di continuare a prendersi cura e sostenere il loro coniuge malato: genera energia positiva che solleva l'atmosfera della casa, favorendo così anche il malato.


Se dichiarare o meno al coniuge malato l'affare è una questione delicata. La scelta comune e più semplice è di tacere, lasciandolo godere della beatitudine dell'ignoranza. Questo comportamento, tuttavia, può essere considerato da entrambi i partner come un imbroglio, benché un tradimento benigno, e quindi dare origine a emozioni negative.


Un'altra possibilità è discutere il problema con il coniuge malato nella speranza di ottenere il suo consenso. In questo caso, anche la terza persona può aiutare a prendersi cura del coniuge malato. Questo scenario può essere problematico per due ragioni: è difficile sapere in anticipo se verrà dato il consenso, e anche se lo fosse, il partner malato potrebbe ancora avere forti emozioni negative riguardo al problema.

 

Osservazioni conclusive

"Prendersi cura di coloro che una volta si sono presi cura di noi è uno dei più alti onori" -Tia Walker

Non esiste un modo giusto per affrontare il dilemma dei caregiver in cattività. Ci sono diversi modi benevoli per farlo, e ci sono modi che sono certamente più dannosi di altri. Ignorare il dilemma è ingiusto verso i caregiver; affrontare la complessa situazione potrebbe richiedere una revisione delle nostre norme romantiche, principalmente nella direzione di allentare alcune di esse. Naturalmente, sono possibili anche altre opzioni.

 

 

 


Fonte: Aaron Ben-Zeév PhD, ex presidente dell'Università di Haifa, professore di filosofia.

Pubblicato su Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Referenze:

  1. Ben-Ze’ev, A. (2019). The arc of love: How our romantic lives change over time. Chicago: University of Chicago Press.
  2. Dworking-McDaniel, N. (27.3.2012).  Should You Have an Affair When Your Partner Is Dying? NextAvenue.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.