Iscriviti alla newsletter

Puoi restare senza empatia? La relazione tra empatia e compassione

Puoi restare senza empatia? La relazione tra empatia e compassioneAcedia, dipinto su carta grezza

Sebbene la maggior parte di noi impieghi i termini empatia e compassione in modo intercambiabile, gli scrittori professionisti generalmente distinguono tra questi ideali comportamentali strettamente collegati. In particolare, considerano l'empatia la capacità di mettersi nei panni di un altro, il che implica non solo subire in modo vicario la propria prospettiva ma anche le proprie emozioni corrispondenti.


Compassione, invece, è vista come inclusiva di tutte le componenti dell'empatia, ma un passo cruciale in più per questa identificazione immaginata. Con il significato letterale di 'soffrire insieme', si concentra maggiormente sulla volontà di agire concretamente per alleviare la sofferenza altrui. Infatti, l'eminente psicologa Barbara Fredrickson l'ha soprannominata 'empatia in azione'.


E tali sforzi proattivi possono registrarsi fisicamente come una frequenza cardiaca decelerata; con secrezione dell'ormone legante ossitocina; e con il coinvolgimento delle aree del cervello associate al caregiving. Inoltre, poiché farsi promotori (disinteressati) del benessere di un altro può essere intrinsecamente gratificante, agire compassionevolmente può anche accendere i centri del piacere del proprio cervello.


Alcuni scrittori che studiano le ramificazioni negative di esagerare i propri sforzi per conto di altri hanno etichettato il fenomeno 'stanchezza da empatia'. Ma la maggior parte degli scrittori usa il termine 'stanchezza da compassione' (vedi Figley 1995). E questa preferenza potrebbe essere dovuta al fatto che quest'ultima designazione suggerisce che le persone che esagerano con la compassione hanno maggiori probabilità di 'prendere su di loro' il dolore di coloro che stanno tentando così faticosamente di aiutare.


Al contrario, gli empati possono tentare di 'prendersi' accuratamente - sia cognitivamente che emotivamente - l'esperienza delle persone con cui si identificano intimamente, ma senza lo stesso arduo sforzo. E quindi sono in qualche modo meno vulnerabili all'esaurimento emotivo che deriva da un coinvolgimento più compassionevole con il sofferente.

 

Benefici di empatia e compassione

Questa citazione probabilmente lo dice meglio:

Molte delle persone più sagge del mondo hanno affermato che dare agli altri nella vita è la fonte della più grande contentezza e soddisfazione della vita. ("Simpathy vs. Empathy vs. Compassion", in OperationMeditation.com)


Inoltre, la presenza di un altro che si fida di noi abbastanza da portarci nella sua confidenza e da condividere alcune delle sue esperienze più vulnerabili, anche traumatiche, può essere sentito come un onore. (E come terapeuta, è sicuramente stato così per me innumerevoli volte). Come ascoltatori attenti, tali rivelazioni intime possono anche permetterci di ampliare la nostra 'conoscenza percepita' di ciò a cui potremmo essere in grado di relazionarci solo vicariamente; a una rimozione. E nell'essere messi a parte dei dettagli più intimi e talvolta spaventosi della vita di un altro, possiamo ampliare la nostra comprensione compassionevole della natura e della portata dell'esistenza umana.


Tale condivisione ci rende più consapevoli 'sensibilmente' di ciò che non abbiamo mai dovuto passare da soli. E se in futuro dovessimo essere chiamati a farlo, saremo molto meglio preparati, emotivamente, a gestire la prova. Perché nella nostra testa - e persino nel nostro corpo - abbiamo già provato una tale contingenza. In breve, relazionarsi empaticamente con ciò che un altro ha condiviso può aumentare la nostra umanità e approfondire i nostri sentimenti di connessione.

 

I costi gravosi della cura: stanchezza della compassione e traumatizzazione indiretta

Quindi chi è più in pericolo di empatia, o compassione, stanchezza? Potrebbe essere chiunque il cui rifornimento empatico nativo è ristretto, o potrebbe essere qualcuno che si è assunto l'onerosa responsabilità di affrontare un dolore enorme e il lutto. In un saggio intitolato 'Running on Empty', Françoise Mathieu suggerisce i potenziali pericoli di sovraestendere sé stessi per gli altri citando le parole di Rachel N. Remen (1996):

L'aspettativa di poter essere immersi quotidianamente nella sofferenza e nella perdita senza essere toccati da essa, è irrealistico quanto aspettarsi di poter camminare nell'acqua senza bagnarsi.


Non è sorprendente che le persone nella professione di consulenza siano particolarmente suscettibili all'esaurimento delle loro risorse empatiche. In un pezzo intitolato 'Empathy Fatigue' (2013), Lynne Shallcross osserva che la relazione tra consulente e cliente richiede "ascolto intenso e compassionevole". E in particolare, i consulenti devono prestare attenzione a (e identificarsi empaticamente con) l'inquietante 'ferita' ritratta a loro non da uno solo, ma da molti dei loro clienti in difficoltà.


A un certo punto, i consulenti che cercano deliberatamente di rapportarsi a così tanta miseria condivisa possono dover pagare un pedaggio. Perché i loro sforzi di 'esserci' pienamente per i loro clienti ha i suoi limiti e può raggiungere uno stadio di esaurimento. Una volta raggiunto tale limite, la fatica emotiva si insinua e la capacità di adattamento e di far fronte (sul lavoro e/o a casa) sarà compromessa. In breve, le persone nelle professioni di aiuto sono particolarmente a rischio di essere ferite. Oppure ri-ferite, se l'empatia con il dolore dei loro clienti (fisico, mentale o emotivo) finisce per costringerli a rivedere i loro precedenti disturbi psicologici che, non essendo mai stati completamente rettificati, portano ancora una carica negativa.


Altri professionisti altamente soggetti alla fatica dell'empatia / compassione includono:

  • Infermieri, in particolare quelli che lottano con pesanti carichi di lavoro, che lavorano con malati terminali, o che devono trattenersi dal reagire negativamente a pazienti verbalmente aggressivi o ostili;
  • Giornalisti che coprono guerre e eventi disastrosi in cui si trovano spesso in prossimità di traumi diffusi e orripilanti;
  • Vigili del fuoco, personale di soccorso e polizia, i cui lavori comprendono generalmente situazioni estreme ed emotivamente stressanti;
  • Avvocati la cui pratica richiede loro di visitare scene di incidenti e l'esposizione a sanguinose evidenze grafiche o che devono leggere o scrivere regolarmente di eventi traumatici;
  • Caregiver di anziani e disabili, in particolare quelli le cui risorse sono tese al massimo nella cura di malati di Alzheimer in deterioramento;
  • E vari altri - come suggerisce Diane Cole nel suo "The High Cost of Caring" (2017), che elenca (oltre ad alcuni di quelli già citati) soldati, primi soccorritori, operatori umanitari e chirurghi.


Come osserva, con triste ironia, la Cole: "Più i lavoratori sono empatici e aperti al dolore degli altri, più è probabile che condividano i sentimenti di dolore e devastazione di quelle vittime". O, come dice Jamil Zaki (scienziato sociale di Stanford), una persona empatica può "prendere su di sé gli stati sensoriali, motori, viscerali e affettivi negativi di un altro". Il che significa che, per quanto ammirevoli siano i loro sforzi, la cura profonda di coloro con cui si lavora può portare a ripercussioni che nessuno vorrebbe mai desiderare.


Shallcross (2013) discute di come Carl Rogers, l'ideatore della terapia centrata sul cliente, abbia postulato che i clienti che percepiscono il loro terapeuta come empatico sono anche quelli che mostrano i risultati più positivi in ​​relazione al rispetto positivo di sé. Eppure la disponibilità di questi terapeuti a rendersi disponibili emotivamente è esattamente ciò che a volte può minacciare la loro capacità di sostenere questa risorsa terapeutica critica. Ed è per questo che non solo i terapeuti, ma tutti coloro che lavorano nelle professioni di guarigione / aiuto devono rendere la cura di sé una priorità altrettanto alta della cura per gli altri.


Altrimenti, avendo raggiunto i limiti della loro empatia, il loro lavoro emotivo può finire per renderli sintomatici - vittime di quella che è stata definita traumatizzazione secondaria. Come una moltitudine di scrittori ha osservato, sulla base dell'individuo particolare e del grado in cui ha messo a dura prova le sue risorse psicologiche, questo stato di angoscia può manifestarsi non solo come stanchezza o esaurimento, ma anche come apatia, intorpidimento, distacco e spersonalizzazione, ansia, dispiacere, ritiro sociale, senso di colpa, rabbia e irritabilità, mal di testa, nausea e perdita di appetito, perdita o aumento di peso, vertigini, insonnia, immagini intrusive e flashback e persino un disprezzo di sé o un disprezzo equivalente a una grave depressione.

 

Combattere la stanchezza da compassione: suggerimenti per la cura di sé

Per ridurre le probabilità che i caregiver diventino emotivamente così estesi da non poter più funzionare in modo competente, o contento, nel loro ruolo scelto, ecco una selezione - come suggerito da vari scrittori - di metodi proattivi e reattivi di cura di sé:

  • Respira: per sentirti più tranquillo, inducendo la risposta di rilassamento, impegnati in una respirazione profonda e costante, che attiverà il sistema nervoso parasimpatico che mitiga lo stress.
  • Senti il ​​tuo corpo: quando sei in presenza di qualcuno che esprime emozioni forti, fai attenzione al contagio emotivo che ti rende vulnerabile, sentendoti con i piedi per terra e muovendo le dita dei piedi. (Questa tecnica può essere vista come uscire dalle scarpe di qualcun altro e tornare nelle proprie). Se stai in piedi, piega leggermente le ginocchia; se sei seduto, senti il ​​sedere in fondo alla sedia. Sii consapevole di (senza essere coinvolto in) tutte le tue sensazioni corporee.
  • Fissa limiti all'esposizione a informazioni sconvolgenti: per quanto possibile, controlla attentamente quanto tempo e attenzione presti a stimoli stressanti. (Tara Well, 2017)
  • Per quanto possibile, riduci i carichi di lavoro stressanti che ti fanno sentire sopraffatto.
  • Fai delle vacanze regolari, e se ciò non è possibile, esercitati in qualche forma di visualizzazione, in modo che (almeno nella fantasia) puoi ritirarti nel tuo prato privato pieno di fiori, in una spiaggia appartata o in una montagna o in una nuvola ad alta quota.
  • Medita, per assimilare e integrare meglio le tue emozioni, oltre a tenere una maggiore distanza da esse.
  • Tieni un diario, per dare sfogo a - ed elaborare più a fondo - qualunque cosa possa preoccuparti o agitarti.
  • Esercitati regolarmente, per rimanere in salute, ripristinare la tua energia e alterare positivamente la tua biochimica emotiva.
  • Parla con un amico personale fidato di ciò che ti angoscia o cerca una terapia quando riconosci che il tuo lavoro (che sia incaricato o volontario) sta sollevando questioni personali che, se irrisolte, richiedono assistenza professionale.
  • Assicurati che la tua dieta sia sana, veramente nutriente e promuova la resistenza e la vitalità.
  • Entra in gruppi o reti di supporto.
  • Genera una serie di strategie personalizzate di coping (far fronte), in base alle tue esigenze individuali e alle tue predilezioni (ad es., escursioni, yoga, una band musicale, preghiera o qualsiasi pratica spirituale che possa aiutarti a mantenere l'equilibrio e ripristinare il tuo equilibrio psicologico).
  • Dedica più tempo agli hobby che ti piacciono, che possono distogliere l'attenzione dagli stressanti continui al lavoro.
  • Fai tutto il necessario per assicurarti di avere abbastanza sonno riposante e ristoratore.
  • Per quanto possa sembrare cinico, è prudente non permettere alla tua empatia di scappare con (o piuttosto da) te. Come osservano S. D. Hodges e K. J. K. Klein dell'Università dell'Oregon: "Regolando l'esposizione e lo sforzo, le persone possono in una certa misura regolare la quantità di empatia che sentono e, a loro volta, controllare i costi che ne derivano ... Può essere nobile essere coerentemente empatici, ma è probabilmente più adattativo essere variabilmente empatici" ('Regulating the costs of Empathy: The Price of Being Human', 2001).

Quindi, per concludere, per prenderti cura meglio degli altri, assicurati di prenderti la migliore cura possibile per te.

 

 

 


Fonte: Leon F. Seltzer PhD, psicologo clinico e autore di Paradoxical Strategies in Psychotherapy.

Pubblicato su Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.