Esperienze e opinioni

Parlare dello sport preferito da giovani aiuta gli anziani con demenza

Parlare dello sport preferito da giovani aiuta gli anziani con demenza

Per molti adulti che invecchiano, alcuni dei ricordi d'infanzia più forti possono essere legati ad avere giocato a baseball, a parlare delle gare, o a essere andati a vedere la loro squadra preferita di Major League con il loro padre.


Il ricercatore della University of Connecticut, Michael Ego, professore di sviluppo umano e studi familiari nel campus di Stamford, sta studiando l'efficacia dell'uso del baseball nell'ambito della terapia di reminiscenza per gli anziani con demenza, quel declino della memoria legata all'età, incluso l'Alzheimer, che induce le persone a richiedere l'assistenza di un caregiver.


All'inizio di quest'anno Ego, che ha condotto una serie di ricerche in gerontologia e assistenza agli anziani, ha sviluppato il 'Programma Reminiscenza del Baseball' con il personale del River House Adult Care Center di Cos Cob in Connecticut. Il programma si basa su attività simili a quelle che ha studiato ad Austin nel Texas e a St. Louis nel Missouri, così come a programmi analoghi che ha osservato durante una visita in Scozia, incentrata su calcio, golf e cricket.


"Abbiamo avuto programmi sulla reminiscenza, su arte, eventi attuali, spostamenti o viaggi; tutto quello che può rinfrescare i ricordi, far funzionare il cervello, e dare alle persone una risposta emotiva", dice Donna Spellman, direttrice esecutiva del River House. "Quello che abbiamo trovato davvero interessante qui è che a volte in camera ci sono più donne che uomini. Sono altrettanto emotivi e legati al baseball come cultura".


Le sessioni di un'ora all'inizio di quest'anno si sono tenute alla River House ogni due settimane da aprile a luglio. Un gruppo di sei uomini e sei donne hanno partecipato a riti tradizionali legati alla memoria, come recitare il tributo alla bandiera americana e cantare "Take Me Out to the Ballgame" detta anche "Seventh Inning Stretch". Nel frattempo, Ego e diversi coetanei volontari guidavano discussioni sulle esperienze dei partecipanti con il gioco, rispondendo a domande sulle curiosità del baseball, su giocatori importanti e sulla storia del gioco.


"Non ero sorpreso del modo in cui andava a Cos Cob, perché ovunque ero stato prima c'era stato un innesco che apriva le persone su ciò che piace a loro", dice Ego. "Abbiamo appena finito la seconda sessione: lo amano, si divertono, sono impegnati, con questa malattia c'è difficoltà a farli impegnare. L'interazione è molto positiva".


Durante una sessione in una sala conferenze della River House a fine giugno, Ego ha condotto quello che egli descrive come un "esercizio di valori", chiedendo a tutti intorno al tavolo una risposta a parole o frasi utilizzate spesso nel baseball o in altre competizioni sportive. Se la persona interpellata lotta per le parole o non risponde alla domanda, qualcuno offre un suggerimento o risponde. Ego ha chiesto a una donna che è una fan dei New York Mets di rispondere a "Qualcuno deve vincere", e lei ha detto: "Sicuro, e devono essere i Mets!", e giù risate intorno al tavolo.


Più tardi, i partecipanti hanno osservato riepiloghi video sulla All-American Girls Baseball Professional League, che operava durante la Seconda Guerra Mondiale e che è stata rappresentata nel film di Penny Marshall "A League of Their Own" (in italiano: "Ragazze vincenti"). Hanno anche visto i punti salienti di "Pitch", lo spettacolo televisivo basato sulla vita reale di una lanciatrice della lega minore di baseball, che è stato trasmesso brevemente all'inizio di quest'anno. Uno dei membri del cast di "Pitch" era l'ex alunno della UConn Dan Lauria '91 MFA, meglio noto per il suo ruolo in "The Wonder Years" (in italiano: "Blue Jeans").


Il consulente aziendale Frank Schipani è diventato un volontario per il gruppo di reminiscenza dopo aver seguito il corso "Baseball e società" di Ego a Stamford. Ha una collezione di oggetti memorabili del baseball e Ego lo ha designato come "allenatore di banco" del programma, una posizione del baseball professionale. Schipani dice che dopo aver notato che due uomini del gruppo erano esitanti a partecipare ad alcune delle conversazioni di gruppo, ha portato alcune vecchie foto dei giocatori dei New York Yankees.


"Ho tirato fuori le foto. Sono balzati in piedi, dicendo che è Yogi Berra, era il numero 8,
ha detto il ragazzo, se arrivi a un bivio, prendilo", ricorda Schipani. "Il cuore mi si è riempito, ho mostrato altre foto degli Yankees, sapevo che c'erano tifosi dei Red Sox nel Connecticut, ho portato una grande foto di Ted Williams, lo stesso ragazzo ha risposto dicendo che è Ted Williams, era stato l'ultimo a battere .400 nelle Major Leagues. Questo funziona, quello che stiamo facendo qui".


Il 20 luglio, la sessione più recente del programma si è conclusa con il viaggio dei partecipanti a Citi Field nel Queens a New York, per vedere i New York Mets giocare contro i St. Louis Cardinals in un incontro diurno che la squadra di casa ha vinto alla fine del nono inning. Il gruppo aveva i primi posti in una area privata, per gentile concessione della Fondazione Steven A. e Alexandra M. Cohen, e si è goduto un pranzo a base di hot dog, bistecche di pollo e Cracker Jacks.


Augusta Hoffman ha assistito alla partita con suo padre, Burton, che partecipa al Programma di Reminiscenza del Baseball. Dice che l'ex uomo d'affari non vede l'ora di partecipare alle sessioni. "Tutto ciò che fa collegare i neuroni va bene", dice. "Lui guarda il baseball ogni sera a casa, gli dico che ogni singola cosa che fanno ha uno scopo: niente è a caso. E' ben conscio di non funzionare al 100 per cento, ama gli altri del loro tavolo, lo cercano".


Anna Marie McDermott ha guadato la partita con il marito Mike, che va alla River House quattro giorni alla settimana. Dice che suo marito ha risposto bene alle attività del programma. Il figlio della coppia giocava a baseball al college e ha giocato brevemente nei campionati minori prima di intraprendere una carriera nell'informatica. Il baseball era un interesse comune per padre e figlio.


"Si è risvegliato un po' di più", dice a proposito dell'effetto del programma. "Legge le copertine delle pagine dello sport, e qualunque opuscolo che legge nella sessione, lo mette in una busta e lo manda a Dallas, dove vive mio figlio".


Le informazioni sui Programmi di Reminiscenza del Baseball in Connecticut, Texas e Missouri hanno già iniziato a diffondersi in tutta la nazione. In giugno, Ego è andato a Cooperstown/New York, al Symposium Annuale di Cooperstown su baseball e cultura americana presso la Baseball Hall of Fame, dove ha fatto una presentazione con Jim Kenton del programma di Austin, che includeva un video prodotto da Ego su quel programma.


Ego ha anche parlato durante il simposio Sport, Demenza e Salute Mentale al Museo di Calcio Scozzese in collaborazione con l'Università di Edimburgo, che fa parte di Universitas 21, una rete internazionale di università leader a livello di ricerca in 13 nazioni, che comprende la UConn.


Ego e la Spellman illustreranno inoltre l'esperienza del programma River House alla conferenza nazionale dell'Associazione Americana dei Servizi Diurni per Adulti a fine settembre. Un produttore della ESPN ha partecipato a diverse sessioni, compreso il viaggio a Citi Field, realizzando interviste con pazienti, caregiver e personale della River House per una trasmissione futura.


"La cosa che mi ispira a fare di più per diffondere questi programmi in tutto il paese", dice Ego, "sono i sorrisi, le risate e la soddisfazione che questi individui provano sedendosi intorno e parlando di baseball con i loro coetanei".

 

 

 


Fonte: Kenneth Best in MedicalXpress (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

04.08.2017 DaNonPerdere

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017 DaNonPerdere

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​​a...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017 DaNonPerdere

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV ...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

07.10.2016 DaNonPerdere

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer …

16.06.2016 DaNonPerdere

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016 DaNonPerdere

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocamp…

17.02.2016 DaNonPerdere

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015 DaNonPerdere

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili d...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015 DaNonPerdere

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015 DaNonPerdere

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le proteina…

31.07.2015 DaNonPerdere

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio r...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015 DaNonPerdere

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015 DaNonPerdere

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015 DaNonPerdere

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzheim…

27.04.2015 DaNonPerdere

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015 DaNonPerdere

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picco...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

05.12.2014 DaNonPerdere

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adulto…

21.11.2014 DaNonPerdere

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

02.11.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

06.10.2014 DaNonPerdere

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

01.10.2014 DaNonPerdere

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014 DaNonPerdere

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...