Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Metafore della demenza aiutano a descriverla, ma perpetuano lo stigma e ostacolano il trattamento

dementia as a global challenge

Mezzo milione di canadesi vivono con demenza e un canadese su cinque si prende cura di qualcuno con la malattia. La demenza è un termine ombrello che comprende molte condizioni che causano "perdita di memoria, di linguaggio, di capacità di risolvere i problemi e di altre capacità di pensiero, abbastanza grave da interferire con la vita quotidiana".


Come dottorande e operatrici sanitarie, nonché familiari di persone con demenza, siamo critiche nei confronti di stereotipi e idee sbagliate comuni. Queste spesso emergono nelle metafore usate per spiegare e comprendere la demenza. Alcune metafore possono essere utili, ma possono anche essere dannose.

 

Metafore comuni di demenza

Alcune metafore della demenza includono confronti con zombi o bambini. Lo vediamo quando qualcuno si riferisce all'esperienza della demenza come 'regredire all'infanzia' o come a 'morti che camminano'.


Queste metafore possono aggravare le convinzioni secondo cui le persone con demenza sono incompetenti, incapaci di dare consenso e non devono essere consultate sulle loro cure. Ciò può verificarsi indipendentemente dal tipo o dalla gravità della demenza che li ha colpiti.


Può anche portare quelli con demenza a sentire di non essere credibili quando riferiscono la propria esperienza. Possono quindi essere titubanti a contribuire con informazioni importanti sulla loro esperienza o non ricevere l'autonomia di cui sono capaci.


Anche la definizione comune della demenza socialmente e nei media può causare danni. Questa narrativa tipica spesso incornicia tutte le forme di demenza come morbo di Alzheimer (MA).


Un sintomo precoce comune e cardinale del MA è la compromissione progressiva della memoria, descritta come 'amnesia episodica anterograda a lungo termine'. Ciò comporta difficoltà a creare nuovi ricordi e a ricordare eventi precedenti. Alcune metafore usate per sostenere questa narrativa sono che la demenza è un invasore che 'attacca e distrugge' il cervello e i ricordi, o è un predatore che 'deruba di soppiatto la persona del suo senso di sé'.


Tuttavia, tale metafora non è sufficiente per altri tipi di demenza. Ad esempio, la demenza vascolare è qualsiasi demenza dovuta a una malattia cerebrovascolare (come l'ictus), che compromette il flusso sanguigno a parti del cervello. A differenza del MA, la demenza vascolare può risparmiare la memoria episodica e compromettere significativamente la funzione esecutiva, come la capacità di astrarre, pianificare, organizzare e adattarsi. Tuttavia, i sintomi dipendono da quale area del cervello è influenzata.


Un modo per capire la demenza vascolare è usare l'analogia del palloncino. Immagina di tenere un fascio di palloncini. Immagina che i palloncini siano ricordi e conoscenze e le loro corde i percorsi per formarli e recuperarli.


In questo tipo di demenza, potresti ancora avere palloncini, ma le loro corde sono state tagliate; ad esempio, potresti aver formato il linguaggio ma non sei in grado di recuperarlo per parlare. Oppure alcuni palloncini potrebbero essere scoppiati lasciando alcuni vuoti, mentre altri rimangono gli stessi. Ad esempio il linguaggio può rimanere intatto, ma la pianificazione e l'attenzione sostenuta possono essere difficili.

 

Pro e contro delle metafore della demenza

Abbiamo bisogno di metafore in medicina. Le metafore possono essere strumenti integrali per la condivisione delle informazioni tra pazienti e professionisti sanitari. Gli operatori sanitari possono usare metafore per facilitare la comunicazione con i pazienti.


Anche i pazienti esprimono metaforicamente sintomi ed esperienze, per creare una comprensione condivisa con gli operatori sanitari. Le metafore possono aiutare i pazienti e gli operatori sanitari a collaborare con una comprensione comune dell'obiettivo delle cure.


Mentre le metafore possono essere strumenti eccellenti per questo, tutti gli strumenti hanno i loro limiti. Le metafore potrebbero non fare tutto ciò che vuoi e potrebbero tralasciare parti importanti della storia.


Ciò che rende dannose le metafore è che possono lavorare per omogenizzare l'esperienza della demenza, screditando e invalidando i componenti importanti della sua esperienza. Le metafore non riescono sempre a catturare le demenza miste o la demenza grave, quando le persone hanno sintomi da più tipi.

 

Le metafore possono essere limitanti

Mentre le metafore citate sopra possono evidenziare alcuni degli elementi biomedici della demenza, queste stesse metafore potrebbero non catturare relazioni tra le persone, ciò che apprezzano, le cose che fanno ogni giorno e gli spazi dove si muovono.


Nel confrontare due cose, le metafore evidenziano ciò che è comune tra loro. Queste possono quindi indirizzare la nostra risposta alla demenza in modi limitati. Le persone hanno maggiori probabilità di rispondere con una soluzione incorniciata allo stesso modo metaforico del problema. Ad esempio, la comprensione della demenza come predatore o invasore probabilmente dirige una risposta che prevede di attaccarla con strumenti come i farmaci.


D'altra parte, limitare la risposta solo a questo può trascurare importanti cambiamenti ambientali e relazioni del caregiver che contribuirebbero anche a migliorare la qualità della vita. Se il nostro pensiero si limita a una particolare metafora, questi pezzi importanti possono restare ignorati nella comunicazione clinica.


Lavorando insieme, professionisti sanitari e pazienti devono essere critici nei confronti delle metafore della demenza. Poiché aiutano a creare una comprensione condivisa, le metafore possono avere un ruolo fondamentale nel navigare nel divario tra la conoscenza portata da pazienti e operatori sanitari.


Tuttavia, le domande "Cosa potrebbe aver trascurato questa metafora?" e "Quanto è preziosa questa metafora per la cura completa?" possono facilitare in modo ugualmente importante la comunicazione clinica.

 

 

 


Fonte: Jasmine Mah MD e Kaitlin Sibbald, della Dalhousie University/Canada

Pubblicato su The Conversation (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.