Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Neppure i dati pubblicati chiariscono se l'Aduhelm è utile per i pazienti

aducanumab biogen

Biogen ha annunciato sommessamente in una conferenza in Spagna che è stato finalmente pubblicato un manoscritto dei risultati dell'esperimento di Fase III (EMERGE) dell'Aduhelm, il farmaco controverso per il morbo di Alzheimer (MA), in una piccola rivista, con un editore capo in conflitto di interessi, quasi un anno dopo che il farmaco ha avuto l'approvazione accelerata.


Il manoscritto è stato pubblicato mercoledì scorso sul Journal of Prevention of Alzheimer’s Disease, come riferito da un portavoce dell'azienda alla 2022 International Conference on Alzheimer’s and Parkinson’s Diseases.


Brian Skorney, analista di biotecnologie della Baird, ha notato che considerando l'impatto dei risultati e il modo in cui l'approvazione dipende da tali dati, la rivista non è esattamente una pubblicazione di alto livello, poiché il suo fattore di impatto è 4,5, mentre quello di JAMA è 56, e quello del New England Journal of Medicine è 91.


"È folle quanto tempo ci è voluto"
per pubblicare, ha detto Anton Porsteinsson, direttore del programma MA dell'Università di Rochester. "È una rivista che è cresciuta un po' all'interno del campo del MA negli ultimi 5 anni, ma non puoi dire che può competere con il New England o JAMA o The Lancet. Mi aspetto anche che ci saranno discussioni sul perché ci è voluto così tanto tempo, e perché non è stato fatto in una rivista più importante".


Inoltre, Paul Aisen, uno dei redattori capo della rivista e direttore dell'Alzheimer’s Therapy Research Institute della University of Southern California di Los Angeles, è un consulente pagato della Biogen e ha ricevuto quasi $ 40.000 dalla società dal 2014. La Biogen ha rifiutato di commentare se il manoscritto è stato inviato ad altre riviste prima di questa pubblicazione.


I dati potrebbero finalmente offrire ai ricercatori, e potenzialmente ai medici prescriventi, una visione migliore di come utilizzare l'Aduhelm e cosa mostrano i dati sulla sua sicurezza.


Madhav Thambisetty, investigatore senior del National Institute on Aging, che ha votato contro l'Aduhelm nel comitato consultivo della FDA che si era espresso unanimemente contro di esso prima dell'approvazione, ci ha detto:

"Il documento fa poco per affrontare la questione chiave del perché due esperimenti specifici di fase-3 sull'aducanumab erano discordanti. Gli autori ripetono la loro dichiarazione che l'emendamento al protocollo di metà studio (PV4) ha consentito a più pazienti di accedere alla dose elevata/efficace del farmaco per una durata più lunga rispetto a quella di ingaggio.

"Tuttavia, come discusso ampiamente dal revisore statistico della FDA, questa argomentazione non è sostenibile, perché circa un terzo dei partecipanti all'esperimento ENGAGE, che erano non portatori di ApoE4, avevano accesso alla dose alta del farmaco fin dall'inizio dello studio. Questi partecipanti non mostrano alcun effetto dal trattamento. Questo problema non è affrontato affatto nel documento [appena pubblicato].

"Un'altra omissione eclatante è il peggioramento piuttosto sorprendente del gruppo placebo in EMERGE che può guidare la 'positività' dello studio. C'è poca discussione su questo tema".


Anche Rob Howard, psichiatra dell'anzianità della University College London, ci ha espresso i suoi dubbi:

"Non mi sembra che questo [studio] abbia subito la rigorosa revisione tra pari che uno studio così importante e controverso dovrebbe avere. Dov'è, per fare un esempio, la discussione sul deterioramento più rapido casuale post cambio protocollo dei partecipanti all'EMERGE con placebo, identificato dagli statistici FDA come la spiegazione più probabile delle differenze tra i gruppi ad alta dose e placebo a quel punto?"

"Dov'è la considerazione del potenziale slegamento collegato agli eventi ARIA e all'aumento del monitoraggio con risonanza magnetica che dovrebbe accompagnarli, anche se in mancanza di sintomi?

"Queste sono domande difficili per la Biogen alle quali non è riuscita a rispondere alla FDA, ed è degno di nota che i revisori e l'editore non abbiano condizionato la pubblicazione alle risposte. Questo è un peccato.

"Molti di noi avevano chiesto ripetutamente che Biogen inviasse i dati alla pubblicazione peer-reviewed [con controllo dei pari]. Apparentemente ora l'hanno fatto, ma la revisione tra pari è stata apparentemente così benevola e senza chiarimenti che [la Biogen] potrebbe non essere stata disturbata. Troppo poco e troppo tardi ora per salvare l'aducanumab dall'oscurità, temo".


Nell'annunciare la pubblicazione, la società ha anche pubblicato nuovi dati che mostrano che l'Aduhelm continua a ridurre l'amiloide-beta nel cervello per due anni e mezzo (l'approvazione accelerata della FDA è stata basata su 1,5 anni di dati). Ma ancora, la società non ha offerto ulteriori dati per capire se questa riduzione dell'amiloide può rallentare il declino cognitivo.


Thambisetty ha inoltre notato:

"Il documento conferma che è stato osservato un aumento significativo del cambiamento dal basale alla settimana 30 e alla settimana 78 nel volume del ventricolo laterale nella MRI in tutti i gruppi di trattamento aducanumab (gruppi a basso e ad alto dosaggio sia in EMERGE che in ENGAGE) in confronto al placebo (P <.0001); nessun effetto relativo al trattamento è stato osservato nella misurazione dell'ippocampo e del cervello intero".

"Questa scoperta è coerente con quelle da altri anticorpi che abbassano l'amiloide, che sembrano accelerare l'atrofia del cervello. Tuttavia, sono stati dati pochi dettagli su questo evento avverso importante e potenzialmente clinicamente rilevante.

"Questa atrofia accelerata era peggiore nei portatori di  ApoE4? C'era un'associazione tra l'ampliamento del volume ventricolare e altri eventi avversi come ARIA-E e ARIA-H? Quali sono le conseguenze a lungo termine di tale atrofia accelerata? C'era un'associazione tra la gravità dell'ampliamento ventricolare e i livelli plasmatici di p-tau che possono riflettere la neurodegenerazione?

"Dato che i pazienti potrebbero prendere questo farmaco per diversi anni (supponendo che vengano trattati nelle prime fasi del MA), sembra particolarmente preoccupante che il peggioramento dell'atrofia del cervello sia una conseguenza inevitabile del trattamento con questo farmaco".

 

 

 


Fonte: Zachary Brennan in Endpoints News (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.