Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Intelligenza artificiale e lotta per preservare il sé

"Ma guardati e guardati bene dal dimenticare le cose che i tuoi occhi hanno visto: non ti sfuggano dal cuore, per tutto il tempo della tua vita. Le insegnerai anche ai tuoi figli e ai figli dei tuoi figli" - Deuteronomio 4:9


L'Antico Testamento ha molto da dire sul cuore e sull'anima, forse, in un certo senso, più significativo oggi che mai. I segnali di avvertimento sono chiari. Nel fascino dell'intelligenza artificiale e del bene che potrebbe produrre, è fondamentale assicurarsi, con una corretta supervisione, che la tecnologia non rubi la nostra anima, la nostra umanità. Eppure, potrebbe accadere.


Il sito web Built-in nota: “L'intelligenza artificiale (AI) è una vasta branca dell'informatica interessata alla costruzione di macchine intelligenti in grado di svolgere compiti che in genere richiedono intelligenza umana; in sostanza mostrare o espandere le competenze della mente umana".


A prima vista, questo sembra proprio impressionante. Ma lo è? È risuonato un forte allarme lo scorso maggio quando Geoffrey Hinton, soprannominato 'un padrino' dell'intelligenza artificiale, si è dimesso da vicepresidente di Google e socio di progettazione e si è confrontato faccia a faccia con i pericoli dell'IA. In un'intervista al New York Times, Hinton ha avvertito che "l'intelligenza generativa potrebbe diffondere disinformazione e, infine, minacciare l'umanità".


Hinton, ha riferito il Times, "si è unito a un coro crescente di critici che affermano che le aziende impegnate nella ricerca sull'intelligenza artificiale stanno correndo verso il pericolo con la loro campagna aggressiva per creare prodotti basati sull'intelligenza artificiale generativa, la tecnologia che alimenta i chatbot popolari come ChatGPT ... È difficile vedere come impedire ai cattivi attori di usarlo per cose cattive".


Giorni dopo, in un'intervista alla facoltà di gestione Sloan del MIT, Hinton ha dichiarato: "Penso che sia abbastanza concepibile che l'umanità sia solo in una fase di passaggio dell'evoluzione dell'intelligenza ... Essa (l'intelligenza artificiale) potrebbe tenerci in giro per un po' per tenere in funzione le centrali energetiche, ma dopo, forse non più (una volta che) abbiamo capito come costruire esseri immortali. Queste intelligenze digitali, quando muore un pezzo di hardware, loro non muoiono. Se ... puoi trovare un altro pezzo di hardware in grado di eseguire le stesse istruzioni, puoi rimetterlo in vita. Quindi abbiamo l'immortalità, ma non è per noi".


NBC News ha recentemente riferito: “I ricercatori di tutto il mondo stanno addestrando l'IA a ricreare le immagini viste dagli umani usando solo le loro onde cerebrali. Gli esperti affermano che la tecnologia è ancora agli inizi, ma annuncia una nuova industria dell'analisi del cervello ... I risultati sono sorprendenti e fantastici ... Un team di ricercatori ... ha dimostrato di poter decodificare le scansioni del cervello umano per dire ciò che una persona sta immaginando nella sua mente".


Se/quando l'intelligenza artificiale e i robot un giorno supereranno la nostra intelligenza, l'umanità potrebbe diventare più simile allo Scarecrow (spaventapasseri) nel Mago di Oz, che desiderava (con scuse ai cantautori Harold Arlen e Yip Harburg) “Se solo avessi un cervello (da computer)".


Potenzialmente ci sono applicazioni illimitate per l'intelligenza artificiale, mentre i 'cattivi attori' di Hinton inventano possibilità, come moderni Frankenstein. Uno è il controllo dell'intelligenza artificiale su depressione, ansia, morbo di Alzheimer (MA), altre forme di demenza e altri disturbi, in cui l'AI si impossessa della mente. Questo è personale per me. Il MA ha rubato mio nonno materno, mia madre e mio zio paterno, e prima della scomparsa di mio padre, anche a lui è stata diagnosticata la demenza, una malattia che ora è venuta a me.


Non credo di essere solo in questo, ma ho molta più fiducia nei ricercatori e nei laboratori farmaceutici che cercano cure rispetto alle manipolazioni o ai chip di computer nel cervello, un po' come rifare il film The Manchurian Candidate. Nel viaggio della demenza, dove lo stesso MA può richiedere dai 20 ai 25 anni per seguire il suo corso diabolico, si tratta di salvare il sé, non di perderlo.


Ho riposto la mia fiducia nel preservare il sé e negli esperti che corrono per trovare una cura che non cortocircuiti il cervello. Il MA e altre forme di demenza sono in giro da molto tempo e ci vorrà del tempo per trovare la cura, con il sostegno di organizzazioni come UsAgainstAlzheimer; Cure Alzheimer's Fund di Boston, e i suoi collegamenti di Harvard e del MassGeneral Hospital, e Rudy Tanzi e l'Alzheimer's Association.


Ora, o in futuro, preferirei morire di cause naturali o malattie, e non di essere manipolato. È stata Helen Keller a dire con grande lungimiranza: "Non potremmo mai imparare ad essere coraggiosi e pazienti se ci fosse solo gioia nel mondo".


La fusione della scienza e dell'anima, credo, porterà trionfo. Ma ci vorrà tempo e pazienza. I ricercatori mettono abilità straordinarie e passione in questa lotta, mentre il resto di noi si sforza di portare sul campo di battaglia umanità duratura e compassione, che emana dall'anima, non una manipolazione della mente, la nostra memoria.


C'è forza nei numeri, nel camminare con pazienza, nella fede e nella speranza, come faccio io anche con un carcinoma prostatico avanzato, la perdita di memoria, la depressione profonda e il disfacimento continuo del corpo.


“La memoria è tutto. Senza di essa non siamo nulla", ha osservato il neuroscienziato Eric Kandel, vincitore del premio Nobel 2000 per la ricerca sulla fisiologia della memoria nel cervello. "La memoria è la colla", ha detto, "che lega la mente e fornisce continuità". Come il suo defunto mentore, l'eminente neurologo Harry Grundfest gli consigliò: "Dovrai adottare un approccio riduzionista, una cellula alla volta". Cellula per cellula, Kandel ha smontato il cervello.


Se avesse scavato un po' più a fondo, avrebbe potuto scoprire che la mia defunta madre aveva ragione sulla memoria. Mentre la memoria offre contesto e prospettiva delineabile, non ci definisce. La definizione si trova nello spirito, ma bisogna scavare per questo. "Una vita senza ricerca", ha detto una volta Socrate, "non vale la pena di essere vissuta".


Il MA non è solo la malattia dei nonni. È intorno a noi da molto, molto tempo, sotto varie designazioni. Circa 2.400 anni fa Platone ha descritto una malattia che "dà origine a tutti i tipi di dimenticanza e stupidità". Circa 2.000 anni fa, il poeta romano Giovenale ha caratterizzato il fenomeno: “Peggio ancora di qualsiasi perdita nel corpo è la mente che fallisce, che dimentica i nomi ... e non riconosce più il volto del vecchio amico che ha cenato con lui la sera prima, né quello dei figli che ha generato e allevato".


Le scritture, inconsapevolmente, potrebbero aver messo un punto esclamativo sul MA e altre forme di demenza, in Giovanni 21:18: "Quando eri più giovane, ti vestivi e camminavi dove volevi. Ma quando sarai vecchio, allungherai le mani e qualcun altro ti vestirà e ti porterà in posti in cui non vuoi andare".


Io oggi sono portato in luoghi dove non voglio andare, ma con la piena certezza che questo viaggio con esperti, non scienziati pazzi, alla fine porta fuori dalla valle alla terra promessa. Potrei non arrivarci, ora a 73 anni, ma sono onorato di essere tra i tedofori. Spero con tutto il cuore in trattamenti efficaci e una cura per il MA, ma non posso riporre la mia fiducia nelle tecnologie che potrebbero mettere il corpo e la mente a rischio di perdere l'anima e l'umanità.

 

 

 


Fonte: Greg O'Brien, giornalista investigativo che ha l'Alzheimer ad esordio precoce.

Pubblicato su Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.