Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Ricerche

Disfunzione del drenaggio venoso nel cervello aggrava il declino cognitivo dell'Alzheimer

Disfunzione del drenaggio venoso nel cervello aggrava il declino cognitivo dell'AlzheimerSistema di drenaggio venoso del cervelloConosci qualcuno con il morbo di Alzheimer (MA)? Ci sono buone probabilità che la risposta a questa domanda sia "sì", dal momento che il MA è uno dei disturbi più comuni dell'età negli Stati Uniti [ndt: e non solo]. È anche la quinta causa di morte tra gli over-65.


Ma per quanto possa essere pervasiva la malattia, uno dei suoi sintomi più riconoscibili - un declino pronunciato della funzione cognitiva - è isolato dal MA.


Un lieve deterioramento cognitivo, e persino la demenza, possono essere una parte normale dell'invecchiamento e possono comportare gravi implicazioni per l'autonomia e la qualità della vita di un anziano. Sia il MA che la demenza legata all'età sono notoriamente difficili da trattare, in parte a causa della mancanza di comprensione di queste malattie da parte degli scienziati.


Ora la ricerca di un team collaborativo di neuroscienziati e ingegneri della Virginia Tech e dell'Università della Virginia sta mettendo in luce i meccanismi dell'invecchiamento cerebrale sottostanti e le malattie neurologiche associate. Il team è guidato da Jonathan Kipnis, preside di neuroscienze all'Università della Virginia.


Lo studio, pubblicato questa settimana su Nature, ha dimostrato che i vasi meningei linfatici nel cervello, scoperti nel 2014 da diversi membri dello stesso gruppo, hanno un ruolo essenziale nel mantenere una sana omeostasi nel cervello che invecchia e potrebbero essere un nuovo bersaglio per il trattamento.


I ricercatori hanno scoperto che questi vasi drenano il fluido dal sistema nervoso centrale nei linfonodi cervicali e la disfunzione di tale drenaggio aggrava il declino cognitivo e la patologia del MA. Inoltre, quando i ricercatori hanno trattato topi anziani sani con una molecola che aumenta le dimensioni dei vasi linfatici meningei e il flusso di fluido all'interno di tali vasi, i topi hanno mostrato prestazioni migliori nei compiti di apprendimento e di memoria.


"Invecchiando, il movimento dei fluidi nel cervello rallenta, a volte fino a un ritmo che è la metà di quello che era quando eri più giovane", ha scritto Jennifer Munson, coautrice dello studio e assistente professore nel Dipartimento di Ingegneria Biomedica e Meccanica del Virginia Tech. "Abbiamo scoperto che le proteine ​​responsabili del MA in realtà vengono drenate attraverso questi vasi linfatici nel cervello insieme ad altri detriti cellulari, quindi qualsiasi diminuzione del flusso non fa che influenzare l'accumulo di proteine".


Per vedere se quel flusso può essere manipolato, la Munson e il coautore dello studio Chase Cornelison hanno progettato un idrogel che contiene una molecola chiamata 'fattore di crescita vascolare endoteliale C' (VEGF-C, Vascular Endothelial Growth Factor C).


"Fondamentalmente, questo idrogel diffonde la VEGF-C in tutto il cranio e su quei vasi linfatici nel cervello, facendoli gonfiare"
, ha detto la Munson. "Insieme ai nostri collaboratori dell'UVA, abbiamo usato la tecnologia MRI per dimostrare che, a seguito di questo trattamento, il flusso di liquidi nel cervello è aumentato e questo sembra avere un effetto positivo sulle capacità cognitive".


Gli idrogel, che sono di solito usati nella ricerca per fornire proteine ​​o molecole a un sito specifico sul corpo, trovano frequenti applicazioni nell'ingegneria dei tessuti, nella guarigione delle ferite e nella ricerca sulle cellule staminali. "L'idrogel stesso in questo studio non è nuovo, ma l'applicazione lo è", ha detto la Munson. "I nostri risultati hanno mostrato che un giorno questo metodo potrebbe essere usato come potenziale trattamento per alleviare gli effetti non solo del MA, ma anche di altri disturbi cognitivi legati all'età".


In effetti, ha osservato Munson, i topi più anziani con normali abilità cognitive con problemi di età hanno sperimentato i maggiori guadagni di memoria e di apprendimento dal trattamento. Cornelison, ricercatore postdottorato in ingegneria biomedica alla Virginia Tech, ha detto che lui e la Munson sperano di usare idrogel simili in studi futuri come metodo non invasivo per alterare il flusso nel cervello.


"Vogliamo caratterizzare la risposta cellulare a questi cambiamenti nel flusso", ha detto. "Sappiamo che l'aumento del flusso in questi vasi sembra aumentare la funzione cognitiva, ma non sappiamo perché. Perché il flusso più lento è un problema? È perché hai un minore trasporto di sostanze nutritive o un aumento dell'accumulo di rifiuti? Al di fuori del MA, non siamo veramente sicuri di cosa potrebbe esserci in quel fluido che sta causando un declino cognitivo normale, correlato all'età".


La Munson, che studia il flusso nei fluidi e nello spazio pieno di matrice che circonda le cellule, chiamato 'spazio interstiziale', pensa che le risposte a quelle domande potrebbero trovarsi a monte delle principali vie di drenaggio del cervello: "Al momento tutti sono veramente concentrati sul flusso principale nel cervello, o sul movimento generale del flusso nel cervello", ha detto la Munson. "Ma per capire veramente i meccanismi del perché il flusso è legato agli esiti cognitivi, dobbiamo guardare a ciò che sta accadendo intorno ai neuroni e agli astrociti, tutte cellule che sono nel cervello".


Poiché il laboratorio della Munson lavora con il flusso di fluido interstiziale, lei dice che il suo team ha già i sistemi in atto per compiere il prossimo passo: "Questo è ciò che siamo pronti a fare", ha detto. "Siamo entusiasti di andare avanti".

 

 

 


Fonte: Emily Roediger in Virginia Polytechnic Institute and State University (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Sandro Da Mesquita, Antoine Louveau, Andrea Vaccari, Igor Smirnov, R. Chase Cornelison, Kathryn M. Kingsmore, Christian Contarino, Suna Onengut-Gumuscu, Emily Farber, Daniel Raper, Kenneth E. Viar, Romie D. Powell, Wendy Baker, Nisha Dabhi, Robin Bai, Rui Cao, Song Hu, Stephen S. Rich, Jennifer M. Munson, M. Beatriz Lopes, Christopher C. Overall, Scott T. Acton & Jonathan Kipnis. Functional aspects of meningeal lymphatics in ageing and Alzheimer’s disease. Nature, 25 July 2018. DOI 10.1038/s41586-018-0368-8

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.