Iscriviti alla newsletter

Come intervenire sul cervello per migliorare concentrazione e creatività

Come intervenire sul cervello per migliorare concentrazione e creativitàCaroline Williams si sottopone a un trattamento per migliorare la sua concentrazione.

La scrittrice Caroline Williams aveva difficoltà con la concentrazione mentale, quindi ha passato un anno a manomettere il suo cervello.


"Mettevo le cose nel posto sbagliato, e gli impegni nel giorno sbagliato dell'agenda", ci ha detto. "Sono arrivata con la mia famiglia all'aeroporto il giorno dopo del volo perché ho inserito male il giorno della partenza per la vacanza. Abbiamo dovuto ri-prenotare il volo e passare la notte in un albergo".


La Williams racconta dei suoi tentativi di migliorare la concentrazione e le altre capacità cognitive nel suo nuovo libro “My Plastic Brain: One Woman’s Yearlong Journey To Discover If Science Can Improve Her Mind” ("Il mio cervello plastico: il viaggio lungo un anno di una donna per scoprire se la scienza può migliorare la sua mente") edito da Prometheus Books.


Nel corso della sua ricerca per pensare in modo più efficiente, la Williams ha visitato laboratori di ricerca negli Stati Uniti e in Europa. Il suo cervello è stato stimolato con magneti e scosse elettriche e ha svolto vari compiti per costruire muscoli mentali e raggiungere vari obiettivi. Magneti ed elettricità sono stati usati per reindirizzare alcuni pensieri e bloccarne altri. E' arrivata a riconoscere lo stato d'animo ideale per diversi tipi di faccende mentali, che le hanno aperto gli occhi.


"Stavo facendo delle cose nel modo sbagliato", dice. "Facevo fatica a concentrarmi quando avevo una scadenza e mi sforzavo davvero. Attraverso la ricerca per il libro, ho imparato che il modo migliore per farlo, quando non puoi concentrarti, ma devi farlo, è fare degli esercizi, entrare nello stato giusto e riprovare ... Imparare a darmi un po' di pausa quando non sono nella zona giusta è stata una rivelazione".


Continua a leggere per vedere come la Williams ha portato a termine diversi esperimenti di laboratorio e come aggiustare il tuo cervello a casa.

 

Obiettivo: migliorare la concentrazione

Metodo: al Boston Attention and Learning Lab, i ricercatori hanno usato dei magneti per reindirizzare il flusso di alcune informazioni nel cervello della Williams. "Hanno spento temporaneamente il lato sinistro della rete di attenzione dorsale del mio cervello", dice. Il trattamento l'ha costretta a usare il lato destro più efficiente del cervello mentre distingueva diversi tipi di immagini sullo schermo di un computer. "Era come tenere un braccio per rafforzare l'altro", dice.

Tempo da dedicare: tre volte al giorno, otto minuti alla volta, per una settimana.

Risultato: all'inizio, afferma la Williams, "ero la persona con la peggiore salute che hanno testato [in termini di concentrazione]. Ma alla fine mi sono avvicinata al livello più alto". Attraverso l'allenamento, ora riconosce "quando è rilassata ma vigile, che è la mentalità ideale per rimanere focalizzati e concentrati". E poiché sa come ci si sente ad essere nella zona per una concentrazione prolungata, la Williams ora si allontana dal computer ed esce per una passeggiata quando è irrimediabilmente fuori dalla zona.

Cosa possiamo fare: "Meditare o passeggiare nel bosco può portarti in uno stato concentrato ma rilassato", afferma la Williams. "Riconoscere come ci si sente e provare a ricordarlo quando è necessario rimanere concentrati".

 

Obiettivo: ridurre l'ansia

Metodo: all'Università di Oxford, la ricercatrice Elaine Fox lavora sulla terapia cognitiva per chi si preoccupa in modo cronico. "Le persone ansiose si concentrano sui tre miserabili ospiti di una festa, diventano ansiosi e considerano negativa tutta la notte", afferma la Williams. La Fox ri-allena il cervello usando un sistema sviluppato alla McGill University di Montreal. I soggetti devono guardare lo schermo di un computer con 15 volti dall'aspetto arrabbiato e una faccia felice, quindi cliccare sulla faccia sorridente. La Williams dice che il trattamento ha allenato il suo cervello a cercare il lato positivo.

Tempo da dedicare: dieci minuti al giorno, ogni giorno per sette mesi.

Risultato: "Ora, nella scuola di mio figlio, distolgo lo sguardo dalle persone sgradevoli e mi concentro su quelle piacevoli", dice. "Mi sento meglio e, inoltre, ho meno paure irrazionali".

Cosa possiamo fare: fai il tuo allenamento in stile McGill tramite l'app gratuita Happy Faces per telefoni Android su Google Play.

 

Obiettivo: aumentare la creatività

Metodo: all'Università del Kansas, uno scienziato ricercatore ha applicato una stimolazione elettrica alla corteccia frontale della Williams per spegnere la parte del cervello che controlla la logica. La Williams poi guardava lo schermo di un computer che mostrava foto, e scriveva frasi intelligenti che la ispiravano. L'obiettivo era farlo in meno di nove secondi. "Ho trovato l'esperienza liberatoria", afferma Williams.

Tempo da dedicare: trenta minuti al giorno per quattro giorni.

Risultato: Con la corteccia frontale fuori uso, la mente della Williams vagava e lei non si tirava indietro. a visto l'immagine di un paio di stivali ascellari da pescatore e li ha chiamati "pantaloni per cavalli". L'irrazionalità non durava oltre la stimolazione, ma la Williams ora comprende che una mente errante presenta un'opportunità: "Piuttosto che pensare al sogno ad occhi aperti come una cosa cattiva, mi rendo conto che è il momento in cui il pensiero creativo può nascere più naturalmente".

Cosa possiamo fare: Assorbire. "L'alcol riduce l'attività nel lobo prefrontale", afferma la Williams. "È per questo che la gente balla dopo una birra". Oppure, quando sei sonnolento e hai problemi a concentrarti sul lavoro dopo pranzo, lascia che i tuoi pensieri vadano alla deriva un po' per far fluire i succhi creativi.

 

Obiettivo: migliorare il senso dell'orientamento

Metodo: i ricercatori dell'Università di Osnabrück, in Germania, hanno creato la cintura feelSpace, che calcola la direzione del nord e del sud e ronza delicatamente sulla parte del busto che corrisponde al nord. "Si ottiene un ritorno costante e si suppone che alla fine si costruisca una mappa mentale nel cervello", afferma la Williams. "Le cose si sono messe bene per me, ma a volte mi sono ritrovata a discutere con la cintura", a proposito di dove era il nord, in base a dove lei voleva andare. E evita di usare la tecnologia per sistemare le cose: "Quando sono fuori, non uso il mio iPhone per trovare la strada".

Tempo da dedicare: per sei settimane, almeno due ore al giorno.

Risultato: il suo senso dell'orientamento è migliorato con la cintura, ma senza di essa si è persa. "Non sono cablata per la navigazione", ammette la Williams. "A volte ti fermi un attimo e ti rendi conto che certe cose non le puoi fare".

Cosa possiamo fare: accendi la tua Xbox o Playstation. "Le persone che giocano ai videogiochi (come" Super Mario "o" Minecraft "), dove devi navigare in una terra straniera, sviluppano la consapevolezza spaziale", dice. "Essere consapevole di dove sei nel gioco, migliora la tua capacità di produrre mappe mentali".

 

Obiettivo: migliorare in matematica

Metodo: la Williams aveva sempre presunto di essere "spazzatura in matematica". Ma dopo aver determinato che i suoi ormoni dello stress aumentano quando calcola, i ricercatori dell'Università di Oxford hanno concluso che il problema era avere 'ansia per la matematica' piuttosto che essere carente nell'abilità. "Hanno potenziato la corteccia prefrontale [che controlla comportamenti come la pianificazione] con l'elettricità", ricorda. "Quel succo extra ha abbassato i segnali d'ansia".

Tempo da dedicare: fino a 30 minuti al giorno per tre giorni.

Risultato: ha funzionato. Senza l'ansia, i voti di matematica della Williams sono migliorati. L'esperienza ha avuto un effetto duraturo. "Faccio un respiro, rimuovo il blocco e faccio matematica", dice. "Uso la calcolatrice quando capita, ma è bello sapere che non sono spazzatura in matematica".

Cosa possiamo fare: leggi libri. "Il ricercatore ha superato l'ansia di matematica facendo pratica", afferma la Williams. "La sicurezza in sé stessi fa molto".

 

 

 


Fonte: Michael Kaplan in The New York Post (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.