Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Ricerche

L'Alzheimer introdotto nella città colombiana di Yarumal da un conquistatore spagnolo

L'Alzheimer introdotto nella città colombiana di Yarumal da un conquistatore spagnolo

La città di Yarumal in Colombia è famosa per una ragione negativa: ha la più grande popolazione al mondo di persone con Alzheimer. A Yarumal e nello stato circostante di Antioquia, ci sono 5.000 persone portatrici di una mutazione del gene che causa l'Alzheimer ad esordio precoce, la metà delle quali avrà la diagnosi a 45 anni, e l'altra metà dopo i 65.


I locali chiamano la malattia La Bobera ('la follia'), e il villaggio mostra parallelismi inquietanti con l'immaginario Macondo del romanzo di Gabriel Garcia Marquez «Cent'anni di solitudine», dove la gente soffre di disturbi della memoria e allucinazioni. Ma, anche se la 'maledizione' di Yarumal è ben conosciuta, nessuno sapeva finora come è apparsa la mutazione per la prima volta.


Ora dei ricercatori hanno tracciato la discendenza della mutazione, concludendo che probabilmente è stata introdotta da un conquistatore spagnolo all'inizio del 17° secolo. Ken Kosik dell'Università della California di Santa Barbara e i colleghi, hanno raccolto campioni di sangue di 102 persone di Antioquia e hanno sequenziato il genoma. La mutazione che causa questa forma di Alzheimer ad esordio precoce è chiamata E280A e si trova in un gene sul cromosoma 14; la mutazione è presente in 74 delle persone testate.


Poiché il team di Kosik aveva informazioni sulla sequenza del genoma attorno alla mutazione, sono riusciti ad usare una cosa chiamata analisi «identità-per-discendenza» per determinare come erano collegate le persone dello studio. L'analisi ha suggerito che la mutazione nasce da un antenato comune vissuto circa 375 anni fa.

 

Profilo genetico

I genetisti hanno poi confrontato il profilo genetico di un portatore dell'E280A di Antioquia con i profili genetici provenienti da tre potenziali continenti di origine, e le prove puntano verso l'Europa occidentale.


Ciò è coerente con una origine spagnola del portatore iniziale della mutazione del 17° secolo, secondo il team. I conquistatori - soldati e esploratori dell'impero spagnolo - hanno cominciato a colonizzare la Colombia nei primi anni del 16° secolo, e Yarumal stessa è stata fondata nel 1787. "E' difficile spiegare perché tutte queste persone condividono un così grande segmento di DNA, se non ci fosse stato un fondatore comune", dice Kosik.


"Mettendo insieme dati genetici e documenti storici, l'ipotesi che la mutazione sia stata introdotta da un conquistatore spagnolo
è molto probabile", dice Rita Guerreiro, genetista della University College di Londra. "Penso che sia giusto concludere da questo studio che la storia di Yarumal e la storia dell'E280A sono la stessa cosa".


Una ragione per cui il 99 per cento degli studi sui farmaci di Alzheimer è fallito è perché tali farmaci sono testati dopo che la malattia ha preso piede. Yarumal è uno dei pochi luoghi al mondo in cui i ricercatori possono essere sicuri che una parte considerevole di persone svilupperà l'Alzheimer. Ciò fornisce un motivo etico per testare nuovi farmaci su persone prima che presentino i sintomi.


Uno dei problemi di fare presto la diagnosi di Alzheimer è che attualmente richiede un ospedale e una procedura lunga e costosa per cercare segni di placche amiloidi nel cervello. "Ciò che serve è un semplice test della memoria che possa essere effettuato da un infermiere in una visita a domicilio", dice Mario Parra, della Herriot Watt University di Edimburgo nel Regno Unito. Parra e colleghi stanno sviluppando proprio questo test e lo stanno sperimentando ad Antioquia.

 

Sapere o no?

Alle persone reclutate per il sequenziamento del genoma in Antioquia non è stato detto se erano portatrici della mutazione E280A: "Abbiamo preso, con grande sofferenza, la decisione di non dirglielo, poiché non ci sono consulenti genetici laggiù", dice Kosik.


Per illustrare l'importanza del counselling, Kosik ha ricordato una conversazione che aveva avuto con un giovane uomo. "C'era un ragazzo di 24 anni che ha detto che avrebbe voluto conoscere il risultato del test. 'Ma non c'è alcun trattamento', abbiamo detto. Il ragazzo si è puntato la mano a forma di pistola sulla testa". Il giovane voleva indicare che si sarebbe ucciso, anche se, pur avendo la mutazione, i suoi sintomi non sarebbero apparsi prima di vent'anni. Un'altra persona, una giovane donna di 28 anni, è venuta dai ricercatori dicendo che voleva avere figli, ma aveva paura di trasmettere il gene.


Kosik dice di pensare a volte che sia giusta la decisione di non dire ai partecipanti il loro status genetico, ma che la percezione sui test genetici sta cambiando e che l'idea di non informare i partecipanti sarà difficile da sostenere.


James Pickett, responsabile della ricerca all'Alzheimer's Society nel Regno Unito, è incoraggiato dalla scoperta di Kosik. "Finora mancavano studi clinici sull'ereditarietà dell'Alzheimer, quindi è interessante questa nuova ricerca che ci aiuta a comprendere le origini di una mutazione genetica tra le generazioni".

 

 

 


Fonte: Rowan Hooper in New Scientist (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Matthew A. Lalli, Hannah C. Cox, Mary L. Arcila, Liliana Cadavid, Sonia Moreno, Gloria Garcia, Lucia Madrigal, Eric M. Reiman, Mauricio Arcos–Burgos, Gabriel Bedoya, Mary E. Brunkow, Gustavo Glusman, Jared C. Roach, Leroy Hood, Kenneth S. Kosik and Francisco Lopera. Origin of the PSEN1 E280A mutation causing early–onset Alzheimer’s disease. Alzheimers Dement. 2014 Oct; 10(0): S277–S283.e10. Published online 2013 Nov 13. doi:  10.1016/j.jalz.2013.09.005

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.