Ricerche

Perdita di sonno influenza la dimensione del cervello?

Perdita di sonno influenza la dimensione del cervello?Le difficoltà con il sonno possono essere legate ad un tasso più veloce di declino del volume del cervello, secondo uno studio pubblicato on line nell'edizione del 3 settembre 2014 di Neurology, la rivista medica dell'American Academy of Neurology.


Il sonno è stato definito «governante del cervello», poichè ripara e ripristina il cervello. Lo studio è stato effettuato su 147 adulti da 20 a 84 anni. I ricercatori hanno esaminato il legame tra i disturbi del sonno (come la difficoltà ad addormentarsi o a mantenere il sonno durante la notte) ed il volume del cervello.


Tutti i partecipanti sono stati sottoposti a due scansioni cerebrali MRI, in media a 3,5 anni di distanza, prima di completare un questionario sulle loro abitudini del sonno.


Il 35 per cento dei partecipanti ha soddisfatto i criteri per una scarsa qualità del sonno, segnando una media di 8,5 punti su 21 nella valutazione del sonno. Tale valutazione esamina quanto a lungo si dorme, quanto tempo è richiesto per addormentarsi di notte, l'uso di farmaci per dormire, e altri fattori.


Lo studio ha scoperto che le difficoltà del sonno sono collegate ad una diminuzione del volume cerebrale più rapida, nei 3,5 anni dello studio, in regioni cerebrali diffuse, anche all'interno delle aree frontali, temporali e parietali. I risultati sono più pronunciati nelle persone oltre i 60 anni.


"Non sappiamo ancora se la scarsa qualità del sonno è una causa o una conseguenza dei cambiamenti nella struttura del cervello", ha detto l'autore dello studio Claire E. Sexton, DPhil, dell'Università di Oxford nel Regno Unito. "Ci sono trattamenti efficaci per i problemi del sonno, quindi la ricerca futura deve verificare se, migliorando la qualità del sonno delle persone, si può rallentare il tasso di perdita di volume cerebrale. Se questo è il caso, migliorare le abitudini del sonno delle persone potrebbe essere un modo importante per migliorare la salute del cervello".

 

********
Lo studio è stato finanziato dal Research Council of Norway, dall'U.K. National Institute for Health Research, dal Wellcome Trust, dall'European Research Council e dalla Università di Oslo.

 

 

 

 

 


FonteAmerican Academy of Neurology  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: