Ricerche

Nuova struttura proteica potrebbe aiutare a curare l'Alzheimer

Nuova struttura proteica potrebbe aiutare a curare l'AlzheimerUna proteina anomala, a sinistra, viene intercettata da composti della UW che possono legarsi alla proteina tossica e neutralizzarla, come si vede a destra. (Fonte: U of Washington)Non esiste una cura per l'Alzheimer e le altre forme di demenza, ma la comunità di ricerca è ad un passo dal trovare un trattamento.


Bioingegneri della University of Washington hanno progettato una struttura peptide che può fermare la trasformazione dannosa delle proteine ​​normali del corpo in uno stato legato a malattie diffuse come l'Alzheimer, il Parkinson, le malattie cardiache, il diabete di tipo 2 e il morbo di Lou Gehrig.


La molecola sintetica blocca queste proteine quando passano dal loro stato normale alla forma piegata anormalmente, puntando una fase tossica intermedia. La scoperta di un bloccante proteico potrebbe portare al modo di diagnosticare e curare anche una grande fetta di malattie che sono difficili da definire e raramente hanno una cura.


"Se si potrà veramente catturare e neutralizzare la versione tossica di queste proteine, allora non si avranno ulteriori danni nel corpo", ha detto l'autore senior Valerie Daggett, professore di bioingegneria della UW. "Quello che è critico in tutto questo, che non è mai stato fatto prima, è che una singola sequenza peptidica deve funzionare contro le versioni tossiche di un certo numero di differenti proteine ​​amiloidi e peptidi, indipendentemente dalla loro sequenza amminoacidica o dalle strutture 3-D normali". I risultati sono stati pubblicati online questo mese sulla rivista eLife.

Nuova struttura proteica potrebbe aiutare a curare l'AlzheimerStruttura proteica a "foglio alpha" progettata della UW. (Fonte: U of Washington)
Più di 40 malattie conosciute come amiloidosi (l'Alzheimer, il Parkinson e l'artrite reumatoide sono alcune) sono legate all'accumulo di proteine ​​dopo che sono passate dalla loro forma normalmente ripiegata in forma biologicamente attiva, a dei depositi raggruppati piegati in modo anomalo, chiamati fibrille e placche. Questo avviene, fino ad un certo punto naturalmente, con l'avanzare dell'età: il nostro corpo non scompone più le proteine così velocemente come dovrebbe, provocando concentrazioni più elevate in alcune parti del corpo.


Ogni malattia amiloide ha una proteina o una struttura peptidica unica piegata anormalmente, ma spesso queste malattie sono mal diagnosticate perché i sintomi possono essere simili e si può individuare quale proteina è presente solo dopo la morte, con un'autopsia. Come risultato, molte demenze sono diffusamente diagnosticate come Alzheimer senza prove definitive, e altre malattie possono essere non diagnosticate e non trattate.


La struttura molecolare di una proteina amiloide può essere diversa solo leggermente da una proteina normale e può trasformarsi in uno stato tossico abbastanza facilmente, motivo per cui le malattie amiloidi sono così diffuse. I ricercatori hanno costruito una struttura proteica, chiamata "foglio alfa", che integra la struttura tossica delle proteine ​​amiloidi scoperta con simulazioni al computer. Il foglio alfa attacca efficacemente lo stato intermedio tossico che la proteina attraversa quando passa da normale ad anormale.


Le strutture possono essere personalizzate ulteriormente per legarsi con specificità alle proteine ​​di alcune malattie, fatto che potrebbe essere utile per terapie specifiche. I ricercatori sperano che i loro composti progettati possano essere usati per diagnosticare le malattie amiloidi e come farmaci per curare le malattie o almeno rallentarne la progressione.

"Per esempio, i pazienti potrebbero ricevere un ampio test iniziale per vedere se hanno una malattia amiloide e poi uno più approfondito per determinare quali proteine sono presenti e identificare la malattia specifica", ha detto Daggett.

 Nuova struttura proteica potrebbe aiutare a curare l'Alzheimer In questo schema una proteina normale comincia a convertirsi in uno stato tossico intermedio (in alto al centro). Il composto della UW può legare le specie tossiche e neutralizzarle (in basso al centro), impedendo la formazione di fibrille amiloidi. (Fonte: U of Washington)

********
Il team di ricerca comprende Gene Hopping, Jackson Kellock e James Bryers, bioingegneri della UW, Gabriele Varani e Ravi Pratap Barnwal, chimici della UW; Peter Law, ex studente laureato della UW; e Byron Caughey dei Rocky Mountain Laboratories dei National Institutes of Health.

Lavorando con il Center for Commercialization della UW, hanno ottenuto un brevetto su uno dei composti ed hanno presentato una domanda per brevettare l'intera classe di composti correlati.

Questa ricerca è iniziata una decina di anni fa nel laboratorio di Daggett quando un ex studente laureato, Roger Armen, ha scoperto per primo questa nuova struttura secondaria attraverso simulazioni al computer. La squadra di Daggett è riuscita a dimostrare la sua validità negli ultimi anni attraverso la progettazione di composti stabili e testando la loro capacità di legare versioni tossiche di diverse proteine ​​amiloidi in laboratorio.

La ricerca è stata finanziata dai National Institutes of Health, dalla National Science Foundation, dalla Wallace H. Coulter Foundation e dal Coins for Alzheimer’s Research Trust.

 

 

 

 

 


Fonte:  Michelle Ma in University of Washington  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: